Passa ai contenuti principali

Biblioteca vivente: ogni persona ha una storia da raccontare. Come un libro.


Anche quando ero piccola, mi piaceva ascoltare le storie.
Mia mamma mi racconta che passavo ore ed ore in braccio a mia zia che mi raccontava di tutto, favole, filastrocche, "i cunti e i fattarielli"
Credo che mi raccontasse pure i film, non so di preciso.

In quel momento, anche se poco più che in fasce, io ero in una biblioteca vivente.

Qualche tempo fa, girovagando in maniera matta e disperatissima sul web, mi sono imbattuta in questa meraviglia: il Living Library Italian Network.
Scusate la terribile ignoranza, ma io credevo che le biblioteche viventi esistessero solo nelle favole. O, al massimo, nei miei sogni. E invece no.

La prima Living Library - detta anche Human Library - è nata nel 2000 in Danimarca su proposta di Stop The Violence. In seguito ad un'aggressione a sfondo razzista, l'associazione pensò ad un modo diverso per far riflettere le persone. Così, cinque giovani danesi decisero di rispondere alla brutalità con il dialogo e, in occasione del Roskilde Festival - uno dei più grandi Festival musicali in Europa -, delle persone in carne e ossa si trasformarono in libri, ognuno con una storia da raccontare, attinente alla propria realtà e alle proprie esperienze, ad un lettore desideroso di conoscere mondi diversi.


Un'azione così semplice eppure così profonda, piena di significato e destinata a trasformarsi in una catena che abbraccia tutto il mondo, dall'Islanda, Norvegia, Olanda, Belgio, Romania, Austria, Slovenia, Portogallo fino all'Italia (Torino, Bologna, Ferrara, Terni, Modena, Treviso).

Durante gli incontri delle Biblioteche Viventi, i lettori scelgono la storia attraverso un titolo, non la persona che la racconta, proprio come se si trovassero davanti le schede di descrizione di un libro in una qualsiasi biblioteca. Dopodiché, il lettore si presenta al banco dei prestiti e richiede il proprio libro vivente. I bibliotecari registrano il prestito che dura più o meno una mezz'oretta e poi accompagnano il lettore alla storia scelta, alla postazione fisica del suo libro vivente.

Già Ray Bradbury nel mitico "Fahrenheit 451" aveva lanciato l'idea di salvare un libro "incorporandolo" in una persona, ma le biblioteche viventi vanno oltre. Custodiscono anche storie che nessuno mai ha scritto e che però sono affascinanti come quelle messe nero su bianco in un libro.

Perché la vita, qualsiasi vita, ha qualcosa che vale la pena di essere raccontata e di essere ascoltata.

You may say I'm a dreamer, but I'm not the only one... fortunatamente!


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…