Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2014: ecco perché non ne scriverò...


Ieri è iniziato il 27esimo Salone del Libro di Torino e, fino al 12 maggio, al Lingotto sarà una festa di autori, editori ma, soprattutto - spero - di libri.

Lo scorso anno ho seguito in maniera quasi ossessiva ogni minima iniziativa legata alla manifestazione libraria più importante d'Italia [qui trovate i diversi post].
Quest'anno ho deciso di no.
Perché?

Perché il tema del Salone, quest'anno, è il bene e per fare bene le cose bisogna mettere in campo il 1000x1000 di tutte le proprie capacità e io, non essendo riuscita ad andare fisicamente a Torino nemmeno quest'anno, mi sento di non poter offrire ai lettori di questo blog quello che davvero vorrei, e cioè uno sguardo "altro" su una realtà di cui tutti parlano al momento.

«Non discorsi astratti, ma un'agenda di cose da fare. E da fare bene, al meglio possibile».

Lo dicono nella presentazione del tema e lo penso pure io, ora più che mai.
E quindi. Niente Salone del Libro di Torino 2014.
O meglio, niente post da comunicati e cose così, ma se, da tutto il marasma di cose che leggo e che vedo - solo in rete, purtroppo... - dedurrò qualche riflessione da condividere, state pur certi che lo farò con grande piacere con voi.

Forse molti di quelli che, più o meno passivamente, scrivono del Salone dovrebbero farsi qualche domanda e decidere, per una volta, di prediligere la qualità alla quantità.
Ma questa è solo una mia opinione.

Intanto, continuo a leggere libri e a cercare di leggermi anche nel pensiero.
E voi, se vi va, fatemi compagnia...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…