Passa ai contenuti principali

Un giorno, forse di Lauren Graham


Quando sogniamo o facciamo progetti che sappiamo di non poter realizzare al momento, la prima cosa che pensiamo o diciamo è "Un giorno, forse...", lasciando intendere che continueremo ad accarezzare quel seme fin quando non potremo farlo sbocciare.

Frances Banks - la protagonista di "Un giorno, forse" di Lauren Graham [Sperling & Kupfer] - accarezza da anni il sogno di diventare un'attrice famosa e ogni volta che intravede da lontano quello che vorrebbe essere o avere si ripete, come un mantra, "Un giorno, forse...".
Franny si è trasferita a New York dalla provincia americana per cercare di realizzare il suo sogno ad ogni costo, facendo la cameriera per pagare l'affitto e continuando a fare provini per ogni prodotto pubblicitario in circolazione, tutto pur di essere notata da qualche regista e iniziare la vita che ha sempre voluto avere.

Se le cose fossero troppo facili, però, forse non ci sarebbe gusto. E così il destino ce la mette davvero tutta per incasinare la vita di Franny che, al di là di tutto lo scoramento che la coglie in alcuni momenti, decide di continuare a puntare sul suo sogno. Si dà un tempo di scadenza - che poi rinnova di qualche mese - e cerca di tirare avanti. Niente avviene per caso, a quanto pare, perché poi, come i tasselli di un puzzle, tutto sembra trovare la sua esatta collocazione. Anche la stessa Franny.


"Un giorno, forse" è il primo libro di Lauren Graham, attrice americana nota al grande pubblico per la sua interpretazione di Lorelai Gilmore nella serie tv "Una mamma per amica".
La storia è narrata in prima persona e, in alcuni tratti, risulta davvero troppo semplicistica per non sembrare un diario personale. L'intreccio è altrettanto semplice e viene risollevato da una freschezza e leggerezza di cui, personalmente, non ho mai abbastanza.

Sono una fan della serie tv e, quando ho saputo che "Lorelai" aveva scritto un libro, sono andata in fibrillazione per leggerlo. Tuttavia, fin dalle prime pagine ho capito che l'aspettativa che vi avevo riposto era leggermente spropositata: come a volte accade, avevo immaginato che la verve del personaggio televisivo fosse peculiare anche dell'attrice e della persona nella vita reale o, quanto meno, del suo modo di scrivere.
Tanto che, ad un certo punto - cattiva! - ho pensato che se non fosse stato per il nome famoso, probabilmente quel libro sarebbe rimasto un diario nel cassetto di un'aspirante attrice persa nella miriade di provini e delusioni.

Diciamo che, a questo punto, aspetto una seconda prova per ricredermi e, nell'attesa, occuperò il tempo a rivedere ancora e ancora e ancora le puntate di "Una mamma per amica".

Commenti

  1. Da fan di una mamma per amica, appena ho visto questo libro in libreria non ho potuto non comprarlo, ma non ho ancora avuto il tempo di leggerlo. Vedendo quello che hai scritto abbasserò le mie aspettative :)

    bellissimo blog...nuova iscritta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, non è malaccio, a dir la verità, leggilo. Ma non ho sentito la verve di Lorelai, come invece mi aspettavo (sbagliando).
      Grazie per avermi letto! Sei troppo gentile! ^__^

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …