Passa ai contenuti principali

La gente felice legge e beve caffè di Agnès Martin-Lugand


La gente felice legge e beve caffè.
Voi vi sentite nella posizione di dissentire?
Io proprio no!

Non se la sente di dissentire nemmeno Diane la protagonista del libro di esordio di Agnès Martin-Lugand che si intitola appunto "La gente felice legge e beve caffè" [Sperling & Kupfer] che chiama così il suo caffè letterario, a Parigi.

Fin dalle primissime pagine, capiamo che non sarà un percorso facile, quello di Diane, perché il percorso per uscire dal dolore non è mai facile. E, soprattutto, non è mai standard.
Perché non ci sono due dolori uguali, così come non esistono due amori uguali.

Diane subisce un grave lutto che la spoglia di qualsiasi voglia di vivere e di tutti i progetti per il futuro. Eppure, qualcosa batte ancora, nel profondo del suo animo ed è da quel battito che Diane riparte.
Lascia tutta la zavorra che la tiene ancorata ad una realtà che non sente più sua e parte per l'Irlanda.
Lì trova una vita completamente diversa, incontra persone con sentimenti semplici che vanno a riempire il grandissimo vuoto che ha dentro.

Per il cuore di Diane, invece, il discorso è diverso.
Edward non è una persona semplice e Diane ha troppi pezzi da rimettere insieme per riuscire a gestire anche lui. Eppure...


"La gente felice legge e beve caffè" è il primo libro di Agnès Martin-Lugand che, prima di diventare scrittrice, era una psicologa. Questo libro è stato rifiutato da quattro editori, prima che l'autrice si decidesse ad autopubblicarlo su Amazon per 0.89 centesimi. In pochi mesi, l'ebook ha venduto 8500 copie. Solo allora, l'editore Michel Lafon l'ha contattata per acquisire i diritti che, ad ora, sono stati venduti in 18 Paesi e si sta anche lavorando ad una versione cinematografica.

La delicatezza della storia cattura e i sentimenti descritti da Agnès Martin-Lugand hanno una profondità che ritroverete anche nelle pieghe più protette del vostro animo. Tanto che, arrivati all'ultima pagina, resta ancora la voglia di parlare con Diane, di chiederle come sta, di sapere come andranno i suoi progetti e, se fosse possibile, chiederei all'autrice di continuare a raccontarci questa storia dalle tinte così affascinanti.

Si sa, per essere felici, a volte, basta leggere e bere caffè.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…