Passa ai contenuti principali

Caccia al ladro. E ogni volta io mi innamoro di Cary Grant...

Cary Grant e Grace Kelly in Caccia al ladro (1955).

Io amo i film che hanno in sé quell'aura di felicità d'altri tempi.
E "Caccia al ladro" rientra perfettamente nella categoria.

***oggi pomeriggio lo stavano passando in tv e non ho saputo resistere***

Il film del 1955 è firmato da Alfred Hitchcock e ha per protagonisti Cary Grant e Grace Kelly che, in occasione delle riprese nel Principato di Monaco, conobbe il principe Ranieri che poi sarebbe diventato suo marito.

Grace Kelly in Caccia al ladro (1955).
La trama unisce magistralmente la suspense del giallo al glamour del cinema americano di quell'epoca, con location fantastiche, abiti da sogno e attori che, dalle comparse ai protagonisti, hanno una bellezza abbagliante.

E poi c'è Cary Grant.

Cary Grant (bellissimo!) in Caccia al ladro (1955).
È da quando ero una bambinetta che mi incantavo davanti alla tv ogni volta che passava un suo film.
Certamente non sono io quella che può parlare della sua eleganza, del suo fascino, della sua bravura perché fior fiore di esperti hanno già detto e scritto tutto quello che c'era da dire e da scrivere.

Per me Cary Grant è semplicemente Cary Grant.
Affascinante. Bellissimo. Inconfondibile.


In Caccia al ladro interpreta John Robie, detto "il Gatto", un ladro ritiratosi dalla professione per dedicarsi alla vita tranquilla della Costa Azzurra. L'incontro con Frances Stevens (Grace Kelly), figlia della vedova di un petroliere, lo richiama alle antiche abilità ma, stavolta, per proteggere i preziosissimi gioielli che la donna e sua madre possiedono. I gioielli spariscono lo stesso, però, e Frances sospetta di Robie.
Grace Kelly è di una bellezza statuaria e la corsa in macchina che fa drizzare i capelli a Robie/Grant richiama troppo da vicino l'ultima corsa che portò all'incidente in cui perse la vita.


Il film procede con un ritmo che non lascia scampo: non c'è noia, non c'è un attimo un cui mi viene voglia di cambiare canale, anche se so perfettamente la battuta che verrà dopo, la scena che seguirà.
Ho già detto in altre occasioni che sono cresciuta con questi film e, forse, il mio gusto e i miei bisogni culturali si sono formati anche in base alla complessità e alla bellezza che ho assorbito da pellicole come questa.



Generazioni di donne hanno amato quest'uomo e, a ventotto anni dalla scomparsa, i suoi film continuano a far sognare. O almeno, io sogno.

Cary Grant in una delle scene iniziali di Caccia al ladro. Sulla destra, il regista Alfred Hitchcock.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…