Passa ai contenuti principali

Amore Orgoglio e Pregiudizio: tre scrittrici che non possono dimenticare Jane Austen


Avete presente quando finite di leggere un libro e poi vorreste continuare a sapere cosa cosa fanno i personaggi?
A me capita spesso, con i personaggi dei miei libri preferiti.

Tutte le appassionate di Jane Austen, evidentemente, provano più o meno questa stessa sensazione, a giudicare dal fiorire di storie che hanno immaginato il prima e il dopo del suo più famoso e amato romanzo, "Orgoglio e Pregiudizio".

Quest'anno, in occasione dei 200 anni dalla pubblicazione del libro che racconta l'amore di Elizabeth Bennet e Mister Darcy, c'è stato un boom di celebrazioni in tutto il mondo. Io, per l'occasione, ho riletto "Orgoglio e Pregiudizio" - ma nessuna novità, lo faccio almeno una volta all'anno, confesso - e ho cercato di rivedere quante più versioni cinematografiche delle opere austeniane.

Quindi, un ebook che si intitola "Amore Orgoglio e Pregiudizio" non me lo potevo proprio perdere!
Già il fatto che è pubblicato da Emma Books, lo rendeva particolarmente indicato alle celebrazioni austeniane:
Il nome che abbiamo scelto per Emma è evidentemente un omaggio a Emma Woodhouse (“Emma Woodhouse, bella, intelligente e ricca, casa accogliente e carattere portato alla felicità, univa in sé alcune delle vere benedizioni dell’esistenza, e aveva vissuto quasi ventun anni conoscendo ben pochi dispiaceri o contrarietà”), la protagonista di uno dei capolavori di Jane Austen, che non smette di essere il vero nume tutelare della grande ed eterna women’s fiction. Ma è anche un omaggio a tutte le Emma di oggi, di sempre e di… ovunque, visto che Emma si scrive Emma e si pronuncia Emma in ogni lingua del mondo.
A ridare vita alle atmosfere inglesi tanto care al nostro animo, ci hanno pensato i tre racconti che compongono il libro: Viviana Giorgi firma"First Impressions" - titolo della prima stesura di O & P -, Laura Randazzo"Per onore e per amore" dove conosciamo William, il figlio di Lizzy e Darcy e Paola Gianinetto con il suo "Negli occhi del drago" ci mostra l'orgoglio e il pregiudizio declinati per i giorni nostri.

Erano mesi che avevo comprato questo ebook e, ogni volta che aprivo il mio Kindle, i colori della copertina mi saltavano all'occhio, ma non mi decidevo ad aprirlo.
Se è vero che per ogni cosa c'è il suo tempo, questo periodo è per me l'ideale per libri così. Tanto è vero che l'ho finito in una serata!

Vi confesso che avevo voglia di qualcosa di nuovo, ma che mi desse la sicurezza del benessere che già conoscevo. E' complicato, lo so, ma è il bello di quando devo andare in cerca del libro perfetto per ogni mio stato d'animo...
Qualcosa di nuovo - cosa c'è di più nuovo di un libro/ebook comprato e lasciato lì?- ma che sapevo che mi poteva piacere - Orgoglio e Pregiudizio mi è piaciuto, eccome! - et voilà! Il gioco è fatto!

In effetti, è stato divertente scoprire dove c'era orgoglio e dove regnava il pregiudizio in ognuno degli angolini dei racconti, ma, del resto, per me questa ricerca ha costituito anche parte del piacere della lettura dell'originale della Austen.

Le tre autrici sono già note per altri romanzi con altre atmosfere, diciamo così, ma in questo caso hanno saputo rendere piacevolissimo il revival del classico. Ed è inutile che ci giriamo attorno: non è cosa proprio da tutti! Con la Austen, poi, si entra in un campo minato dove è facile fare il patatrac. E invece, Emma Books ha presentato un insieme che - giocoforza della qualità dei tre racconti - possiede una classe non comune. Brave!

Non è escluso che, come ormai è mia tradizione con O & P, non diventi abitudine anche la rilettura annuale di questo testo.

...E scusate se è poco!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…