Passa ai contenuti principali

Aspettami tra i fiori del caffè di Silvia Di Natale

Aspettami tra i fiori del caffè di Silvia Di Natale

È successo così con "Aspettami tra i fiori del caffè" di Silvia Di Natale [Piemme].
Lo sentivo aleggiare un po' dappertutto e così ho ceduto.

Il libro è un diario del viaggio di Elena a Taramà (località inventata che ricorda Tamarà), in Colombia, per far sposare l'Oro Puro - il caffè della torrefazione italiana di famiglia - con l'Oro di Taramà, il prodotto caffeario colombiano rappresentato da Fernando, il presidente della cooperativa dei cafeteros ospiti ad una fiera del settore in Italia.
Elena, dal primo sguardo, sa che Fernando, oltre al caffè, in Colombia, le farà conoscere una realtà ben più profonda e indimenticabile di un contratto di collaborazione.

Il diario inizia con la premessa che si tratterà della narrazione dei sette giorni trascorsi sulle Ande, ma a leggerli, sembrano molti di più.
Ben presto, infatti, la scrittura della Di Natale si discosta dal caffè e dei fiori del caffè non si parla se non in una canzone che i cafeteros cantano una serata di festa in piazza.
La narrazione prende i toni di una ricerca storica di cui la protagonista dice di essere esperta - e quasi sicuramente anche la Di Natale - che affonda le radici fino alla fondazione della città nel diciassettesimo secolo per poi allungarsi al nostro, di secolo, quello degli ismi e dell'ismo più spaventoso e violento che l'umanità abbia potuto concepire: il nazismo.

La scrittura procede senza scossoni e, anche nei passaggi che, nelle intenzioni, dovrebbero contenere il maggiore pathos, non sono riuscita ad emozionarmi.
La descrizione dei luoghi ha la meglio sulla descrizione dei personaggi e, forse per questo - da romanticona quale sono -, non sono riuscita ad affezionarmi né ad Elena né a Fernando e, di conseguenza, non sono riuscita a "sentire" il loro innamoramento, se non come qualcosa di estraneo sia alla storia che a loro stessi.

Leggendo i ringraziamenti, sono riuscita ad acquisire un po' del senso - che durante la lettura mi è sfuggito a più riprese - del libro: "Aspettami tra i fiori del caffè" è la parte romanzata del precedente libro/reportage "Millevite. Viaggio in Colombia" così, almeno la parte tecnica legata alla coltivazione del caffè e alla vita della comunità dei cafeteros trova una spiegazione che, però, non è sufficiente per la mancata parte romantica, diciamo così. Quello che passa benissimo, attraverso la scrittura della Di Natale, è il senso di soffocamento che sperimentano gli abitanti di Tamarà, imprigionati in una terra che non gli dà da vivere ma che non riescono ad abbandonare.

***un po' come è successo a me col libro, in pratica...***

L'ho già detto: io mi innamoro dei titoli e poi, grazie/a causa della mia fantasia, mi aspetto chissà cosa.
È un rischio ma, da lettrice, non smetterò mai di correrlo.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…