Passa ai contenuti principali

Se Steve Jobs fosse nato a Napoli sarebbe stato un terrone a zonzo!


Se alleniamo tutti calciatori eccellenti e poi, quando sono pronti a giocare, li mandiamo a giocare altrove, chi resta?
Questo il quesito provocatorio lanciato alla platea degli alunni dell'Istituto Superiore "F. Degni" che hanno assistito all'incontro con il giornalista Antonio Menna, autore di "Tre terroni a zonzo" (Sperling & Kupfer).
L'interessante dibattito ha aperto la due giorni del 2° convegno "Per il Rilancio" organizzato dall'associazione "Per il Rilancio di Torre del Greco", a cui parteciperanno, tra oggi pomeriggio e domani mattina, la scrittrice Giuliana Covella con il suo libro "Fiore...come me" e gli autori di "Tra due giorni è già Natale".


Antonio Menna è anche l'autore del libro "Se Steve Jobs fosse nato a Napoli" (Sperling & Kupfer) dove racconta le vicende di Stefano Lavori e Stefano Vozzini che, in un garage dei Quartieri Spagnoli, vogliono avviare e vendere uno straordinario computer.
Che differenza c'è tra Steve Jobs e Steve Wozniak e i nostri conterranei?
Apple, Google e Facebook sono stati creati da ragazzi di meno di 25 anni, che hanno cambiato il mondo e la loro vita. Un ragazzo di meno di 25 anni, in Italia, è considerato poco più di un bambino. Vi chiederete perché lì è possibile e qui no. Non è che lì sono più intelligenti o brillanti. Il cervello lo abbiamo anche noi. E allora qual è la differenza? Le condizioni ambientali, tutto quello che sta attorno a questi ragazzi.
In fondo, Jobs e Wozniak sono figli di immigrati siriani e polacchi, rispettivamente, ma a Palo Alto qualcuno ha voluto ascoltare la loro idea e scommettere su di loro. Qui da noi, probabilmente - e tristemente - sarebbero solo figli di immigrati...

In Italia, esiste un unico soggetto che ascolta e dà fiducia ai giovani: la famiglia. "Chi ha una famiglia più forte alle spalle, è più fortunato. Mentre in alcuni casi, è la stessa famiglia ad aver bisogno di aiuto - magari c'è qualcuno che perde il lavoro - e allora zoppica anche il giovane che vi si appoggia. Ed è un peccato perché così perdiamo molte ricchezze" ha sottolineato ancora Menna.

Ai giovani che hanno partecipato con le loro esperienze, Antonio Menna ha dato un consiglio:
La collettività deve sostenere chi vuole cambiare. Ognuno di noi è bravo a fare qualcosa, basta solo riconoscerlo, perché il talento porta al successo. E se vi accorgete che questo territorio non vi merita, andate via. Lo so che bisogna spingere i giovani a restare, a lottare, ma non sempre è giusto. Perché la vostra vita merita di più di qualsiasi territorio. Andate a mettere a frutto il vostro talento dove viene apprezzato, dove merita, e poi tornate a dare uno schiaffo morale a chi vi ha rifiutato.
Un incontro illuminante.
E non solo per i ragazzi...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …