Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2014: Francesco Piccolo vince la 68esima edizione con "Il desiderio di essere come tutti"

Francesco Piccolo vincitore del Premio Strega 2014 - foto dalla pagina Facebook del premio.

Francesco Piccolo ha vinto il 68esimo Premio Strega con "Il desiderio di essere come tutti" (Einaudi).

Al secondo posto Antonio Scurati con "Il padre infedele" (Bompiani) e soli cinque voti di differenza dal vincitore (140 a 135), dopo che, nel 2009, arrivò ancora una volta secondo - e per un solo voto! - dal vincitore Tiziano Scarpa.
Terzo classificato, a sorpresa, Antonio Pecoraro con il suo "La vita in tempo di pace" (Ponte alle Grazie), seguito da Giuseppe Catozzella - vincitore anche del primo Premio Strega Giovani - con "Non dirmi che hai paura" (Feltrinelli) e da Antonella Cilento e "Lisario o il piacere infinito delle donne" (Mondadori).

L'incipit del libro vincitore - foto dalla pagina Facebook del Premio Strega.

Facciamo finta che nessuno sappia degli equilibri tra le case editrici che tirano le fila del più prestigioso premio letterario italiano. Facciamo finta che tutti abbiano letto e riflettuto sui libri in concorso e abbiano votato per quelli che ritengono i migliori [o almeno, così dice un giudice letterario]. Facciamo pure finta che gli scrittori davvero non si aspettino il nome di chi tra loro ha vinto l'ambito premio.
Facciamo finta di tutto ciò, ma almeno, se facciamo finta di trasmettere la diretta (su Rai 3), facciamo finta che sia una diretta vera!

E invece no. Le inquadrature alla lavagna coi voti - dove spiccava, già lapalissiano, il vincitore - sono state interrotte da letture di brani di opere, dalle interviste del conduttore Gerardo Greco agli scrittori in concorso e da qualsiasi altra cosa che, evidentemente, era stata messa in scaletta senza concordare con la regia di evitare di inquadrare cose che avrebbero rivelato prima della proclamazione il finale del concorso.
Solo quando, per scaletta e per orario, è giunto il momento, finalmente, è uscito dalle labbra del conduttore e del presidente della giuria Walter Siti il nome di Francesco Piccolo.

E in realtà, tutte queste cose sono piccolezze.
Ma si sa, sono queste piccolezze che, però, se fossero adempiute, potrebbero essere annoverate, volendo citare Piccolo, tra i momenti di trascurabile felicità di cui tutti abbiamo bisogno.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…