Passa ai contenuti principali

Se Steve Jobs fosse nato a Napoli sarebbe stato un terrone a zonzo!


Se alleniamo tutti calciatori eccellenti e poi, quando sono pronti a giocare, li mandiamo a giocare altrove, chi resta?
Questo il quesito provocatorio lanciato alla platea degli alunni dell'Istituto Superiore "F. Degni" che hanno assistito all'incontro con il giornalista Antonio Menna, autore di "Tre terroni a zonzo" (Sperling & Kupfer).
L'interessante dibattito ha aperto la due giorni del 2° convegno "Per il Rilancio" organizzato dall'associazione "Per il Rilancio di Torre del Greco", a cui parteciperanno, tra oggi pomeriggio e domani mattina, la scrittrice Giuliana Covella con il suo libro "Fiore...come me" e gli autori di "Tra due giorni è già Natale".


Antonio Menna è anche l'autore del libro "Se Steve Jobs fosse nato a Napoli" (Sperling & Kupfer) dove racconta le vicende di Stefano Lavori e Stefano Vozzini che, in un garage dei Quartieri Spagnoli, vogliono avviare e vendere uno straordinario computer.
Che differenza c'è tra Steve Jobs e Steve Wozniak e i nostri conterranei?
Apple, Google e Facebook sono stati creati da ragazzi di meno di 25 anni, che hanno cambiato il mondo e la loro vita. Un ragazzo di meno di 25 anni, in Italia, è considerato poco più di un bambino. Vi chiederete perché lì è possibile e qui no. Non è che lì sono più intelligenti o brillanti. Il cervello lo abbiamo anche noi. E allora qual è la differenza? Le condizioni ambientali, tutto quello che sta attorno a questi ragazzi.
In fondo, Jobs e Wozniak sono figli di immigrati siriani e polacchi, rispettivamente, ma a Palo Alto qualcuno ha voluto ascoltare la loro idea e scommettere su di loro. Qui da noi, probabilmente - e tristemente - sarebbero solo figli di immigrati...

In Italia, esiste un unico soggetto che ascolta e dà fiducia ai giovani: la famiglia. "Chi ha una famiglia più forte alle spalle, è più fortunato. Mentre in alcuni casi, è la stessa famiglia ad aver bisogno di aiuto - magari c'è qualcuno che perde il lavoro - e allora zoppica anche il giovane che vi si appoggia. Ed è un peccato perché così perdiamo molte ricchezze" ha sottolineato ancora Menna.

Ai giovani che hanno partecipato con le loro esperienze, Antonio Menna ha dato un consiglio:
La collettività deve sostenere chi vuole cambiare. Ognuno di noi è bravo a fare qualcosa, basta solo riconoscerlo, perché il talento porta al successo. E se vi accorgete che questo territorio non vi merita, andate via. Lo so che bisogna spingere i giovani a restare, a lottare, ma non sempre è giusto. Perché la vostra vita merita di più di qualsiasi territorio. Andate a mettere a frutto il vostro talento dove viene apprezzato, dove merita, e poi tornate a dare uno schiaffo morale a chi vi ha rifiutato.
Un incontro illuminante.
E non solo per i ragazzi...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…