Passa ai contenuti principali

Non basta avere una casa per essere una casa editrice...


A volte mi fermo a pensare alle cose che vedo in giro e non capisco.
Non capisco se sono io a non aver capito cos'è una casa editrice o se sono gli altri a non avere le idee chiare.

C'è da dire, però, che nel dubbio preferisco non fare guai o, quanto meno, informarmi prima.

In dieci anni di - onorata? - militanza nella carta stampata (e non) mi è capitato di vedere cose che non stanno né in cielo né in terra. 
Come ad esempio un tipografo che si improvvisa editore e, dal momento che le riunioni le fa a casa sua, diventa casa editrice [sic!].

Ultimamente, poi, di case editrici - o presunte tali - ne vedo tante, forse troppe. Tanto che, ad un certo punto, mi sono chiesta cosa ci fosse di strano.

Cosa c'è di strano in una casa editrice che, non ti chiede soldi per pubblicare, ma ti chiede di comprare un determinato numero delle copie del tuo libro?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che ti chiede di comprare i suoi libri in catalogo per valutare la tua opera inedita e, più compri, più velocemente ti giungerà il giudizio?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che si dimostra disponibilissima a pubblicarti, che anzi ti invita a collaborare e poi, dopo averti inserito in un'antologia senza farti firmare niente - figurarsi darti un compenso - ti fa gentilmente capire che, se vuoi leggere il libro, te lo devi comprare perché non "regalano" nemmeno la copia agli autori che hanno contribuito a crearlo, quel benedetto libro?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che non ti chiede niente, ti fa firmare pure un contratto, ti pubblica con tutti i crismi e poi... non ti promuove?

C'è da notare che in tutta questa mia ricerca non ho mai nominato nemmeno di sfuggita l'editoria a pagamento (benché l'editore/tipografo si faccia pagare per le stampe... e perché no, scusa? tu vai in tipografia e non vuoi pagare? mi sembra logico... o no?).
Perché, in effetti, queste realtà che amano definirsi case editrici, apparentemente non chiedono soldi.

Per una volta, sono uscita dai panni della giornalista e della blogger per mettermi in quelli di tutta quella miriade di persone che scrivono e sognano di essere pubblicate, un giorno. E si trovano a confrontarsi con realtà come queste che vi ho descritto.

Così, quasi senza rendermene conto, mi sono trovata a pregare che quelle case editrici, quelle vere, magari quelle piccole e dignitose, ma che ci percepisci la passione anche a km di distanza, quelle che ti danno tutto quello che possono e anche di più. Ecco, ho pregato che quelle case editrici là continuassero a vivere, in piena salute, per altri mille anni.

E se domani dovessi avere un libro nel cassetto, busserei anche - o, forse, soprattutto - alle loro porte, sperando che mi aprano.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…