Passa ai contenuti principali

Aspettami tra i fiori del caffè di Silvia Di Natale

Aspettami tra i fiori del caffè di Silvia Di Natale

È successo così con "Aspettami tra i fiori del caffè" di Silvia Di Natale [Piemme].
Lo sentivo aleggiare un po' dappertutto e così ho ceduto.

Il libro è un diario del viaggio di Elena a Taramà (località inventata che ricorda Tamarà), in Colombia, per far sposare l'Oro Puro - il caffè della torrefazione italiana di famiglia - con l'Oro di Taramà, il prodotto caffeario colombiano rappresentato da Fernando, il presidente della cooperativa dei cafeteros ospiti ad una fiera del settore in Italia.
Elena, dal primo sguardo, sa che Fernando, oltre al caffè, in Colombia, le farà conoscere una realtà ben più profonda e indimenticabile di un contratto di collaborazione.

Il diario inizia con la premessa che si tratterà della narrazione dei sette giorni trascorsi sulle Ande, ma a leggerli, sembrano molti di più.
Ben presto, infatti, la scrittura della Di Natale si discosta dal caffè e dei fiori del caffè non si parla se non in una canzone che i cafeteros cantano una serata di festa in piazza.
La narrazione prende i toni di una ricerca storica di cui la protagonista dice di essere esperta - e quasi sicuramente anche la Di Natale - che affonda le radici fino alla fondazione della città nel diciassettesimo secolo per poi allungarsi al nostro, di secolo, quello degli ismi e dell'ismo più spaventoso e violento che l'umanità abbia potuto concepire: il nazismo.

La scrittura procede senza scossoni e, anche nei passaggi che, nelle intenzioni, dovrebbero contenere il maggiore pathos, non sono riuscita ad emozionarmi.
La descrizione dei luoghi ha la meglio sulla descrizione dei personaggi e, forse per questo - da romanticona quale sono -, non sono riuscita ad affezionarmi né ad Elena né a Fernando e, di conseguenza, non sono riuscita a "sentire" il loro innamoramento, se non come qualcosa di estraneo sia alla storia che a loro stessi.

Leggendo i ringraziamenti, sono riuscita ad acquisire un po' del senso - che durante la lettura mi è sfuggito a più riprese - del libro: "Aspettami tra i fiori del caffè" è la parte romanzata del precedente libro/reportage "Millevite. Viaggio in Colombia" così, almeno la parte tecnica legata alla coltivazione del caffè e alla vita della comunità dei cafeteros trova una spiegazione che, però, non è sufficiente per la mancata parte romantica, diciamo così. Quello che passa benissimo, attraverso la scrittura della Di Natale, è il senso di soffocamento che sperimentano gli abitanti di Tamarà, imprigionati in una terra che non gli dà da vivere ma che non riescono ad abbandonare.

***un po' come è successo a me col libro, in pratica...***

L'ho già detto: io mi innamoro dei titoli e poi, grazie/a causa della mia fantasia, mi aspetto chissà cosa.
È un rischio ma, da lettrice, non smetterò mai di correrlo.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …