Passa ai contenuti principali

Caccia al ladro. E ogni volta io mi innamoro di Cary Grant...

Cary Grant e Grace Kelly in Caccia al ladro (1955).

Io amo i film che hanno in sé quell'aura di felicità d'altri tempi.
E "Caccia al ladro" rientra perfettamente nella categoria.

***oggi pomeriggio lo stavano passando in tv e non ho saputo resistere***

Il film del 1955 è firmato da Alfred Hitchcock e ha per protagonisti Cary Grant e Grace Kelly che, in occasione delle riprese nel Principato di Monaco, conobbe il principe Ranieri che poi sarebbe diventato suo marito.

Grace Kelly in Caccia al ladro (1955).
La trama unisce magistralmente la suspense del giallo al glamour del cinema americano di quell'epoca, con location fantastiche, abiti da sogno e attori che, dalle comparse ai protagonisti, hanno una bellezza abbagliante.

E poi c'è Cary Grant.

Cary Grant (bellissimo!) in Caccia al ladro (1955).
È da quando ero una bambinetta che mi incantavo davanti alla tv ogni volta che passava un suo film.
Certamente non sono io quella che può parlare della sua eleganza, del suo fascino, della sua bravura perché fior fiore di esperti hanno già detto e scritto tutto quello che c'era da dire e da scrivere.

Per me Cary Grant è semplicemente Cary Grant.
Affascinante. Bellissimo. Inconfondibile.


In Caccia al ladro interpreta John Robie, detto "il Gatto", un ladro ritiratosi dalla professione per dedicarsi alla vita tranquilla della Costa Azzurra. L'incontro con Frances Stevens (Grace Kelly), figlia della vedova di un petroliere, lo richiama alle antiche abilità ma, stavolta, per proteggere i preziosissimi gioielli che la donna e sua madre possiedono. I gioielli spariscono lo stesso, però, e Frances sospetta di Robie.
Grace Kelly è di una bellezza statuaria e la corsa in macchina che fa drizzare i capelli a Robie/Grant richiama troppo da vicino l'ultima corsa che portò all'incidente in cui perse la vita.


Il film procede con un ritmo che non lascia scampo: non c'è noia, non c'è un attimo un cui mi viene voglia di cambiare canale, anche se so perfettamente la battuta che verrà dopo, la scena che seguirà.
Ho già detto in altre occasioni che sono cresciuta con questi film e, forse, il mio gusto e i miei bisogni culturali si sono formati anche in base alla complessità e alla bellezza che ho assorbito da pellicole come questa.



Generazioni di donne hanno amato quest'uomo e, a ventotto anni dalla scomparsa, i suoi film continuano a far sognare. O almeno, io sogno.

Cary Grant in una delle scene iniziali di Caccia al ladro. Sulla destra, il regista Alfred Hitchcock.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…