Passa ai contenuti principali

Books and coffee: libri, tazze e cupcakes, la nuova tendenza del web. Ma perché?

Books & cups (e una nastrina) mentre aggiorno Leggimi nel pensiero! 
Se fate un giro per il web, tra case editrici, book blog, siti accreditati e semplici appassionati, troverete una cosa in comune.

Tutti ma proprio tutti hanno pubblicato - almeno una volta, mentre alcuni fondano tutta la propria "fortuna" su questo - foto di: tazze, tazzine, teiere old style, bicchieroni di Starbucks, piccoli cupcakes colorati, muffin golosissimi, biscotti dalle forme tenere e... libri libri libri!
Anche io sulla pagina Facebook di Leggimi nel pensiero non resisto alla tentazione e, quando trovo foto carine, le pubblico a tutto spiano.

Ma perché?

Io non so quale sia il principio ispiratore di tutte le persone che pubblicano queste foto, ma posso dirvi quale è il mio.
Vedere un libro con accanto una tazzina di caffè o una tazza di tè, magari con un pasticcino che promette picchi di diabete... non lo so, ma mi dà una certa idea di tranquillità, di quieta serenità come se, in tutte le corse e le bufere della vita, si potesse ritagliare un attimo - proprio in quel momento che vedo la foto! - da dedicare a se stessi e stare bene.
Una tazza messa accanto ad un libro aperto mi dà l'impressione che, mentre si stava leggendo, sia successo qualcosa di ancora più bello tanto da distogliere dalla lettura.
Vedere un posto con una tazzina di caffè e un pasticcino, mi riporta alla mente gli appuntamenti con gli amici, le risate di un incontro spensierato...

Ma forse è solo perché io con un libro e qualcosa di dolce sto bene.

Questa passione/tendenza è conosciuta anche dall'editoria che sfrutta tazze & co. per trame e copertine di libri.
Qualche esempio:








Io, se mi capita di vedere una copertina come queste qui sopra, non so se compro il libro, ma di certo mi fermo a leggere il titolo e... hai visto mai! ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…