Passa ai contenuti principali

Il meglio deve ancora venire!


Non so voi, ma io ancora non mi rendo conto che è gennaio.
Il tempo è una convezione creata dall'uomo, Capodanno non è che veramente si butta tutto e si ricomincia, le stime dicono che quest'anno sarà blablabla...
L'unico sentore che è il primo mese dell'anno, in me, si avverte con uno strano fermento, più mentale che altro, ma che mi fa stare sveglia fino a tardi e, durante il giorno, mi fa intervallare discorsi di senso compiuto con spezzoni di frasi tipo: "Sicuramente se faccio così, poi..." oppure "Devo lavorarci, ma già così mi sembra una buona idea!" o ancora "Devo provare... e pure se fosse, non mi interessa... potrò sempre tentare...".
Una specie di delirio, insomma.

Non ci sono buoni propositi che per me possano funzionare, tanto poi non li mantengo e spesso me li dimentico proprio.

Però una cosa voglio fissarla, qui, nero su bianco, pixel su pixel.
E la cosa è la seguente:

CONSERVARE QUESTO FERMENTO PER TUTTO L'ANNO.
Avere la voglia e l'entusiasmo per progettare, sognare, perdere tempo a costruire e a disfare per poi ricostruire ancora e ancora.

Ecco cosa vorrei.
Avere sempre questa specie di febbre, come un tremolio nella testa, a metà tra la paura e la follia, ad un passo dalla più grande felicità e dalla più grande delusione.

Stay hungry, stay foolish.
Sì, sarà anche questo, non so di preciso.
Ma non credo che partorirò la nuova multinazionale del secolo.
Ma perché darsi un limite?!

Il meglio deve ancora venire.
O almeno, così dicono e ci augurano.
Aspettiamolo, questo meglio!
Chissà, dovesse portare ritardo, con i mezzi di trasporto che ci ritroviamo... Non si sa mai!

E allora, buon anno a tutti voi!
E che sia un anno pieno di progetti, di fermenti e... di salti!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…