Passa ai contenuti principali

Bookcrossing, libera il libro anche nella tua città. O no?

Bibliotroc, una delle piccole biblioteche libere a Yverdon (Svizzera) - foto di Vincenzo Abbagnano.

Anni fa, per caso, incappai nel bookcrossing.
Trovai un libro in stazione, con qualcosa scritto sulla prima pagina, dei numeri forse, non ricordo più.

Quello che ricordo perfettamente, però, fu la sorpresa di vedere quello che per me era un piccolo tesoro abbandonato là, nell'indifferenza generale.
Naturalmente, presi il libro, lo pulii - accarezzandolo un po', confesso - e poi lo misi insieme agli altri libri che avevo in borsa, per farli fare amicizia...

Me ne sono ricordata dopo tanto tempo, quando il mio fidanzato ha trovato per strada, a Yverdon (Svizzera), una delle piccole biblioteche libere da cui ero rimasta tanto affascinata (è quella della foto).
Sul fianco della cassettina, c'è scritto «Prendete o depositate un libro, scoprite o condividete dei colpi di fulmine».

Io ci ho pensato su.
A prendere un libro non avrei esitato nemmeno un secondo, ma... a lasciarlo?
In questi periodi mi è capitato di essere invitata a degli eventi di bookcrossing, ma, o per un motivo o per un altro, non ci sono andata.

Mi piace regalare libri - non sempre e non a tutti -, ma a lasciarli un po' così, non so, chiamatemi sentimentale, ma non ce la faccio.
Secondo me, ci vuole uno spirito diverso, che non ti fa chiedere poi in che mani finiranno quei libri, se se ne prenderanno cura, quelle mani, o li maltratteranno, se i lettori che li leggeranno li ameranno come li ho amati io oppure li odieranno.
E io purtroppo mi chiedo sempre tutte queste cose.
Anche quando li regalo, i libri, figuriamoci a bookcrossarli...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …