Passa ai contenuti principali

Shortales, solo storie brevi: la community dove l'unico limite è la fantasia!


Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che poi venga scoperto.
Italo Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore, 1979

Scrivere significa tante cose e, tra queste, sicuramente significa solitudine. 
Non fosse altro che per scrivere bisogna fermarsi davanti ad un foglio - o ad uno schermo - e raccogliere le idee in tranquillità, faccia a faccia con la propria creatività (o almeno, io faccio così...).

Dopo viene il momento in cui l'opera scritta deve raggiungere il pubblico e, grazie al web e ai social network, il passaggio può avvenire senza scossoni (per modo di dire), riversando semplicemente tutto in rete.
[Sulla validità di questo metodo, ci sarebbe da discutere e prima o poi lo faremo approfonditamente].

Ci sono forum, gruppi su Facebook e altri ritrovati dell'era moderna che permettono a chi scrive di presentare a dei lettori coraggiosi i propri "manufatti letterari" e, magari, correggere laddove c'è bisogno.
Shortales - Solo storie brevi unisce l'idea del social con quella della community di scrittori e lettori che si confrontano.
Solo Storie brevi è una comunità dedicata principalmente a scrittori, poeti che vogliono condividere la loro creatività. Shortales.net vi aiuterà in questo percorso. Qui potrete dar sfogo alla vostra fantasia. Potrete scrivere i vostri racconti e poesie, pubblicizzare i vostri libri ed eventi, leggere e commentare quello che scrivono gli altri membri, potrete condividere i vostri scatti o i video dei principali network (rimanendo in tema mi raccomando), potrete creare gruppi di discussione e forum, seguire altri e scegliere i propri amici. Una comunità dunque, per chi ama osservare narrare il mondo che lo circonda con gli occhi di un poeta.
Gli utenti possono scrivere post, commentare post di altri membri, lanciare discussioni e confronti, l'unico limite è la fantasia e la creatività.

Sulla pagina Facebook del network sono poi pubblicati i post più interessanti: simpatica l'iniziativa lanciata in occasione dell'anniversario della morte di Kurt Cobain accolta dagli utenti di Shortales con un racconto a tema.

Se avete tempo, fateci un salto che troverete sicuramente qualcosa da leggere.
In realtà, potete passarci anche se non avete tempo, perché le storie sono brevi quanto una pausa caffè.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…