Passa ai contenuti principali

La grande bellezza: tutti fan. Ora.


"La grande bellezza" di Paolo Sorrentino ha vinto l'Oscar come Miglior Film Straniero.

E pensare che quando ha vinto il Golden Globe ed è poi stata ufficializzata la candidatura agli Oscar 2014, tutti si sono affrettati a sottolineare che quel film, sì, quello che fuori dall'Italia stava riscuotendo un discreto successo (il Golden Globe, sì, ma che premio è, alla fine?!) non è che era poi questo granché, eh.
Tutti a rinnegare il successo del botteghino e della critica più raffinata. 
Tutti a tirare i remi in barca perché no, proprio non si può essere felici per il successo di qualcun altro.



Ma ieri Sorrentino è salito anche sul palco della cerimonia di consegna degli Oscar e non per raccogliere i coriandoli gettati su qualche altro vincitore. È salito sul palco per stringere tra le mani la statuetta d'oro più ambita del mondo del cinema. E con lui Tony Servillo che più Jep Gambardella non si può e il produttore Nicola Giuliano. Ha ringraziato le sue fonti di ispirazione quali Federico Fellini, Martin Scorsese, i Talking Heads e Maradona, confermando che, qualora non si fosse capito, ha vinto un napoletano.


Da oggi, dunque, tutti fan.
I critici italiani improvvisamente hanno scoperto che sì, in effetti la grande bellezza c'è e sta là (ma come, ancora non la vedi?! Io è da mo' che lo dico. Sì, sì, ci crediamo, ci crediamo...), proprio là, non fosse  in altro che nel modo in cui Servillo/Gambardella fuma [che detto tra noi, a me fa letteralmente uscire di testa...].

Italiani anche in questo, campioni nel salto sul carro del vincitore, indiscussi esperti dell'accodarsi ai festeggiamenti di quelli che un attimo prima si disprezzava.

Io, quando ho saputo, ho detto una sola parola - in napoletano e che non posso ripetere qui - ma che ha in sé tutta la pienezza e l'esultanza di chi, dopo essere stato bistrattato, trionfa indiscutibilmente su tutti. 
E mi piace pensare che Sorrentino e Servillo - da napoletani, pur essendo ormai diventati cittadini del mondo -, pur non dicendola ad alta voce, l'abbiano pensata anche loro.

E secondo me, la stavano pensando anche mentre gli scattavano la foto qui sotto, le espressioni parlano da sole!
 

P.S.: Ho detto che sono troppo felice per questa vittoria?! No? Speravo si fosse capito... ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…