Passa ai contenuti principali

La ragazza del 6E di A.R. Torre

Svestirsi è un gesto quotidiano. La maggior parte delle donne lo fa automaticamente, senza pensarci. Ma spogliarsi come si deve può diventare un preliminare impareggiabile, una seduzione erotica che spazza via ogni pensiero razionale e lascia l'uomo totalmente alla tua mercé. È un'arte che io padroneggio.
Inizia così "La ragazza del 6E" di A.R. Torre, edito da BookMe, il nuovo marchio di narrativa adulta e crossover di DeAgostini, in libreria e in formato ebook dal 17 giugno.

Ora, ditemi, dopo aver letto l'incipit, come potevo io non rimanere irrimediabilmente catturata nella rete di questo libro?
Chi si spoglia è JessRiley 19, ma il corpo è quello di Deanna Madden, bella, sensuale e reclusa in casa da tre anni. Auto reclusa, in realtà, perché Deanna ha scelto volontariamente di non uscire di casa, di non vedere nessuno se non attraverso lo schermo del suo computer perché la sola vista di un essere umano risveglia in lei la sete di sangue.

No, non ci troviamo di fronte all'ennesima variante dei vampiri tanto in voga da qualche anno a questa parte. Deanna ha sete di morte e, di fronte ad un altro essere umano, la prima cosa che le viene in mente sono i mille modi per squartare, torturare e uccidere quel corpo pulsante di sangue.
Fin dall'inizio, A.R. Torre mette in chiaro che non ci troviamo tra le mani una storia su cui scherzare, che prima o poi svolterà in qualcosa di totalmente scontato. Ogni pagina - scritta in prima persona - sottolinea che non ci saranno sconti, né di pena né di tormenti per nessuno. Soprattutto per Deanna.

Lei vive da sola, circondata da potenti webcam e faretti che, attorno al suo letto rosa, aprono una finestra sul modo che ha trovato per tenere a bada i suoi demoni: spogliarsi su un sito di incontri hot.
In un certo senso, le fanno compagnia migliaia di uomini, ognuno con una voglia o una perversione, nessuno la tocca, non solo fisicamente ma nemmeno mentalmente.
Ad un tratto, però, un dettaglio inizia a pungolarla come una spina sottile infilata sotto pelle, che prima non noti e poi non riesci a notare altro. Un dettaglio che trasforma una normale chat erotica in un incontro con un possibile assassino. Quando capisce che i giochi di ruolo che l'uomo le impone di inscenare davanti alla webcam non sono perversioni senza volto, ma la proiezione di un desiderio che trova un corrispettivo nella realtà, è allora che Deanna fa qualcosa che nemmeno lei avrebbe mai potuto immaginare: esce.

A.R. Torre costruisce questo thriller dalle tinte noir in modo che, leggendolo, ad un certo punto, anche noi ci sentiamo chiusi in casa con Deanna e, quando lei decide di uscire, siamo noi che vorremmo farlo.

Alessandra Torre - nonostante il nome italiano - è una giovane autrice americana che ha scalato le classifiche di Amazon con un ebook autopubblicato "Blindfolded Innocence", entrato poi nel catalogo Harlequin Publishing.
"La ragazza del 6E" è il suo secondo romanzo, il primo tradotto in Italia, e speriamo vivamente che presto arrivino anche altri titoli di questa scrittrice che maneggia molto abilmente il genere erotico e quello thriller, insieme.
L'adrenalina, si sa - che sia essa frutto della paura o del desiderio - è una droga di cui difficilmente si può fare a meno. Come lettori e, credo, anche come scrittori.

Commenti

  1. Ottimo post, ti viene voglia di leggerlo il più velocemente possibile..
    Blog intrigante , impossibile non iscriversi..
    Spero tu voglia ricambiare ,ne sarei felice!
    Grazie e serena serata!
    http://rockmusicspace.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo libro mi ha messo la tachicardia, seriamente... ^__^
      Grazie per essere passata a farmi visita.
      Ricambio volentieri.
      Buona serata anche a te!

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…