Passa ai contenuti principali

#readwomen2014: un anno per leggere le scrittrici sottovalutate. E se lo facessimo pure in Italia?


Non ho mai fatto caso a quanti libri leggessi, figuriamoci alla percentuale di autori uomini e donne tra le mie letture.
Non avevo mai considerato nemmeno che ci potessero essere letture prettamente maschili e letture femminili, fin quando un mio professore all'università, interrogando un mio collega, diede per scontato che Conrad fosse piaciuto più a lui che a me, essendo una lettura "maschile".

Quando ho letto la notizia del professor Gilmour che, a lezione, ha candidamente confessato di non assegnare mai libri scritti da autrici donne o da autori cinesi, mi sono resa conto che per molti - purtroppo! - i libri non sono importanti per quello che dicono, ma in relazione a chi li ha scritti.

In virtù di questo, ma forse è una semplice constatazione di chi sa che, tra le altre cose, anche nelle arti l'apporto femminile è tenuto in minore considerazione rispetto a quello maschile, la rivista americana Critical Flame ha lanciato la campagna #readwomen2014, un anno per leggere le opere delle scrittrici e quelle degli scrittori di colore.
Le scrittrici sono poco considerate, così come sono sottovalutati gli scrittori di colore. Il silenzio su questa situazione di disparità sulla scena letteraria non è stato un problema negli ultimi anni. L'inerzia, invece, sì.
Negli Stati Uniti questa iniziativa ha suscitato grandissimo interesse tra gli intellettuali e tra gli addetti ai lavori ,che si stanno mobilitando per fare in modo che il 2014 sia l'anno in cui ogni lettore possa arricchirsi attraverso la lettura di libri che mai avrebbe immaginato esistessero (e questo la dice lunga, lunghissima, sulla promozione dei libri scritti da donne e da scrittori di colore).


E noi?
Non pensiamo di avere una memoria migliore: peccheremmo di presunzione a considerarci un Paese che non dimentica i suoi scrittori, vorrebbe dire che facciamo finta di credere che tutti leggono.
Ci sono scrittrici italiane che non conosciamo minimamente e che non vengono nemmeno considerate per essere annoverate nelle antologie. E poi ci sono tutte le scrittrici moderne, quelle contemporanee che, a volte, in libreria vengono relegate in un angolino meno illuminato rispetto alle più avvantaggiate colleghe straniere.
Per quanto riguarda le minoranze etniche che scrivono in Italia, confesso la mia ignoranza, ma chiunque mi volesse dare informazioni, sarò felicissima di scoprirle insieme a voi.


Non me la sento, però, di lasciare fuori gli scrittori italiani, gli uomini.
Una precisazione, però, è d'obbligo: vorrei scoprire qualche bello scrittore italiano - bello nella scrittura, eh! -, contemporaneo sarebbe meglio, ma anche qualcuno del passato finito ingiustamente nel dimenticatoio, magari un po' fuori dai soliti circuiti e che merita di essere letto. Anche in questo caso, accetto suggerimenti.

Io sono fermamente convinta che potremmo rendere questo 2014 degno di essere ricordato attraverso i libri che avremo letto e gli scrittori che avremo scoperto (o riscoperto), lasciando un po' da parte le classifiche dei libri (e degli ebook) più venduti.

Io ci voglio provare.

Il mio hashtag su Facebook e su Twitter sarà #leggigliitaliani.
Seguitemi e ne leggeremo delle belle, secondo me.

Commenti

  1. Trovo che sia una bella iniziativa. In effetti è vero. Se ci penso io stessa leggo molto più i libri promossi su scala nazionale, piuttosto che libri di autori semi-sconosciuti italiani e stranieri. Cercherò di scovarne qualcuno, magari in mezzo a tante letture esce qualcosa di buono. Non si sa mai ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Ella! In effetti, è una constatazione che fanno molti. Diciamo che a me piacerebbe dare un segnale diverso. Ti va di segnalarmi qualche tua scoperta "semi-sconosciuta"??? Il passaparola è un potentissimo strumento di diffusione delle idee... ;-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…