Passa ai contenuti principali

Mi arrivi come da un sogno di Diego Galdino


Ci sono momenti in cui sembra che vada tutto bene.
C'è quel silenzio fuori così incontrastato che sembra che ci sia silenzio anche dentro.
Tutti i pezzi a posto, il quadro sembra completo, eppure le figure non sono nitide.

Poi ad un tratto qualcosa si muove e la messa a fuoco migliora.

Ci sono sogni che non confessiamo a nessuno.
Ci sono sogni che nemmeno noi sappiamo di sognare, eppure sono quelli i più forti perché crescono senza la luce e senza l'appoggio di nessuno.

"Mi arrivi come da un sogno" di Diego Galdino [Sperling&Kupfer] contiene in sé i sogni dei protagonisti, Lucia e Clark, ma anche il sogno dell'autore di essere uno scrittore.
La storia è di quelle che si leggono tutto d'un fiato e non perché troppo semplici o semplicistiche, ma perché risulta davvero difficile staccarsi dalle pagine del libro.

Lucia parte dalla soleggiata Sicilia per un praticantato in un giornale di Roma. Fare la giornalista sarebbe il suo sogno e il condizionale, purtroppo, è d'obbligo, perché Lucia è troppo buona per imporre con forza le sue idee ad una famiglia tanto simile, per mentalità, a tante famiglie del meridione.
Arrivata nella capitale, però, qualcosa si scioglie dentro di lei, tanto da notare il fascinoso Clark, americano a Roma e giornalista della sua redazione.

Clark di cognome fa Kent e con Lucia si comporta da vero super eroe, soprattutto quando ci si mette il destino a separarli e lui deve sfoderare tutti i suoi poteri per riaverla.
Quello che però né Lucia né Clark sanno è che l'amore è il super potere più potente di tutti, quello che può sconfiggere qualsiasi male, anche quando la speranza sembra scomparsa.

"Mi arrivi come da un sogno" è il secondo libro di Diego Galdino dopo il bestseller "Il primo caffè del mattino" che ha conquistato migliaia e migliaia di lettori in giro per il mondo.
Con questo libro, lo scrittore - barista a tempo pieno - conferma il fatto che la sua passione per la scrittura è una passione sincera e forte che dà i suoi frutti.

Più di una volta mi è capitato di leggere il paragone tra Galdino e Nicholas Sparks, ma permettetemi di dissentire [la mia opinione su Sparks l'ho espressa qui].
La scrittura di Diego possiede la semplicità delle cose belle, quelle che si spera che finiscano bene e, in effetti, nei suoi libri avviene. E a volte si ha voglia solo di questo, che un libro ci doni un sorriso e un pizzico di speranza.

E io credo fortemente che i libri siano portatori di speranza, altrimenti non scriverei quello che scrivo, vi pare?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…