Passa ai contenuti principali

La grande bellezza: tutti fan. Ora.


"La grande bellezza" di Paolo Sorrentino ha vinto l'Oscar come Miglior Film Straniero.

E pensare che quando ha vinto il Golden Globe ed è poi stata ufficializzata la candidatura agli Oscar 2014, tutti si sono affrettati a sottolineare che quel film, sì, quello che fuori dall'Italia stava riscuotendo un discreto successo (il Golden Globe, sì, ma che premio è, alla fine?!) non è che era poi questo granché, eh.
Tutti a rinnegare il successo del botteghino e della critica più raffinata. 
Tutti a tirare i remi in barca perché no, proprio non si può essere felici per il successo di qualcun altro.



Ma ieri Sorrentino è salito anche sul palco della cerimonia di consegna degli Oscar e non per raccogliere i coriandoli gettati su qualche altro vincitore. È salito sul palco per stringere tra le mani la statuetta d'oro più ambita del mondo del cinema. E con lui Tony Servillo che più Jep Gambardella non si può e il produttore Nicola Giuliano. Ha ringraziato le sue fonti di ispirazione quali Federico Fellini, Martin Scorsese, i Talking Heads e Maradona, confermando che, qualora non si fosse capito, ha vinto un napoletano.


Da oggi, dunque, tutti fan.
I critici italiani improvvisamente hanno scoperto che sì, in effetti la grande bellezza c'è e sta là (ma come, ancora non la vedi?! Io è da mo' che lo dico. Sì, sì, ci crediamo, ci crediamo...), proprio là, non fosse  in altro che nel modo in cui Servillo/Gambardella fuma [che detto tra noi, a me fa letteralmente uscire di testa...].

Italiani anche in questo, campioni nel salto sul carro del vincitore, indiscussi esperti dell'accodarsi ai festeggiamenti di quelli che un attimo prima si disprezzava.

Io, quando ho saputo, ho detto una sola parola - in napoletano e che non posso ripetere qui - ma che ha in sé tutta la pienezza e l'esultanza di chi, dopo essere stato bistrattato, trionfa indiscutibilmente su tutti. 
E mi piace pensare che Sorrentino e Servillo - da napoletani, pur essendo ormai diventati cittadini del mondo -, pur non dicendola ad alta voce, l'abbiano pensata anche loro.

E secondo me, la stavano pensando anche mentre gli scattavano la foto qui sotto, le espressioni parlano da sole!
 

P.S.: Ho detto che sono troppo felice per questa vittoria?! No? Speravo si fosse capito... ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…