Passa ai contenuti principali

La gente felice legge e beve caffè di Agnès Martin-Lugand


La gente felice legge e beve caffè.
Voi vi sentite nella posizione di dissentire?
Io proprio no!

Non se la sente di dissentire nemmeno Diane la protagonista del libro di esordio di Agnès Martin-Lugand che si intitola appunto "La gente felice legge e beve caffè" [Sperling & Kupfer] che chiama così il suo caffè letterario, a Parigi.

Fin dalle primissime pagine, capiamo che non sarà un percorso facile, quello di Diane, perché il percorso per uscire dal dolore non è mai facile. E, soprattutto, non è mai standard.
Perché non ci sono due dolori uguali, così come non esistono due amori uguali.

Diane subisce un grave lutto che la spoglia di qualsiasi voglia di vivere e di tutti i progetti per il futuro. Eppure, qualcosa batte ancora, nel profondo del suo animo ed è da quel battito che Diane riparte.
Lascia tutta la zavorra che la tiene ancorata ad una realtà che non sente più sua e parte per l'Irlanda.
Lì trova una vita completamente diversa, incontra persone con sentimenti semplici che vanno a riempire il grandissimo vuoto che ha dentro.

Per il cuore di Diane, invece, il discorso è diverso.
Edward non è una persona semplice e Diane ha troppi pezzi da rimettere insieme per riuscire a gestire anche lui. Eppure...


"La gente felice legge e beve caffè" è il primo libro di Agnès Martin-Lugand che, prima di diventare scrittrice, era una psicologa. Questo libro è stato rifiutato da quattro editori, prima che l'autrice si decidesse ad autopubblicarlo su Amazon per 0.89 centesimi. In pochi mesi, l'ebook ha venduto 8500 copie. Solo allora, l'editore Michel Lafon l'ha contattata per acquisire i diritti che, ad ora, sono stati venduti in 18 Paesi e si sta anche lavorando ad una versione cinematografica.

La delicatezza della storia cattura e i sentimenti descritti da Agnès Martin-Lugand hanno una profondità che ritroverete anche nelle pieghe più protette del vostro animo. Tanto che, arrivati all'ultima pagina, resta ancora la voglia di parlare con Diane, di chiederle come sta, di sapere come andranno i suoi progetti e, se fosse possibile, chiederei all'autrice di continuare a raccontarci questa storia dalle tinte così affascinanti.

Si sa, per essere felici, a volte, basta leggere e bere caffè.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…

Leggimi Napoli, un percorso d'amore

Per l’anno nuovo, ho cercato di evitare i buoni propositi ma, evidentemente, loro non hanno evitato me. Pur non avendone le intenzioni, pian piano hanno iniziato a formarsi nei miei pensieri delle liste, degli elenchi, delle frasi a volte composte da una sola parola, che indicavano senza ombra di dubbio delle proposte di cose da fare possibilmente nei prossimi dodici mesi. Dei propositi, insomma.
Quello di cui vi sto per parlare è un percorso che si è delineato naturalmente, complice la miriade di libri che ho portato con me dalle vacanze natalizie. A ben guardare, infatti, tra i libri che ho letto e quelli che vorrei leggere, ce ne sono tanti che parlano di Napoli. Non a caso ho iniziato l’anno di questo blog proprio con la recensione di “Napoli mon amour”.

Ho notato che, da quando vivo all'estero, ho iniziato a cercare, leggere e accarezzare libri che parlano della mia terra. Non perché abbia bisogno dell'inchiostro su carta per ricordarmela, per carità, ma forse mi sembra …