Passa ai contenuti principali

Aspettami tra i fiori del caffè di Silvia Di Natale

Aspettami tra i fiori del caffè di Silvia Di Natale

È successo così con "Aspettami tra i fiori del caffè" di Silvia Di Natale [Piemme].
Lo sentivo aleggiare un po' dappertutto e così ho ceduto.

Il libro è un diario del viaggio di Elena a Taramà (località inventata che ricorda Tamarà), in Colombia, per far sposare l'Oro Puro - il caffè della torrefazione italiana di famiglia - con l'Oro di Taramà, il prodotto caffeario colombiano rappresentato da Fernando, il presidente della cooperativa dei cafeteros ospiti ad una fiera del settore in Italia.
Elena, dal primo sguardo, sa che Fernando, oltre al caffè, in Colombia, le farà conoscere una realtà ben più profonda e indimenticabile di un contratto di collaborazione.

Il diario inizia con la premessa che si tratterà della narrazione dei sette giorni trascorsi sulle Ande, ma a leggerli, sembrano molti di più.
Ben presto, infatti, la scrittura della Di Natale si discosta dal caffè e dei fiori del caffè non si parla se non in una canzone che i cafeteros cantano una serata di festa in piazza.
La narrazione prende i toni di una ricerca storica di cui la protagonista dice di essere esperta - e quasi sicuramente anche la Di Natale - che affonda le radici fino alla fondazione della città nel diciassettesimo secolo per poi allungarsi al nostro, di secolo, quello degli ismi e dell'ismo più spaventoso e violento che l'umanità abbia potuto concepire: il nazismo.

La scrittura procede senza scossoni e, anche nei passaggi che, nelle intenzioni, dovrebbero contenere il maggiore pathos, non sono riuscita ad emozionarmi.
La descrizione dei luoghi ha la meglio sulla descrizione dei personaggi e, forse per questo - da romanticona quale sono -, non sono riuscita ad affezionarmi né ad Elena né a Fernando e, di conseguenza, non sono riuscita a "sentire" il loro innamoramento, se non come qualcosa di estraneo sia alla storia che a loro stessi.

Leggendo i ringraziamenti, sono riuscita ad acquisire un po' del senso - che durante la lettura mi è sfuggito a più riprese - del libro: "Aspettami tra i fiori del caffè" è la parte romanzata del precedente libro/reportage "Millevite. Viaggio in Colombia" così, almeno la parte tecnica legata alla coltivazione del caffè e alla vita della comunità dei cafeteros trova una spiegazione che, però, non è sufficiente per la mancata parte romantica, diciamo così. Quello che passa benissimo, attraverso la scrittura della Di Natale, è il senso di soffocamento che sperimentano gli abitanti di Tamarà, imprigionati in una terra che non gli dà da vivere ma che non riescono ad abbandonare.

***un po' come è successo a me col libro, in pratica...***

L'ho già detto: io mi innamoro dei titoli e poi, grazie/a causa della mia fantasia, mi aspetto chissà cosa.
È un rischio ma, da lettrice, non smetterò mai di correrlo.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…