Passa ai contenuti principali

Book & Tè, nasce il circolo letterario di Scrittura & Scritture


Ci sono cose che mi piacciono e non saprei spiegare bene perché.
Tra queste, ci sono libri e tazze di tè/caffè, libri e teiere, libri e bicchieri di caffè americano, e via dicendo. Insomma, accostate un libro ad una tazza, e mi farete felice.

Così, quando ho saputo che la casa editrice Scrittura & Scritture ha dato vita al circolo letterario Book & Tè, non potevo non esserne incuriosita.
Con cinque libri per cinque incontri, il circolo si propone di riaffermare la centralità del libro e della lettura e, senza falsa retorica, secondo me non se ne ha mai abbastanza.
L'iniziativa è volta a creare un punto di riferimento culturale per riaffermare, nel nostro piccolo e nella nostra città, la centralità del libro e della lettura. Nei cinque incontri si toccheranno i diversi generi della narrativa, romanzo contemporaneo, romanzo storico, giallo e racconti.
Il giovedì pomeriggio, in incontri bisettimanali, sorseggiando tè e sbocconcellando pasticcini, lettori appassionati avranno l'opportunità di incontrare gli autori della casa editrice e di parlare dei loro libri, in chiacchierate informali  e domande "irriverenti" che mai avrebbero pensato di fare (e chissà dove si potrebbe arrivare...).

Alla fine di ogni incontro, per lasciarsi con il dolce in bocca dopo il tè e i dolcetti, lo scrittore o la scrittrice presente regalerà consigli, tecniche e trucchi di scrittura.


Questo è il calendario degli appuntamenti:
16 ottobre - Il romanzo contemporaneo:
Sento la neve cadere di Domenico Infante.
30 ottobre - Astrologia e giallo:
Le geometrie dell'animo omicida di M. Bartolini.
13 novembre - I segreti delle dame della Conocchia:
La Riva Verde di A. Assini.
27 novembre - Napoli e la storica nobildonna Teresa Filangieri:
Teresa e la luna di C. Marcone.
11 dicembre - I racconti:
Le strane abitudini del caso di Giuseppe Pompameo.
La partecipazione al circolo è a numero chiuso.

Per iscriversi al circolo occorre prenotarsi telefonando al 0815449624 o scrivendo una mail a info@scritturascritture.it.
Tutti gli incontri si terranno presso la casa editrice Scrittura & Scritture [c.so Vittorio Emanuele, 421 - Napoli,] il giovedì pomeriggio dalle 17 alle 19, con cadenza bisettimanale dal 16 ottobre 2014 al 11 dicembre 2014.


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…