Passa ai contenuti principali

Il meglio deve ancora venire!


Non so voi, ma io ancora non mi rendo conto che è gennaio.
Il tempo è una convezione creata dall'uomo, Capodanno non è che veramente si butta tutto e si ricomincia, le stime dicono che quest'anno sarà blablabla...
L'unico sentore che è il primo mese dell'anno, in me, si avverte con uno strano fermento, più mentale che altro, ma che mi fa stare sveglia fino a tardi e, durante il giorno, mi fa intervallare discorsi di senso compiuto con spezzoni di frasi tipo: "Sicuramente se faccio così, poi..." oppure "Devo lavorarci, ma già così mi sembra una buona idea!" o ancora "Devo provare... e pure se fosse, non mi interessa... potrò sempre tentare...".
Una specie di delirio, insomma.

Non ci sono buoni propositi che per me possano funzionare, tanto poi non li mantengo e spesso me li dimentico proprio.

Però una cosa voglio fissarla, qui, nero su bianco, pixel su pixel.
E la cosa è la seguente:

CONSERVARE QUESTO FERMENTO PER TUTTO L'ANNO.
Avere la voglia e l'entusiasmo per progettare, sognare, perdere tempo a costruire e a disfare per poi ricostruire ancora e ancora.

Ecco cosa vorrei.
Avere sempre questa specie di febbre, come un tremolio nella testa, a metà tra la paura e la follia, ad un passo dalla più grande felicità e dalla più grande delusione.

Stay hungry, stay foolish.
Sì, sarà anche questo, non so di preciso.
Ma non credo che partorirò la nuova multinazionale del secolo.
Ma perché darsi un limite?!

Il meglio deve ancora venire.
O almeno, così dicono e ci augurano.
Aspettiamolo, questo meglio!
Chissà, dovesse portare ritardo, con i mezzi di trasporto che ci ritroviamo... Non si sa mai!

E allora, buon anno a tutti voi!
E che sia un anno pieno di progetti, di fermenti e... di salti!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…