Passa ai contenuti principali

Bookcrossing, libera il libro anche nella tua città. O no?

Bibliotroc, una delle piccole biblioteche libere a Yverdon (Svizzera) - foto di Vincenzo Abbagnano.

Anni fa, per caso, incappai nel bookcrossing.
Trovai un libro in stazione, con qualcosa scritto sulla prima pagina, dei numeri forse, non ricordo più.

Quello che ricordo perfettamente, però, fu la sorpresa di vedere quello che per me era un piccolo tesoro abbandonato là, nell'indifferenza generale.
Naturalmente, presi il libro, lo pulii - accarezzandolo un po', confesso - e poi lo misi insieme agli altri libri che avevo in borsa, per farli fare amicizia...

Me ne sono ricordata dopo tanto tempo, quando il mio fidanzato ha trovato per strada, a Yverdon (Svizzera), una delle piccole biblioteche libere da cui ero rimasta tanto affascinata (è quella della foto).
Sul fianco della cassettina, c'è scritto «Prendete o depositate un libro, scoprite o condividete dei colpi di fulmine».

Io ci ho pensato su.
A prendere un libro non avrei esitato nemmeno un secondo, ma... a lasciarlo?
In questi periodi mi è capitato di essere invitata a degli eventi di bookcrossing, ma, o per un motivo o per un altro, non ci sono andata.

Mi piace regalare libri - non sempre e non a tutti -, ma a lasciarli un po' così, non so, chiamatemi sentimentale, ma non ce la faccio.
Secondo me, ci vuole uno spirito diverso, che non ti fa chiedere poi in che mani finiranno quei libri, se se ne prenderanno cura, quelle mani, o li maltratteranno, se i lettori che li leggeranno li ameranno come li ho amati io oppure li odieranno.
E io purtroppo mi chiedo sempre tutte queste cose.
Anche quando li regalo, i libri, figuriamoci a bookcrossarli...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…