Passa ai contenuti principali

Non basta avere una casa per essere una casa editrice...


A volte mi fermo a pensare alle cose che vedo in giro e non capisco.
Non capisco se sono io a non aver capito cos'è una casa editrice o se sono gli altri a non avere le idee chiare.

C'è da dire, però, che nel dubbio preferisco non fare guai o, quanto meno, informarmi prima.

In dieci anni di - onorata? - militanza nella carta stampata (e non) mi è capitato di vedere cose che non stanno né in cielo né in terra. 
Come ad esempio un tipografo che si improvvisa editore e, dal momento che le riunioni le fa a casa sua, diventa casa editrice [sic!].

Ultimamente, poi, di case editrici - o presunte tali - ne vedo tante, forse troppe. Tanto che, ad un certo punto, mi sono chiesta cosa ci fosse di strano.

Cosa c'è di strano in una casa editrice che, non ti chiede soldi per pubblicare, ma ti chiede di comprare un determinato numero delle copie del tuo libro?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che ti chiede di comprare i suoi libri in catalogo per valutare la tua opera inedita e, più compri, più velocemente ti giungerà il giudizio?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che si dimostra disponibilissima a pubblicarti, che anzi ti invita a collaborare e poi, dopo averti inserito in un'antologia senza farti firmare niente - figurarsi darti un compenso - ti fa gentilmente capire che, se vuoi leggere il libro, te lo devi comprare perché non "regalano" nemmeno la copia agli autori che hanno contribuito a crearlo, quel benedetto libro?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che non ti chiede niente, ti fa firmare pure un contratto, ti pubblica con tutti i crismi e poi... non ti promuove?

C'è da notare che in tutta questa mia ricerca non ho mai nominato nemmeno di sfuggita l'editoria a pagamento (benché l'editore/tipografo si faccia pagare per le stampe... e perché no, scusa? tu vai in tipografia e non vuoi pagare? mi sembra logico... o no?).
Perché, in effetti, queste realtà che amano definirsi case editrici, apparentemente non chiedono soldi.

Per una volta, sono uscita dai panni della giornalista e della blogger per mettermi in quelli di tutta quella miriade di persone che scrivono e sognano di essere pubblicate, un giorno. E si trovano a confrontarsi con realtà come queste che vi ho descritto.

Così, quasi senza rendermene conto, mi sono trovata a pregare che quelle case editrici, quelle vere, magari quelle piccole e dignitose, ma che ci percepisci la passione anche a km di distanza, quelle che ti danno tutto quello che possono e anche di più. Ecco, ho pregato che quelle case editrici là continuassero a vivere, in piena salute, per altri mille anni.

E se domani dovessi avere un libro nel cassetto, busserei anche - o, forse, soprattutto - alle loro porte, sperando che mi aprano.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…