Passa ai contenuti principali

Quando perdi il contatto con la carta...


Uso questo spazio per fare una confessione che mai avrei immaginato potessi pensare di fare.
Gli indizi c'erano tutti, a dire il vero, ma si sa, gli indizi sono buoni a posteriori.
E comunque.

Sono persa in un vortice di clic con dietro una carta prepagata ricaricata da poco.
Il vortice degli ebook in offerta.
Ecco, l'ho detto!

Lo so che sono recidiva e che dalle dipendenze non si guarisce dall'oggi al domani.
Ma giuro che stavolta ci avevo creduto davvero, complice la limitata disponibilità economica, ma niente.
Se si tratta di libri che costano poco (ma davvero pochissimo!) e che per di più sono di alta qualità e che appena usciti mi avevano incuriosito, zac! 
Scatta il clic e l'ebook finisce nel mio lettore.
Forse tutto deve essere iniziato con i clic di San Valentino e, poi da lì, è stato un crescendo.

Ieri, poi, il panico.
Improvvisamente mi ha colto la consapevolezza che questi libri non sono tangibili.
E se mi si dovesse rompere il lettore? O lo dovessi perdere? O dovessero cambiare i formati di lettura e quindi non potessi più leggere quello che già ho? E tra 20 anni potrò ancora leggere da questo stesso lettore queste stesse cose?
E se pian piano perdessi il contatto con la carta???
Visto che anche per scrivere, a parte l'agenda, uso quasi esclusivamente il computer...
Ansia.

Eppure, li sto divorando, quasi uno a notte e mi viene da chiedermi se sto facendo tutti acquisti estremamente interessanti o se la mia insonnia è diventata particolarmente feroce in questo periodo.

Intanto, si prospettano belle recensioni a venire.
E scusate se è poco!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…