Passa ai contenuti principali

San Valentino d'inchiostro!


Ieri era San Valentino.
La festa degli innamorati.
Sì, ma quale amore?! È una festa commerciale.
Sì, ma San Valentino era un martire.
E non sono martiri quelli che si svenano per questa festa?!
Non sono martiri quelli che, per un unico giorno all'anno, cercano in tutti i modi di zittire i/le loro incontentabili compagni/e?
Scusate, e non siamo martiri pure noi che ci siamo dovuti sorbire il puntuale aggiornamento fotografico di questi tentativi, postati in tempo reale dagli/dalle incontentabili con lo smartphone nuovo di zecca?!
(se per accontentare un/una incontentabile non vi presentate, tra le altre cose, almeno con uno smartphone di ultimissima generazione, è meglio che non tentate proprio).

Tutti dentro, allora!

Quando il mio fidanzato - che a giorni alterni rispolvera la candidatura alla beatificazione - mi ha chiesto cosa desiderassi per la festa commerciale del santo martire degli innamorati, non ho avuto dubbi: LIBRI!

Il dubbio è arrivato solo al momento di scegliere QUALI libri farmi regalare.
La scelta è caduta su degli ebook che potessi iniziare a leggere subito (visto che sono in viaggio all'estero e non ho voglia di aspettare per le consegne), ma non escludo che, una volta tornata in Italia, il regalo non possa comprendere anche dei libri cartacei (capito?!).

E comunque, sarà perché la festa degli innamorati richiama dolcezza, ho scelto ebook tutti rigorosamente col lieto fine. Ne avevo bisogno.

Ho badato poco al fatto che fossero o meno annoverati come pietre miliari della letteratura contemporanea italiana e straniera. Ho letto alcune delle pietre miliari della letteratura di tutti i tempi e il loro tesoro resterà dentro di me per sempre, con riletture periodiche e tutto il resto. 
Ma ora no. 
Ora ho voglia di leggere storie che finiscano bene, dove tutti i dolori e le insicurezze, alla fine, trovino ragione d'essere in virtù di un lieto fine colossale, coi fuochi d'artificio.

Credo che, a volte, dobbiamo semplicemente fare quello che vogliamo, senza pensare troppo a quello che dovremmo fare o a quello che è giusto. 
Anche per la scelta dei libri.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…