Passa ai contenuti principali

Non basta avere una casa per essere una casa editrice...


A volte mi fermo a pensare alle cose che vedo in giro e non capisco.
Non capisco se sono io a non aver capito cos'è una casa editrice o se sono gli altri a non avere le idee chiare.

C'è da dire, però, che nel dubbio preferisco non fare guai o, quanto meno, informarmi prima.

In dieci anni di - onorata? - militanza nella carta stampata (e non) mi è capitato di vedere cose che non stanno né in cielo né in terra. 
Come ad esempio un tipografo che si improvvisa editore e, dal momento che le riunioni le fa a casa sua, diventa casa editrice [sic!].

Ultimamente, poi, di case editrici - o presunte tali - ne vedo tante, forse troppe. Tanto che, ad un certo punto, mi sono chiesta cosa ci fosse di strano.

Cosa c'è di strano in una casa editrice che, non ti chiede soldi per pubblicare, ma ti chiede di comprare un determinato numero delle copie del tuo libro?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che ti chiede di comprare i suoi libri in catalogo per valutare la tua opera inedita e, più compri, più velocemente ti giungerà il giudizio?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che si dimostra disponibilissima a pubblicarti, che anzi ti invita a collaborare e poi, dopo averti inserito in un'antologia senza farti firmare niente - figurarsi darti un compenso - ti fa gentilmente capire che, se vuoi leggere il libro, te lo devi comprare perché non "regalano" nemmeno la copia agli autori che hanno contribuito a crearlo, quel benedetto libro?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che non ti chiede niente, ti fa firmare pure un contratto, ti pubblica con tutti i crismi e poi... non ti promuove?

C'è da notare che in tutta questa mia ricerca non ho mai nominato nemmeno di sfuggita l'editoria a pagamento (benché l'editore/tipografo si faccia pagare per le stampe... e perché no, scusa? tu vai in tipografia e non vuoi pagare? mi sembra logico... o no?).
Perché, in effetti, queste realtà che amano definirsi case editrici, apparentemente non chiedono soldi.

Per una volta, sono uscita dai panni della giornalista e della blogger per mettermi in quelli di tutta quella miriade di persone che scrivono e sognano di essere pubblicate, un giorno. E si trovano a confrontarsi con realtà come queste che vi ho descritto.

Così, quasi senza rendermene conto, mi sono trovata a pregare che quelle case editrici, quelle vere, magari quelle piccole e dignitose, ma che ci percepisci la passione anche a km di distanza, quelle che ti danno tutto quello che possono e anche di più. Ecco, ho pregato che quelle case editrici là continuassero a vivere, in piena salute, per altri mille anni.

E se domani dovessi avere un libro nel cassetto, busserei anche - o, forse, soprattutto - alle loro porte, sperando che mi aprano.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…