Passa ai contenuti principali

Quando perdi il contatto con la carta...


Uso questo spazio per fare una confessione che mai avrei immaginato potessi pensare di fare.
Gli indizi c'erano tutti, a dire il vero, ma si sa, gli indizi sono buoni a posteriori.
E comunque.

Sono persa in un vortice di clic con dietro una carta prepagata ricaricata da poco.
Il vortice degli ebook in offerta.
Ecco, l'ho detto!

Lo so che sono recidiva e che dalle dipendenze non si guarisce dall'oggi al domani.
Ma giuro che stavolta ci avevo creduto davvero, complice la limitata disponibilità economica, ma niente.
Se si tratta di libri che costano poco (ma davvero pochissimo!) e che per di più sono di alta qualità e che appena usciti mi avevano incuriosito, zac! 
Scatta il clic e l'ebook finisce nel mio lettore.
Forse tutto deve essere iniziato con i clic di San Valentino e, poi da lì, è stato un crescendo.

Ieri, poi, il panico.
Improvvisamente mi ha colto la consapevolezza che questi libri non sono tangibili.
E se mi si dovesse rompere il lettore? O lo dovessi perdere? O dovessero cambiare i formati di lettura e quindi non potessi più leggere quello che già ho? E tra 20 anni potrò ancora leggere da questo stesso lettore queste stesse cose?
E se pian piano perdessi il contatto con la carta???
Visto che anche per scrivere, a parte l'agenda, uso quasi esclusivamente il computer...
Ansia.

Eppure, li sto divorando, quasi uno a notte e mi viene da chiedermi se sto facendo tutti acquisti estremamente interessanti o se la mia insonnia è diventata particolarmente feroce in questo periodo.

Intanto, si prospettano belle recensioni a venire.
E scusate se è poco!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…