Passa ai contenuti principali

La grande bellezza: tutti fan. Ora.


"La grande bellezza" di Paolo Sorrentino ha vinto l'Oscar come Miglior Film Straniero.

E pensare che quando ha vinto il Golden Globe ed è poi stata ufficializzata la candidatura agli Oscar 2014, tutti si sono affrettati a sottolineare che quel film, sì, quello che fuori dall'Italia stava riscuotendo un discreto successo (il Golden Globe, sì, ma che premio è, alla fine?!) non è che era poi questo granché, eh.
Tutti a rinnegare il successo del botteghino e della critica più raffinata. 
Tutti a tirare i remi in barca perché no, proprio non si può essere felici per il successo di qualcun altro.



Ma ieri Sorrentino è salito anche sul palco della cerimonia di consegna degli Oscar e non per raccogliere i coriandoli gettati su qualche altro vincitore. È salito sul palco per stringere tra le mani la statuetta d'oro più ambita del mondo del cinema. E con lui Tony Servillo che più Jep Gambardella non si può e il produttore Nicola Giuliano. Ha ringraziato le sue fonti di ispirazione quali Federico Fellini, Martin Scorsese, i Talking Heads e Maradona, confermando che, qualora non si fosse capito, ha vinto un napoletano.


Da oggi, dunque, tutti fan.
I critici italiani improvvisamente hanno scoperto che sì, in effetti la grande bellezza c'è e sta là (ma come, ancora non la vedi?! Io è da mo' che lo dico. Sì, sì, ci crediamo, ci crediamo...), proprio là, non fosse  in altro che nel modo in cui Servillo/Gambardella fuma [che detto tra noi, a me fa letteralmente uscire di testa...].

Italiani anche in questo, campioni nel salto sul carro del vincitore, indiscussi esperti dell'accodarsi ai festeggiamenti di quelli che un attimo prima si disprezzava.

Io, quando ho saputo, ho detto una sola parola - in napoletano e che non posso ripetere qui - ma che ha in sé tutta la pienezza e l'esultanza di chi, dopo essere stato bistrattato, trionfa indiscutibilmente su tutti. 
E mi piace pensare che Sorrentino e Servillo - da napoletani, pur essendo ormai diventati cittadini del mondo -, pur non dicendola ad alta voce, l'abbiano pensata anche loro.

E secondo me, la stavano pensando anche mentre gli scattavano la foto qui sotto, le espressioni parlano da sole!
 

P.S.: Ho detto che sono troppo felice per questa vittoria?! No? Speravo si fosse capito... ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …