Passa ai contenuti principali

We are family... ma non su Facebook!


Essere presente su tutti i social network, postare, commentare, mipiacciare, etc... 
Tutto, tranne aggiungere i parenti su Facebook.

All'inizio, quando mi sono iscritta, ero piena dello spirito facebookiano di ritrovare chi avevo perso lungo la strada, di tenere i contatti con i parenti lontani e di sentire più spesso quelli vicini, di incontrare di nuovo i compagni di scuola e i colleghi universitari.
Insomma, tutto molto bello.

La realtà, però, si è rivelata diversa da quello che immaginavo: se aggiungi un/a cugino/a figlio/a di un/a zio/a a cui non racconteresti mai vita, morte, miracoli, flirt e festini a cui vai, tanto vale che metti una croce sopra alla tua riservatezza.
Esistono filtri, restrizioni, etc... Ora, all'inizio, molto meno.
Con risultati che vanno dalla discussione che inizia con: "Ma tuo/a figlio/a si è fidanzato/a e tu non dici niente?!" alla lite con tutti i crismi che si tramanderà di padre in figlio fino alla distruzione della stirpe maledetta. 

*** I toni e la lunghezza della maledizione cambiano a secondo della ristrettezza mentale della famiglia in questione***

Famiglie distrutte per una foto su Facebook... drammi shakespeariani della nostra epoca!

In effetti, in rete si trova un po' di tutto.
Ci sono gli amici facebookiani, quelli che mipiacciano e commentano tutto ma proprio tutto quello che pubblichi. Una volta chiusa la schermata di Facebook, però, se li incontri per strada, ci si saluta a stento e sicuramente si è molto meno eloquenti che da dietro uno schermo.

Poi, ancora, ci sono gli amici "veri", quelli che non avevi bisogno di ritrovare sui social perché vi conoscete da vent'anni, o giù di lì, ma che seguono ogni tuo aggiornamento per sapere con precisione quante pizze ti sei mangiato senza di loro, quanti caffè ti sei preso senza chiamarli, a quanti aperitivi hai preso parte senza invitarli. L'amicizia "vera" si nutre anche di questo (e sono ironica...).

Quelli che io adoro - e non sono ironica - sono i figli degli amici di famiglia, quelli presenti in ogni racconto dei tuoi genitori ma che poi, per un motivo o per un altro, non vedi più così spesso. Magari da piccoli avete giocato insieme, avete fatto castelli di sabbia mentre le vostre mamme si scambiavano le polpette e le frittate di maccheroni sotto l'ombrellone, siete pure andati ad un paio di rispettive feste di compleanno. E poi niente più. Puff, all'improvviso tu andavi ai Mak P e loro alle feste sulle spiagge (o viceversa) e vi siete persi di vista.
Poi arriva Facebook e vi ritrovate. Ed è un piacere vero, vi giuro.

Ultimamente è da questi che ho avuto maggiore solidarietà e dimostrazioni di partecipazione a gioie grandi e piccole.
Certo, un commento o un "mi piace" ha ben poca valenza nella realtà. O meglio, dovrebbe averne.

*** ma ho già appurato che non è così ***

Ed è allora che capisco, senza ombra di dubbio, che dobbiamo spegnere il computer, il pad, il telefono e dedicarci ad altro.
Magari a vivere.

*** Dal vivo. Dal vero. Davvero, però... ***

Commenti

  1. è vero i parenti su facebook diventano a tratti imbarazzanti ahahah per non parlare della categoria che mette mi piace a tutto e poi non ti saluta odio profondo Xd ..complimenti per il blog sono una tua nuova follower se ti va passa da me http://ilmondoditatta.blogspot.it/ ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermi letta! Faccio un salto da te! a presto :-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…