Passa ai contenuti principali

Shortales, solo storie brevi: la community dove l'unico limite è la fantasia!


Scrivere è sempre nascondere qualcosa in modo che poi venga scoperto.
Italo Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore, 1979

Scrivere significa tante cose e, tra queste, sicuramente significa solitudine. 
Non fosse altro che per scrivere bisogna fermarsi davanti ad un foglio - o ad uno schermo - e raccogliere le idee in tranquillità, faccia a faccia con la propria creatività (o almeno, io faccio così...).

Dopo viene il momento in cui l'opera scritta deve raggiungere il pubblico e, grazie al web e ai social network, il passaggio può avvenire senza scossoni (per modo di dire), riversando semplicemente tutto in rete.
[Sulla validità di questo metodo, ci sarebbe da discutere e prima o poi lo faremo approfonditamente].

Ci sono forum, gruppi su Facebook e altri ritrovati dell'era moderna che permettono a chi scrive di presentare a dei lettori coraggiosi i propri "manufatti letterari" e, magari, correggere laddove c'è bisogno.
Shortales - Solo storie brevi unisce l'idea del social con quella della community di scrittori e lettori che si confrontano.
Solo Storie brevi è una comunità dedicata principalmente a scrittori, poeti che vogliono condividere la loro creatività. Shortales.net vi aiuterà in questo percorso. Qui potrete dar sfogo alla vostra fantasia. Potrete scrivere i vostri racconti e poesie, pubblicizzare i vostri libri ed eventi, leggere e commentare quello che scrivono gli altri membri, potrete condividere i vostri scatti o i video dei principali network (rimanendo in tema mi raccomando), potrete creare gruppi di discussione e forum, seguire altri e scegliere i propri amici. Una comunità dunque, per chi ama osservare narrare il mondo che lo circonda con gli occhi di un poeta.
Gli utenti possono scrivere post, commentare post di altri membri, lanciare discussioni e confronti, l'unico limite è la fantasia e la creatività.

Sulla pagina Facebook del network sono poi pubblicati i post più interessanti: simpatica l'iniziativa lanciata in occasione dell'anniversario della morte di Kurt Cobain accolta dagli utenti di Shortales con un racconto a tema.

Se avete tempo, fateci un salto che troverete sicuramente qualcosa da leggere.
In realtà, potete passarci anche se non avete tempo, perché le storie sono brevi quanto una pausa caffè.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…