Passa ai contenuti principali

La grande bellezza: tutti fan. Ora.


"La grande bellezza" di Paolo Sorrentino ha vinto l'Oscar come Miglior Film Straniero.

E pensare che quando ha vinto il Golden Globe ed è poi stata ufficializzata la candidatura agli Oscar 2014, tutti si sono affrettati a sottolineare che quel film, sì, quello che fuori dall'Italia stava riscuotendo un discreto successo (il Golden Globe, sì, ma che premio è, alla fine?!) non è che era poi questo granché, eh.
Tutti a rinnegare il successo del botteghino e della critica più raffinata. 
Tutti a tirare i remi in barca perché no, proprio non si può essere felici per il successo di qualcun altro.



Ma ieri Sorrentino è salito anche sul palco della cerimonia di consegna degli Oscar e non per raccogliere i coriandoli gettati su qualche altro vincitore. È salito sul palco per stringere tra le mani la statuetta d'oro più ambita del mondo del cinema. E con lui Tony Servillo che più Jep Gambardella non si può e il produttore Nicola Giuliano. Ha ringraziato le sue fonti di ispirazione quali Federico Fellini, Martin Scorsese, i Talking Heads e Maradona, confermando che, qualora non si fosse capito, ha vinto un napoletano.


Da oggi, dunque, tutti fan.
I critici italiani improvvisamente hanno scoperto che sì, in effetti la grande bellezza c'è e sta là (ma come, ancora non la vedi?! Io è da mo' che lo dico. Sì, sì, ci crediamo, ci crediamo...), proprio là, non fosse  in altro che nel modo in cui Servillo/Gambardella fuma [che detto tra noi, a me fa letteralmente uscire di testa...].

Italiani anche in questo, campioni nel salto sul carro del vincitore, indiscussi esperti dell'accodarsi ai festeggiamenti di quelli che un attimo prima si disprezzava.

Io, quando ho saputo, ho detto una sola parola - in napoletano e che non posso ripetere qui - ma che ha in sé tutta la pienezza e l'esultanza di chi, dopo essere stato bistrattato, trionfa indiscutibilmente su tutti. 
E mi piace pensare che Sorrentino e Servillo - da napoletani, pur essendo ormai diventati cittadini del mondo -, pur non dicendola ad alta voce, l'abbiano pensata anche loro.

E secondo me, la stavano pensando anche mentre gli scattavano la foto qui sotto, le espressioni parlano da sole!
 

P.S.: Ho detto che sono troppo felice per questa vittoria?! No? Speravo si fosse capito... ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…