Passa ai contenuti principali

Caccia al ladro. E ogni volta io mi innamoro di Cary Grant...

Cary Grant e Grace Kelly in Caccia al ladro (1955).

Io amo i film che hanno in sé quell'aura di felicità d'altri tempi.
E "Caccia al ladro" rientra perfettamente nella categoria.

***oggi pomeriggio lo stavano passando in tv e non ho saputo resistere***

Il film del 1955 è firmato da Alfred Hitchcock e ha per protagonisti Cary Grant e Grace Kelly che, in occasione delle riprese nel Principato di Monaco, conobbe il principe Ranieri che poi sarebbe diventato suo marito.

Grace Kelly in Caccia al ladro (1955).
La trama unisce magistralmente la suspense del giallo al glamour del cinema americano di quell'epoca, con location fantastiche, abiti da sogno e attori che, dalle comparse ai protagonisti, hanno una bellezza abbagliante.

E poi c'è Cary Grant.

Cary Grant (bellissimo!) in Caccia al ladro (1955).
È da quando ero una bambinetta che mi incantavo davanti alla tv ogni volta che passava un suo film.
Certamente non sono io quella che può parlare della sua eleganza, del suo fascino, della sua bravura perché fior fiore di esperti hanno già detto e scritto tutto quello che c'era da dire e da scrivere.

Per me Cary Grant è semplicemente Cary Grant.
Affascinante. Bellissimo. Inconfondibile.


In Caccia al ladro interpreta John Robie, detto "il Gatto", un ladro ritiratosi dalla professione per dedicarsi alla vita tranquilla della Costa Azzurra. L'incontro con Frances Stevens (Grace Kelly), figlia della vedova di un petroliere, lo richiama alle antiche abilità ma, stavolta, per proteggere i preziosissimi gioielli che la donna e sua madre possiedono. I gioielli spariscono lo stesso, però, e Frances sospetta di Robie.
Grace Kelly è di una bellezza statuaria e la corsa in macchina che fa drizzare i capelli a Robie/Grant richiama troppo da vicino l'ultima corsa che portò all'incidente in cui perse la vita.


Il film procede con un ritmo che non lascia scampo: non c'è noia, non c'è un attimo un cui mi viene voglia di cambiare canale, anche se so perfettamente la battuta che verrà dopo, la scena che seguirà.
Ho già detto in altre occasioni che sono cresciuta con questi film e, forse, il mio gusto e i miei bisogni culturali si sono formati anche in base alla complessità e alla bellezza che ho assorbito da pellicole come questa.



Generazioni di donne hanno amato quest'uomo e, a ventotto anni dalla scomparsa, i suoi film continuano a far sognare. O almeno, io sogno.

Cary Grant in una delle scene iniziali di Caccia al ladro. Sulla destra, il regista Alfred Hitchcock.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…