Passa ai contenuti principali

La gente felice legge e beve caffè di Agnès Martin-Lugand


La gente felice legge e beve caffè.
Voi vi sentite nella posizione di dissentire?
Io proprio no!

Non se la sente di dissentire nemmeno Diane la protagonista del libro di esordio di Agnès Martin-Lugand che si intitola appunto "La gente felice legge e beve caffè" [Sperling & Kupfer] che chiama così il suo caffè letterario, a Parigi.

Fin dalle primissime pagine, capiamo che non sarà un percorso facile, quello di Diane, perché il percorso per uscire dal dolore non è mai facile. E, soprattutto, non è mai standard.
Perché non ci sono due dolori uguali, così come non esistono due amori uguali.

Diane subisce un grave lutto che la spoglia di qualsiasi voglia di vivere e di tutti i progetti per il futuro. Eppure, qualcosa batte ancora, nel profondo del suo animo ed è da quel battito che Diane riparte.
Lascia tutta la zavorra che la tiene ancorata ad una realtà che non sente più sua e parte per l'Irlanda.
Lì trova una vita completamente diversa, incontra persone con sentimenti semplici che vanno a riempire il grandissimo vuoto che ha dentro.

Per il cuore di Diane, invece, il discorso è diverso.
Edward non è una persona semplice e Diane ha troppi pezzi da rimettere insieme per riuscire a gestire anche lui. Eppure...


"La gente felice legge e beve caffè" è il primo libro di Agnès Martin-Lugand che, prima di diventare scrittrice, era una psicologa. Questo libro è stato rifiutato da quattro editori, prima che l'autrice si decidesse ad autopubblicarlo su Amazon per 0.89 centesimi. In pochi mesi, l'ebook ha venduto 8500 copie. Solo allora, l'editore Michel Lafon l'ha contattata per acquisire i diritti che, ad ora, sono stati venduti in 18 Paesi e si sta anche lavorando ad una versione cinematografica.

La delicatezza della storia cattura e i sentimenti descritti da Agnès Martin-Lugand hanno una profondità che ritroverete anche nelle pieghe più protette del vostro animo. Tanto che, arrivati all'ultima pagina, resta ancora la voglia di parlare con Diane, di chiederle come sta, di sapere come andranno i suoi progetti e, se fosse possibile, chiederei all'autrice di continuare a raccontarci questa storia dalle tinte così affascinanti.

Si sa, per essere felici, a volte, basta leggere e bere caffè.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Novembre dorato

L'autunno è arrivato tardi ma poi è esploso in tutti i colori che lo caratterizzano. Passeggiando con mia figlia nel bosco che abbiamo sotto casa, su sentieri di foglie dorate, mi sono ricordata che quando ero piccola il mio colore preferito era il giallo. Come erano i miei capelli, come un prendisole che mi aveva cucito mia zia con i bottoncini a forma di matitine gialle, come tutte le cose che sceglievo liberamente. Giallo. Chissà perché lo avevo dimenticato.
Ho cucinato, per quanto mi fosse possibile, piatti che richiamassero l'autunno: risotti ai funghi (mai buoni come quelli che fa mio marito, ma tant'è), zuppe di zucca, arrosti. Non so perché, ma ogni volta che mi sono trovata a fare la spesa, mi è sembrato di avere sotto il naso l'odore del bosco e l'ho seguito finché non ho saputo di essere nel posto giusto.
Ho letto e ho scritto ma non nella misura che mi è sembrato sufficiente, né dell'una né dell'altra cosa. Sia della lettura che della scrittura…

Novità: Il Club delle Pigiamiste di Giulia Binazzi e Chiara Leonardi

Il Club delle Pigiamiste Giulia Binazzi (testi) e Chiara Leonardi (illustrazioni) A40annivieneilbello Edizioni

Pigiamisti non si diventa, pigiamisti si è!
Quando ancora tutti dormono, apre il Club delle Pigiamiste. Le due protagoniste, nonché fondatrici del Club, Alice e Caterina, si trovano a dover gestire una richiesta sospetta di ingresso al Club da parte di un nuovo inquilino del palazzo. Solo il Grande Consiglio Mondiale delle Pigiamiste potrà aiutarle a sciogliere il dilemma: sarà un vero pigiamista?
Una storia divertente e leggera, che farà venire voglia ai più piccoli di ributtarsi sotto le coperte e iniziare una delle mille avventure nella propria camera da letto, in un luogo intimo e protetto in cui la fantasia può sbocciare, in cui uno scatolone diventa una macchina per raggiungere il sole, un tavolo può diventare magicamente un palcoscenico sul quale esibirsi e una coperta un mare gremito di stelle marine. Le bambine e i bambini si riconosceranno nell'atmosfera di casa …