Passa ai contenuti principali

Un incantevole imprevisto di Marianne Kavanagh


Ci sono momenti in cui ci sembra di avere perfettamente tra le mani la nostra vita e siamo sicuri di avere il controllo su quello che vogliamo, su quello che abbiamo e su quello che avremo domani, su tutto.
Fondamentalmente, ci illudiamo.

Sono sempre stata restia a credere nel destino, forse perché troppo figlia di un'epoca in cui chi non ha il controllo di sé e delle proprie azioni è visto come un pazzo o un perdente (a volte tutte e due le cose insieme).
Poi la vita ci pone di fronte a coincidenze, fatti ed eventi che non hanno spiegazione alcuna se non adducendoli a qualcosa che è scritto e che agisce indipendentemente da noi. Che, anzi, resta lì in attesa del momento giusto, l'unico, per entrare in scena.

Accade così che il destino giochi con i personaggi di "Un incantevole imprevisto" di Marianne Kavanagh [Garzanti] tanto che, fin dall'inizio, ho iniziato a pensare: "E ti pareva, oh...!".
Non è possibile, infatti, che due persone che tutti dicono essere fatte l'una per l'altro, che tutti dicono di dover reciprocamente presentare, non riescano mai ad incontrarsi. E non per un'occasione o due, ma per anni!

Succede così che Tess e George girino l'uno attorno all'altro in una città grande come Londra e sembra che le loro strade si sfiorino sempre senza doversi mai incrociare. Gli amici non fanno che dire loro che devono presentarli, che loro due - e solo loro due in una moltitudine di persone - hanno tante, troppe cose in comune che per forza sono fatti per stare insieme. Ma il destino non è dello stesso avviso e per anni gioca con loro come il gatto col topo, senza permettere loro di afferrarsi.
Solo quando sarà il momento, solo allora e non un attimo prima, il destino farà di tutto ma proprio di tutto per far incrociare i loro sguardi e, da quel momento, il pensiero dell'uno sarà sempre in quello dell'altro.

Ci ho messo un po' a decidere di farmi conquistare da questa storia, ma poi, ad un certo punto, ho capito di essere capitata in un bel libro, di quelli che ti passano un messaggio attraverso una storia che è d'amore, ma che è soprattutto di vita, o meglio, di vite.

E il messaggio è: mai arrendersi perché non si può mai sapere cosa c'è in serbo per noi.

"Un incantevole imprevisto", nella copertina, ricalca il filone "ragazza-con-calzino-in-testa" inaugurato da "Uno splendido disastro" e questo può essere fuorviante per chi non ha più né l'età né la voglia di impelagarsi in una serie con protagonisti degli adolescenti o poco più. Non fatevi ingannare: nel libro della Kavanagh di acerbo non c'è davvero niente.
Il titolo originale è "For once in my life" - in onore della celebre canzone che, nel testo, viene nominata nella versione di Frank Sinatra - mentre in italiano, secondo me, si vuole sempre cavalcare l'onda della composizione aggettivo + sostantivo del già citato filone della McGuire.

Questo per dirvi cosa?
Per consigliarvi di non fermarvi alle prime impressioni date da copertina e titolo, perché ci sono libri che conservano piccoli mondi di profondità. Come questo.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…