Passa ai contenuti principali

Salone del Libro di Torino 2014: ecco perché non ne scriverò...


Ieri è iniziato il 27esimo Salone del Libro di Torino e, fino al 12 maggio, al Lingotto sarà una festa di autori, editori ma, soprattutto - spero - di libri.

Lo scorso anno ho seguito in maniera quasi ossessiva ogni minima iniziativa legata alla manifestazione libraria più importante d'Italia [qui trovate i diversi post].
Quest'anno ho deciso di no.
Perché?

Perché il tema del Salone, quest'anno, è il bene e per fare bene le cose bisogna mettere in campo il 1000x1000 di tutte le proprie capacità e io, non essendo riuscita ad andare fisicamente a Torino nemmeno quest'anno, mi sento di non poter offrire ai lettori di questo blog quello che davvero vorrei, e cioè uno sguardo "altro" su una realtà di cui tutti parlano al momento.

«Non discorsi astratti, ma un'agenda di cose da fare. E da fare bene, al meglio possibile».

Lo dicono nella presentazione del tema e lo penso pure io, ora più che mai.
E quindi. Niente Salone del Libro di Torino 2014.
O meglio, niente post da comunicati e cose così, ma se, da tutto il marasma di cose che leggo e che vedo - solo in rete, purtroppo... - dedurrò qualche riflessione da condividere, state pur certi che lo farò con grande piacere con voi.

Forse molti di quelli che, più o meno passivamente, scrivono del Salone dovrebbero farsi qualche domanda e decidere, per una volta, di prediligere la qualità alla quantità.
Ma questa è solo una mia opinione.

Intanto, continuo a leggere libri e a cercare di leggermi anche nel pensiero.
E voi, se vi va, fatemi compagnia...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …