Passa ai contenuti principali

Non basta avere una casa per essere una casa editrice...


A volte mi fermo a pensare alle cose che vedo in giro e non capisco.
Non capisco se sono io a non aver capito cos'è una casa editrice o se sono gli altri a non avere le idee chiare.

C'è da dire, però, che nel dubbio preferisco non fare guai o, quanto meno, informarmi prima.

In dieci anni di - onorata? - militanza nella carta stampata (e non) mi è capitato di vedere cose che non stanno né in cielo né in terra. 
Come ad esempio un tipografo che si improvvisa editore e, dal momento che le riunioni le fa a casa sua, diventa casa editrice [sic!].

Ultimamente, poi, di case editrici - o presunte tali - ne vedo tante, forse troppe. Tanto che, ad un certo punto, mi sono chiesta cosa ci fosse di strano.

Cosa c'è di strano in una casa editrice che, non ti chiede soldi per pubblicare, ma ti chiede di comprare un determinato numero delle copie del tuo libro?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che ti chiede di comprare i suoi libri in catalogo per valutare la tua opera inedita e, più compri, più velocemente ti giungerà il giudizio?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che si dimostra disponibilissima a pubblicarti, che anzi ti invita a collaborare e poi, dopo averti inserito in un'antologia senza farti firmare niente - figurarsi darti un compenso - ti fa gentilmente capire che, se vuoi leggere il libro, te lo devi comprare perché non "regalano" nemmeno la copia agli autori che hanno contribuito a crearlo, quel benedetto libro?

Cosa c'è di strano in una casa editrice che non ti chiede niente, ti fa firmare pure un contratto, ti pubblica con tutti i crismi e poi... non ti promuove?

C'è da notare che in tutta questa mia ricerca non ho mai nominato nemmeno di sfuggita l'editoria a pagamento (benché l'editore/tipografo si faccia pagare per le stampe... e perché no, scusa? tu vai in tipografia e non vuoi pagare? mi sembra logico... o no?).
Perché, in effetti, queste realtà che amano definirsi case editrici, apparentemente non chiedono soldi.

Per una volta, sono uscita dai panni della giornalista e della blogger per mettermi in quelli di tutta quella miriade di persone che scrivono e sognano di essere pubblicate, un giorno. E si trovano a confrontarsi con realtà come queste che vi ho descritto.

Così, quasi senza rendermene conto, mi sono trovata a pregare che quelle case editrici, quelle vere, magari quelle piccole e dignitose, ma che ci percepisci la passione anche a km di distanza, quelle che ti danno tutto quello che possono e anche di più. Ecco, ho pregato che quelle case editrici là continuassero a vivere, in piena salute, per altri mille anni.

E se domani dovessi avere un libro nel cassetto, busserei anche - o, forse, soprattutto - alle loro porte, sperando che mi aprano.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …