Passa ai contenuti principali

Se Steve Jobs fosse nato a Napoli sarebbe stato un terrone a zonzo!


Se alleniamo tutti calciatori eccellenti e poi, quando sono pronti a giocare, li mandiamo a giocare altrove, chi resta?
Questo il quesito provocatorio lanciato alla platea degli alunni dell'Istituto Superiore "F. Degni" che hanno assistito all'incontro con il giornalista Antonio Menna, autore di "Tre terroni a zonzo" (Sperling & Kupfer).
L'interessante dibattito ha aperto la due giorni del 2° convegno "Per il Rilancio" organizzato dall'associazione "Per il Rilancio di Torre del Greco", a cui parteciperanno, tra oggi pomeriggio e domani mattina, la scrittrice Giuliana Covella con il suo libro "Fiore...come me" e gli autori di "Tra due giorni è già Natale".


Antonio Menna è anche l'autore del libro "Se Steve Jobs fosse nato a Napoli" (Sperling & Kupfer) dove racconta le vicende di Stefano Lavori e Stefano Vozzini che, in un garage dei Quartieri Spagnoli, vogliono avviare e vendere uno straordinario computer.
Che differenza c'è tra Steve Jobs e Steve Wozniak e i nostri conterranei?
Apple, Google e Facebook sono stati creati da ragazzi di meno di 25 anni, che hanno cambiato il mondo e la loro vita. Un ragazzo di meno di 25 anni, in Italia, è considerato poco più di un bambino. Vi chiederete perché lì è possibile e qui no. Non è che lì sono più intelligenti o brillanti. Il cervello lo abbiamo anche noi. E allora qual è la differenza? Le condizioni ambientali, tutto quello che sta attorno a questi ragazzi.
In fondo, Jobs e Wozniak sono figli di immigrati siriani e polacchi, rispettivamente, ma a Palo Alto qualcuno ha voluto ascoltare la loro idea e scommettere su di loro. Qui da noi, probabilmente - e tristemente - sarebbero solo figli di immigrati...

In Italia, esiste un unico soggetto che ascolta e dà fiducia ai giovani: la famiglia. "Chi ha una famiglia più forte alle spalle, è più fortunato. Mentre in alcuni casi, è la stessa famiglia ad aver bisogno di aiuto - magari c'è qualcuno che perde il lavoro - e allora zoppica anche il giovane che vi si appoggia. Ed è un peccato perché così perdiamo molte ricchezze" ha sottolineato ancora Menna.

Ai giovani che hanno partecipato con le loro esperienze, Antonio Menna ha dato un consiglio:
La collettività deve sostenere chi vuole cambiare. Ognuno di noi è bravo a fare qualcosa, basta solo riconoscerlo, perché il talento porta al successo. E se vi accorgete che questo territorio non vi merita, andate via. Lo so che bisogna spingere i giovani a restare, a lottare, ma non sempre è giusto. Perché la vostra vita merita di più di qualsiasi territorio. Andate a mettere a frutto il vostro talento dove viene apprezzato, dove merita, e poi tornate a dare uno schiaffo morale a chi vi ha rifiutato.
Un incontro illuminante.
E non solo per i ragazzi...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…