Passa ai contenuti principali

Le geometrie dell'animo omicida di Monica Bartolini


C'è stato un tempo in cui non iniziavo la giornata senza aver prima consultato l'oroscopo, l'I Ching e qualsiasi cosa mi potesse dire, anche se molto approssimativamente, quello che mi aspettava.
Ero arrivata ad un buon grado di esperienza, tanto da riuscire ad incrociare anche le diverse previsioni, poi. Perché? Non ho ancora indagato in quell'area della mia vita, ma mi piaceva tanto.

Poi una mattina mi sono svegliata e ho smesso.

In quel tempo non leggevo libri noir o gialli. Non so perché, forse credevo di non riuscire a sopportare di farmi toccare dalle ombre di quelle storie che, in un modo o in un altro, mi avrebbero toccato.
Quei tempi sono finiti, sia perché raramente leggo gli oroscopi, sia perché ora il genere giallo/noir è uno dei miei preferiti.

Immaginatevi, quindi, cosa ho provato a trovarmi di fronte a "Le geometrie dell'animo omicida" di Monica Bartolini (Scrittura & Scritture), un libro che mette insieme tutte e due le cose.

A Contrada Madonnuzza, un cadavere di una ragazza legata mani e piedi mette in subbuglio la città. Lei è figlia di uno stimato professore in medicina e il principale sospettato è il fidanzato, Giacomo Delli Carri, figlio di uno degli avvocati più noti e temuti della città.
Ad indagare sul delitto che sembra essere il triste epilogo di un gioco erotico, il maresciallo Nunzio Piscopo e il capitano Spada, insieme al magistrato Annarita De Acetis mettono in campo tutta la loro esperienza e intuizione. Ma la soluzione arriverà da dove non avrebbero mai creduto: nelle mappe astrali tracciate da Tina Piscopo - detta "la marescialla" perché figlia del maresciallo Piscopo - appassionata di astrologia e bancaria per esigenza pratica della vita.

Monica Bartolini tesse una storia che non accusa cedimenti.
Confesso che verso pagina 60 ha iniziato a frullarmi in testa una possibile soluzione per il caso, ma era così ovvia che mi sono detta mille volte che non poteva essere. Conosco e stimo la casa editrice e l'autrice ha alle spalle diversi libri, tra l'altro "Le geometrie dell'animo omicida" è finalista del Premio Tedeschi nel 2011. Ebbene, immaginate il mio urlo di trionfo quando la soluzione reale è stata talmente geniale da essere lontana anni luce dalle mie intuizioni!
Forse mi sarei dovuta sentire ferita nell'orgoglio intellettuale perché non avevo indovinato e blablabla, ma non è questo il mio modo di ragionare.
Ho applaudito all'autrice e mi sono detta che ancora una volta Scrittura & Scritture aveva confermato l'altissima qualità dei libri che pubblica.

Così, come ho confermato la mia convinzione che non scriverò mai un giallo/noir: sarà per la questione delle ombre di cui sopra, o perché sto scrivendo qualcosa di tutt'altro genere, ma comunque...

Mi sono affezionata ad alcuni personaggi de "Le geometrie dell'animo omicida" e mi piacerebbe che Bartolini - detta anche "la rossa che scrive gialli" - li facesse parlare ancora in altre storie.

Un libro che fa pensare a quello che c'è scritto nelle stelle, sulla nostra testa, e noi non lo sappiamo.

Commenti

  1. sai che è sulla mia lista! non vedo l'ora di leggerlo!
    ti lascio il link del mio blog se ti va di passare :)

    http://spignattoereview.blogspot.com/

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …

Recensione: Il pianto dell'alba di Maurizio de Giovanni

Considerate adesso un colpo di vento. Consideratelo nel momento della sua nascita, in una terra remota, ignaro della strada che dovrà percorrere, fatta di notte e di mare.
Un amore durato tredici anni può scomparire semplicemente scrivendo fine sull'ultima pagina? Che abbiate esperienza d'amore o no, la risposta non potrà essere positiva, perché il cuore non è una luce che si accende e si spegne senza lasciare strascichi più o meno evidenti del suo passaggio. Con mille scintille che ancora sprizzano di tanto in tanto, il mio cuore ha letto "Il pianto dell'alba" di Maurizio de Giovanni [Einaudi], ultimo capitolo della serie dedicata al commissario Ricciardi.
Dopo tredici anni e tredici libri, lo scrittore ha immaginato una conclusione per le vicende dell'amatissimo personaggio - amatissimo da me, dai suoi lettori e anche da lui, è evidente - del commissario già barone di Malomonte, Luigi Alfredo Ricciardi. Lo ritroviamo un anno dopo la conclusione de "Il p…