Passa ai contenuti principali

Premio Strega 2014: Francesco Piccolo vince la 68esima edizione con "Il desiderio di essere come tutti"

Francesco Piccolo vincitore del Premio Strega 2014 - foto dalla pagina Facebook del premio.

Francesco Piccolo ha vinto il 68esimo Premio Strega con "Il desiderio di essere come tutti" (Einaudi).

Al secondo posto Antonio Scurati con "Il padre infedele" (Bompiani) e soli cinque voti di differenza dal vincitore (140 a 135), dopo che, nel 2009, arrivò ancora una volta secondo - e per un solo voto! - dal vincitore Tiziano Scarpa.
Terzo classificato, a sorpresa, Antonio Pecoraro con il suo "La vita in tempo di pace" (Ponte alle Grazie), seguito da Giuseppe Catozzella - vincitore anche del primo Premio Strega Giovani - con "Non dirmi che hai paura" (Feltrinelli) e da Antonella Cilento e "Lisario o il piacere infinito delle donne" (Mondadori).

L'incipit del libro vincitore - foto dalla pagina Facebook del Premio Strega.

Facciamo finta che nessuno sappia degli equilibri tra le case editrici che tirano le fila del più prestigioso premio letterario italiano. Facciamo finta che tutti abbiano letto e riflettuto sui libri in concorso e abbiano votato per quelli che ritengono i migliori [o almeno, così dice un giudice letterario]. Facciamo pure finta che gli scrittori davvero non si aspettino il nome di chi tra loro ha vinto l'ambito premio.
Facciamo finta di tutto ciò, ma almeno, se facciamo finta di trasmettere la diretta (su Rai 3), facciamo finta che sia una diretta vera!

E invece no. Le inquadrature alla lavagna coi voti - dove spiccava, già lapalissiano, il vincitore - sono state interrotte da letture di brani di opere, dalle interviste del conduttore Gerardo Greco agli scrittori in concorso e da qualsiasi altra cosa che, evidentemente, era stata messa in scaletta senza concordare con la regia di evitare di inquadrare cose che avrebbero rivelato prima della proclamazione il finale del concorso.
Solo quando, per scaletta e per orario, è giunto il momento, finalmente, è uscito dalle labbra del conduttore e del presidente della giuria Walter Siti il nome di Francesco Piccolo.

E in realtà, tutte queste cose sono piccolezze.
Ma si sa, sono queste piccolezze che, però, se fossero adempiute, potrebbero essere annoverate, volendo citare Piccolo, tra i momenti di trascurabile felicità di cui tutti abbiamo bisogno.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …