Passa ai contenuti principali

L'insostenibile pesantezza delle 19.30

Salvador Dalì, La persistenza della memoria, 1931
Anche un orologio fermo segna l'ora giusta. Due volte al giorno.
Herman Hesse

Le abitudini, secondo me, sono tali perché decidiamo di scandire le ore del giorno con determinate azioni.
Ogni giorno ci sono sempre le stesse ore e, per le stesse ore, le stesse azioni.

Le abitudini danno sicurezza. Tanto è vero che quando si cambia casa, città, ambiente, nazione o continente - addirittura! - i primi periodi sono scombinati proprio perché si perdono le proprie abitudini.
Il tempo di crearsene di nuove, e tutto pare ritornare su binari sicuri.

Io credo di avere poche abitudini, eppure qualcosa me la porto dietro dappertutto.
Alle 19.30 di ogni giorno - che sia primavera, estate, autunno o inverno - mi cala addosso una pesantezza dell'essere che, a confronto, la cotta di maglia ferrata dei crociati era una maglietta intima Liabel di lana con cotone sulla pelle!

In realtà, non so spiegarvi se guardo l'ora e mi piomba addosso la coperta di noia o se è vero il contrario.
Fatto sta che, quando inizio a sentirmi quella nebbia nel cervello, guardo l'ora et voilà! Sono immancabilmente le 19.30...

La memoria della pesantezza è persistente e rammollisce il tempo.
Un po' come gli orologi molli di Dalì.

Forse anche lui aveva quella mollezza delle 19.30 che mi colpisce tutti i giorni.

Cerco di consolarmi così, dicendomi che questa mollezza chissà che non mi porti a creare qualche capolavoro...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…