Passa ai contenuti principali

Se Steve Jobs fosse nato a Napoli sarebbe stato un terrone a zonzo!


Se alleniamo tutti calciatori eccellenti e poi, quando sono pronti a giocare, li mandiamo a giocare altrove, chi resta?
Questo il quesito provocatorio lanciato alla platea degli alunni dell'Istituto Superiore "F. Degni" che hanno assistito all'incontro con il giornalista Antonio Menna, autore di "Tre terroni a zonzo" (Sperling & Kupfer).
L'interessante dibattito ha aperto la due giorni del 2° convegno "Per il Rilancio" organizzato dall'associazione "Per il Rilancio di Torre del Greco", a cui parteciperanno, tra oggi pomeriggio e domani mattina, la scrittrice Giuliana Covella con il suo libro "Fiore...come me" e gli autori di "Tra due giorni è già Natale".


Antonio Menna è anche l'autore del libro "Se Steve Jobs fosse nato a Napoli" (Sperling & Kupfer) dove racconta le vicende di Stefano Lavori e Stefano Vozzini che, in un garage dei Quartieri Spagnoli, vogliono avviare e vendere uno straordinario computer.
Che differenza c'è tra Steve Jobs e Steve Wozniak e i nostri conterranei?
Apple, Google e Facebook sono stati creati da ragazzi di meno di 25 anni, che hanno cambiato il mondo e la loro vita. Un ragazzo di meno di 25 anni, in Italia, è considerato poco più di un bambino. Vi chiederete perché lì è possibile e qui no. Non è che lì sono più intelligenti o brillanti. Il cervello lo abbiamo anche noi. E allora qual è la differenza? Le condizioni ambientali, tutto quello che sta attorno a questi ragazzi.
In fondo, Jobs e Wozniak sono figli di immigrati siriani e polacchi, rispettivamente, ma a Palo Alto qualcuno ha voluto ascoltare la loro idea e scommettere su di loro. Qui da noi, probabilmente - e tristemente - sarebbero solo figli di immigrati...

In Italia, esiste un unico soggetto che ascolta e dà fiducia ai giovani: la famiglia. "Chi ha una famiglia più forte alle spalle, è più fortunato. Mentre in alcuni casi, è la stessa famiglia ad aver bisogno di aiuto - magari c'è qualcuno che perde il lavoro - e allora zoppica anche il giovane che vi si appoggia. Ed è un peccato perché così perdiamo molte ricchezze" ha sottolineato ancora Menna.

Ai giovani che hanno partecipato con le loro esperienze, Antonio Menna ha dato un consiglio:
La collettività deve sostenere chi vuole cambiare. Ognuno di noi è bravo a fare qualcosa, basta solo riconoscerlo, perché il talento porta al successo. E se vi accorgete che questo territorio non vi merita, andate via. Lo so che bisogna spingere i giovani a restare, a lottare, ma non sempre è giusto. Perché la vostra vita merita di più di qualsiasi territorio. Andate a mettere a frutto il vostro talento dove viene apprezzato, dove merita, e poi tornate a dare uno schiaffo morale a chi vi ha rifiutato.
Un incontro illuminante.
E non solo per i ragazzi...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…