Passa ai contenuti principali

Vetro di Margherita Remotti


Il vetro è un materiale strano, se ci pensate.
Resistente e fragile allo stesso tempo.
Trasparente e deformante, a secondo di come ci guardate attraverso.

"Vetro" è il titolo del primo romanzo di Margherita Remotti, edito da Lite Editions.
Anna Valenti, la protagonista, lavora per una casa d'aste, è abituata al contatto con oggetti la cui bellezza ha un valore monetizzabile. Finché non trova una statuina che non ha niente a che vedere con tutto quello che ha visto fino a quel momento. 
Si può dire piuttosto che Anna venga trovata da questa opera che ha in sé un mondo e lei lo intuisce. Lo intuisce con l'anima, prima che razionalmente, e non può far altro che mandare all'aria la sua vecchia vita.
Del resto, è come se guardasse la sua esistenza attraverso un vetro sporco, opaco.
E lei stessa è vetro attraverso cui passa tutto, indifferentemente.
Io sono vetro. Il mio corpo è vetro: fermo, astratto, trasparente, sospeso, non toccato, freddo, alieno.
Così, appena Anna trova la statuina, si aggrappa a lei, unico appiglio nella tempesta si indifferenza che paralizza i suoi giorni.
Solo quando stringe tra le mani quella statuina così particolare, Anna inizia a provare qualcosa, dopo tanto tempo: si risveglia in lei il desiderio incontrollabile di possedere qualcosa, e di lottare per quel qualcosa.
Poi conosce Evelyn - l'autrice dell'opera - e scopre che per lei lavorare il vetro è come aggrapparsi ad un barlume di vita, la sola scintilla sopravvissuta al suicidio del suo unico e grande amore.

Nelle pagine di "Vetro" ci sono i riflessi della luce attraverso il materiale che dà il titolo al romanzo e l'opacità del vapore che si forma quando fuori fa freddo.
E forse Margherita Remotti descrive quel senso di spaesamento di quando si guarda i contorni indefiniti attraverso un vetro appannato, quel panico che ci prende quando sappiamo che fuori fa troppo freddo e mai ci vorremmo trovare lì, eppure sappiamo di dover uscire.

C'è sempre un posto freddo, lì fuori da qualche parte della nostra vita, e non vorremmo mai trovarci, eppure basta una scintilla, trasparente e pura, piena di bellezza e di fuoco, e improvvisamente non vediamo l'ora di uscire.

"Vetro" è la prima prova "lunga" della Remotti, che è anche attrice e per anni ha scritto di arte e design sulle principali testate nazionali e ha pubblicato testi e racconti sulla rivista "Sud" e il webmagazine "Torno Giovedì" e per Lite Editions il racconto "Vampire".
E il risultato è una storia forte e limpida. Proprio come il vetro.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…