Passa ai contenuti principali

We are family... ma non su Facebook!


Essere presente su tutti i social network, postare, commentare, mipiacciare, etc... 
Tutto, tranne aggiungere i parenti su Facebook.

All'inizio, quando mi sono iscritta, ero piena dello spirito facebookiano di ritrovare chi avevo perso lungo la strada, di tenere i contatti con i parenti lontani e di sentire più spesso quelli vicini, di incontrare di nuovo i compagni di scuola e i colleghi universitari.
Insomma, tutto molto bello.

La realtà, però, si è rivelata diversa da quello che immaginavo: se aggiungi un/a cugino/a figlio/a di un/a zio/a a cui non racconteresti mai vita, morte, miracoli, flirt e festini a cui vai, tanto vale che metti una croce sopra alla tua riservatezza.
Esistono filtri, restrizioni, etc... Ora, all'inizio, molto meno.
Con risultati che vanno dalla discussione che inizia con: "Ma tuo/a figlio/a si è fidanzato/a e tu non dici niente?!" alla lite con tutti i crismi che si tramanderà di padre in figlio fino alla distruzione della stirpe maledetta. 

*** I toni e la lunghezza della maledizione cambiano a secondo della ristrettezza mentale della famiglia in questione***

Famiglie distrutte per una foto su Facebook... drammi shakespeariani della nostra epoca!

In effetti, in rete si trova un po' di tutto.
Ci sono gli amici facebookiani, quelli che mipiacciano e commentano tutto ma proprio tutto quello che pubblichi. Una volta chiusa la schermata di Facebook, però, se li incontri per strada, ci si saluta a stento e sicuramente si è molto meno eloquenti che da dietro uno schermo.

Poi, ancora, ci sono gli amici "veri", quelli che non avevi bisogno di ritrovare sui social perché vi conoscete da vent'anni, o giù di lì, ma che seguono ogni tuo aggiornamento per sapere con precisione quante pizze ti sei mangiato senza di loro, quanti caffè ti sei preso senza chiamarli, a quanti aperitivi hai preso parte senza invitarli. L'amicizia "vera" si nutre anche di questo (e sono ironica...).

Quelli che io adoro - e non sono ironica - sono i figli degli amici di famiglia, quelli presenti in ogni racconto dei tuoi genitori ma che poi, per un motivo o per un altro, non vedi più così spesso. Magari da piccoli avete giocato insieme, avete fatto castelli di sabbia mentre le vostre mamme si scambiavano le polpette e le frittate di maccheroni sotto l'ombrellone, siete pure andati ad un paio di rispettive feste di compleanno. E poi niente più. Puff, all'improvviso tu andavi ai Mak P e loro alle feste sulle spiagge (o viceversa) e vi siete persi di vista.
Poi arriva Facebook e vi ritrovate. Ed è un piacere vero, vi giuro.

Ultimamente è da questi che ho avuto maggiore solidarietà e dimostrazioni di partecipazione a gioie grandi e piccole.
Certo, un commento o un "mi piace" ha ben poca valenza nella realtà. O meglio, dovrebbe averne.

*** ma ho già appurato che non è così ***

Ed è allora che capisco, senza ombra di dubbio, che dobbiamo spegnere il computer, il pad, il telefono e dedicarci ad altro.
Magari a vivere.

*** Dal vivo. Dal vero. Davvero, però... ***

Commenti

  1. è vero i parenti su facebook diventano a tratti imbarazzanti ahahah per non parlare della categoria che mette mi piace a tutto e poi non ti saluta odio profondo Xd ..complimenti per il blog sono una tua nuova follower se ti va passa da me http://ilmondoditatta.blogspot.it/ ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermi letta! Faccio un salto da te! a presto :-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …