Passa ai contenuti principali

Storie (impossibili) di scrittori rifiutati da tutti. E poi...


Ultimamente sono interessata alle storie impossibili di scrittori, o aspiranti tali.
Non chiedetemi perché, non ve lo saprei dire.
Mi capitano sotto gli occhi per caso, vi giuro, non le cerco, ma poi mi ci appassiono e me le segno.
Leggo le biografie, e quanto più sono tormentate più mi piacciono.

Eppure, me lo dovevo aspettare.
Uno dei miei scrittori preferiti, Paul Auster, è diventato famoso proprio per il libro che gli fu rifiutato da ben 17 editoriTrilogia di New York, e poi diventato capolavoro apprezzato da critica e pubblico.

Per caso, leggendo Bookblister, ho scoperto la storia di Giovanni Cocco.
Confesso di non aver letto nessuno dei libri che ha pubblicato, ma appena possibile non mancherò oltre, perché la sua storia è di quelle che non riesci più a dimenticare.

Giovanni Cocco inizia a scrivere già dagli inizi del 2000 e pubblica "Angeli a perdere" per una piccola casa editrice, No Reply, poi per una decina d'anni - a causa di diverse vicende personali - più niente.
È nel 2011 che Cocco propone agli editori italiani il romanzo che, nel frattempo, ha scritto.
E incassa ben 32 rifiuti.
Poi Giovanni incontra Loredana Rotundo che di professione è agente letterario e lei decide di scommettere su di lui.
Il libro uscirà poi - a febbraio 2013 - per Nutrimenti con il titolo di "La Caduta".
Un libro rifiutato da tutti (o quasi) ottiene recensioni entusiastiche e va incontro a numerose ristampe.
E vince il Premio Selezione Campiello.
Subito dopo pubblica "Ombre sul lago" (Guanda) scritto a quattro mani con la moglie Amneris Magella e questo si potrebbe, invece, chiamare "il libro che tutti volevano pubblicare".
Il seguito è un lieto fine in piena regola: quest'anno usciranno altri libri, ci saranno traduzioni in tante lingue straniere, le storie continueranno e... vissero scrittori e contenti!

Voi al posto di Giovanni Cocco cosa avreste fatto?
Al quinto, al decimo o al trentesimo rifiuto, avreste desistito dall'inviare ancora manoscritti?
Io non lo so, ma probabilmente avrei iniziato a pensare di non saper scrivere.
Invece, la perseveranza paga.
Per Giovanni è stato così ed è per questo che la sua storia mi piace tanto!

La storia della letteratura è piena di libri rifiutati da editori, pure importanti, che poi hanno avuto un successo esagerato, facendo mangiare le mani a chi, a suo tempo, aveva spedito la letterina di rifiuto pre-stampata.
Qui troverete una bella carrellata di celebri rifiuti.

Lo so che non c'è Nabokov o Proust in ogni scrittore rifiutato.
MA.

Se sei un editore: non rifiutare tutto, a prescindere, solo perché magari il nome dell'autore è sconosciuto e la storia, leggendo solo le prime quattro righe, ti sembra che non ingrani.

Se sei uno scrittore: invia qualcosa solo quando credi di aver dato il meglio di te. È vero che non nascono più i grandi di una volta, ma forse gli editori cercano qualcosa di nuovo. Purché sia di altissima qualità.
Umiltà, impegno e perseveranza. Sempre.

Per il resto, che siate editori o scrittori, basta che ci facciate leggere qualcosa che, all'ultima pagina, ci faccia supplicare: NE VOGLIO ANCORA!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…