Passa ai contenuti principali

L'insostenibile pesantezza delle 19.30

Salvador Dalì, La persistenza della memoria, 1931
Anche un orologio fermo segna l'ora giusta. Due volte al giorno.
Herman Hesse

Le abitudini, secondo me, sono tali perché decidiamo di scandire le ore del giorno con determinate azioni.
Ogni giorno ci sono sempre le stesse ore e, per le stesse ore, le stesse azioni.

Le abitudini danno sicurezza. Tanto è vero che quando si cambia casa, città, ambiente, nazione o continente - addirittura! - i primi periodi sono scombinati proprio perché si perdono le proprie abitudini.
Il tempo di crearsene di nuove, e tutto pare ritornare su binari sicuri.

Io credo di avere poche abitudini, eppure qualcosa me la porto dietro dappertutto.
Alle 19.30 di ogni giorno - che sia primavera, estate, autunno o inverno - mi cala addosso una pesantezza dell'essere che, a confronto, la cotta di maglia ferrata dei crociati era una maglietta intima Liabel di lana con cotone sulla pelle!

In realtà, non so spiegarvi se guardo l'ora e mi piomba addosso la coperta di noia o se è vero il contrario.
Fatto sta che, quando inizio a sentirmi quella nebbia nel cervello, guardo l'ora et voilà! Sono immancabilmente le 19.30...

La memoria della pesantezza è persistente e rammollisce il tempo.
Un po' come gli orologi molli di Dalì.

Forse anche lui aveva quella mollezza delle 19.30 che mi colpisce tutti i giorni.

Cerco di consolarmi così, dicendomi che questa mollezza chissà che non mi porti a creare qualche capolavoro...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…