Passa ai contenuti principali

Un giorno, forse di Lauren Graham


Quando sogniamo o facciamo progetti che sappiamo di non poter realizzare al momento, la prima cosa che pensiamo o diciamo è "Un giorno, forse...", lasciando intendere che continueremo ad accarezzare quel seme fin quando non potremo farlo sbocciare.

Frances Banks - la protagonista di "Un giorno, forse" di Lauren Graham [Sperling & Kupfer] - accarezza da anni il sogno di diventare un'attrice famosa e ogni volta che intravede da lontano quello che vorrebbe essere o avere si ripete, come un mantra, "Un giorno, forse...".
Franny si è trasferita a New York dalla provincia americana per cercare di realizzare il suo sogno ad ogni costo, facendo la cameriera per pagare l'affitto e continuando a fare provini per ogni prodotto pubblicitario in circolazione, tutto pur di essere notata da qualche regista e iniziare la vita che ha sempre voluto avere.

Se le cose fossero troppo facili, però, forse non ci sarebbe gusto. E così il destino ce la mette davvero tutta per incasinare la vita di Franny che, al di là di tutto lo scoramento che la coglie in alcuni momenti, decide di continuare a puntare sul suo sogno. Si dà un tempo di scadenza - che poi rinnova di qualche mese - e cerca di tirare avanti. Niente avviene per caso, a quanto pare, perché poi, come i tasselli di un puzzle, tutto sembra trovare la sua esatta collocazione. Anche la stessa Franny.


"Un giorno, forse" è il primo libro di Lauren Graham, attrice americana nota al grande pubblico per la sua interpretazione di Lorelai Gilmore nella serie tv "Una mamma per amica".
La storia è narrata in prima persona e, in alcuni tratti, risulta davvero troppo semplicistica per non sembrare un diario personale. L'intreccio è altrettanto semplice e viene risollevato da una freschezza e leggerezza di cui, personalmente, non ho mai abbastanza.

Sono una fan della serie tv e, quando ho saputo che "Lorelai" aveva scritto un libro, sono andata in fibrillazione per leggerlo. Tuttavia, fin dalle prime pagine ho capito che l'aspettativa che vi avevo riposto era leggermente spropositata: come a volte accade, avevo immaginato che la verve del personaggio televisivo fosse peculiare anche dell'attrice e della persona nella vita reale o, quanto meno, del suo modo di scrivere.
Tanto che, ad un certo punto - cattiva! - ho pensato che se non fosse stato per il nome famoso, probabilmente quel libro sarebbe rimasto un diario nel cassetto di un'aspirante attrice persa nella miriade di provini e delusioni.

Diciamo che, a questo punto, aspetto una seconda prova per ricredermi e, nell'attesa, occuperò il tempo a rivedere ancora e ancora e ancora le puntate di "Una mamma per amica".

Commenti

  1. Da fan di una mamma per amica, appena ho visto questo libro in libreria non ho potuto non comprarlo, ma non ho ancora avuto il tempo di leggerlo. Vedendo quello che hai scritto abbasserò le mie aspettative :)

    bellissimo blog...nuova iscritta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non è malaccio, a dir la verità, leggilo. Ma non ho sentito la verve di Lorelai, come invece mi aspettavo (sbagliando).
      Grazie per avermi letto! Sei troppo gentile! ^__^

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…