Passa ai contenuti principali

Caccia al ladro. E ogni volta io mi innamoro di Cary Grant...

Cary Grant e Grace Kelly in Caccia al ladro (1955).

Io amo i film che hanno in sé quell'aura di felicità d'altri tempi.
E "Caccia al ladro" rientra perfettamente nella categoria.

***oggi pomeriggio lo stavano passando in tv e non ho saputo resistere***

Il film del 1955 è firmato da Alfred Hitchcock e ha per protagonisti Cary Grant e Grace Kelly che, in occasione delle riprese nel Principato di Monaco, conobbe il principe Ranieri che poi sarebbe diventato suo marito.

Grace Kelly in Caccia al ladro (1955).
La trama unisce magistralmente la suspense del giallo al glamour del cinema americano di quell'epoca, con location fantastiche, abiti da sogno e attori che, dalle comparse ai protagonisti, hanno una bellezza abbagliante.

E poi c'è Cary Grant.

Cary Grant (bellissimo!) in Caccia al ladro (1955).
È da quando ero una bambinetta che mi incantavo davanti alla tv ogni volta che passava un suo film.
Certamente non sono io quella che può parlare della sua eleganza, del suo fascino, della sua bravura perché fior fiore di esperti hanno già detto e scritto tutto quello che c'era da dire e da scrivere.

Per me Cary Grant è semplicemente Cary Grant.
Affascinante. Bellissimo. Inconfondibile.


In Caccia al ladro interpreta John Robie, detto "il Gatto", un ladro ritiratosi dalla professione per dedicarsi alla vita tranquilla della Costa Azzurra. L'incontro con Frances Stevens (Grace Kelly), figlia della vedova di un petroliere, lo richiama alle antiche abilità ma, stavolta, per proteggere i preziosissimi gioielli che la donna e sua madre possiedono. I gioielli spariscono lo stesso, però, e Frances sospetta di Robie.
Grace Kelly è di una bellezza statuaria e la corsa in macchina che fa drizzare i capelli a Robie/Grant richiama troppo da vicino l'ultima corsa che portò all'incidente in cui perse la vita.


Il film procede con un ritmo che non lascia scampo: non c'è noia, non c'è un attimo un cui mi viene voglia di cambiare canale, anche se so perfettamente la battuta che verrà dopo, la scena che seguirà.
Ho già detto in altre occasioni che sono cresciuta con questi film e, forse, il mio gusto e i miei bisogni culturali si sono formati anche in base alla complessità e alla bellezza che ho assorbito da pellicole come questa.



Generazioni di donne hanno amato quest'uomo e, a ventotto anni dalla scomparsa, i suoi film continuano a far sognare. O almeno, io sogno.

Cary Grant in una delle scene iniziali di Caccia al ladro. Sulla destra, il regista Alfred Hitchcock.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…