Passa ai contenuti principali

La gente felice legge e beve caffè di Agnès Martin-Lugand


La gente felice legge e beve caffè.
Voi vi sentite nella posizione di dissentire?
Io proprio no!

Non se la sente di dissentire nemmeno Diane la protagonista del libro di esordio di Agnès Martin-Lugand che si intitola appunto "La gente felice legge e beve caffè" [Sperling & Kupfer] che chiama così il suo caffè letterario, a Parigi.

Fin dalle primissime pagine, capiamo che non sarà un percorso facile, quello di Diane, perché il percorso per uscire dal dolore non è mai facile. E, soprattutto, non è mai standard.
Perché non ci sono due dolori uguali, così come non esistono due amori uguali.

Diane subisce un grave lutto che la spoglia di qualsiasi voglia di vivere e di tutti i progetti per il futuro. Eppure, qualcosa batte ancora, nel profondo del suo animo ed è da quel battito che Diane riparte.
Lascia tutta la zavorra che la tiene ancorata ad una realtà che non sente più sua e parte per l'Irlanda.
Lì trova una vita completamente diversa, incontra persone con sentimenti semplici che vanno a riempire il grandissimo vuoto che ha dentro.

Per il cuore di Diane, invece, il discorso è diverso.
Edward non è una persona semplice e Diane ha troppi pezzi da rimettere insieme per riuscire a gestire anche lui. Eppure...


"La gente felice legge e beve caffè" è il primo libro di Agnès Martin-Lugand che, prima di diventare scrittrice, era una psicologa. Questo libro è stato rifiutato da quattro editori, prima che l'autrice si decidesse ad autopubblicarlo su Amazon per 0.89 centesimi. In pochi mesi, l'ebook ha venduto 8500 copie. Solo allora, l'editore Michel Lafon l'ha contattata per acquisire i diritti che, ad ora, sono stati venduti in 18 Paesi e si sta anche lavorando ad una versione cinematografica.

La delicatezza della storia cattura e i sentimenti descritti da Agnès Martin-Lugand hanno una profondità che ritroverete anche nelle pieghe più protette del vostro animo. Tanto che, arrivati all'ultima pagina, resta ancora la voglia di parlare con Diane, di chiederle come sta, di sapere come andranno i suoi progetti e, se fosse possibile, chiederei all'autrice di continuare a raccontarci questa storia dalle tinte così affascinanti.

Si sa, per essere felici, a volte, basta leggere e bere caffè.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…