Passa ai contenuti principali

Vetro di Margherita Remotti


Il vetro è un materiale strano, se ci pensate.
Resistente e fragile allo stesso tempo.
Trasparente e deformante, a secondo di come ci guardate attraverso.

"Vetro" è il titolo del primo romanzo di Margherita Remotti, edito da Lite Editions.
Anna Valenti, la protagonista, lavora per una casa d'aste, è abituata al contatto con oggetti la cui bellezza ha un valore monetizzabile. Finché non trova una statuina che non ha niente a che vedere con tutto quello che ha visto fino a quel momento. 
Si può dire piuttosto che Anna venga trovata da questa opera che ha in sé un mondo e lei lo intuisce. Lo intuisce con l'anima, prima che razionalmente, e non può far altro che mandare all'aria la sua vecchia vita.
Del resto, è come se guardasse la sua esistenza attraverso un vetro sporco, opaco.
E lei stessa è vetro attraverso cui passa tutto, indifferentemente.
Io sono vetro. Il mio corpo è vetro: fermo, astratto, trasparente, sospeso, non toccato, freddo, alieno.
Così, appena Anna trova la statuina, si aggrappa a lei, unico appiglio nella tempesta si indifferenza che paralizza i suoi giorni.
Solo quando stringe tra le mani quella statuina così particolare, Anna inizia a provare qualcosa, dopo tanto tempo: si risveglia in lei il desiderio incontrollabile di possedere qualcosa, e di lottare per quel qualcosa.
Poi conosce Evelyn - l'autrice dell'opera - e scopre che per lei lavorare il vetro è come aggrapparsi ad un barlume di vita, la sola scintilla sopravvissuta al suicidio del suo unico e grande amore.

Nelle pagine di "Vetro" ci sono i riflessi della luce attraverso il materiale che dà il titolo al romanzo e l'opacità del vapore che si forma quando fuori fa freddo.
E forse Margherita Remotti descrive quel senso di spaesamento di quando si guarda i contorni indefiniti attraverso un vetro appannato, quel panico che ci prende quando sappiamo che fuori fa troppo freddo e mai ci vorremmo trovare lì, eppure sappiamo di dover uscire.

C'è sempre un posto freddo, lì fuori da qualche parte della nostra vita, e non vorremmo mai trovarci, eppure basta una scintilla, trasparente e pura, piena di bellezza e di fuoco, e improvvisamente non vediamo l'ora di uscire.

"Vetro" è la prima prova "lunga" della Remotti, che è anche attrice e per anni ha scritto di arte e design sulle principali testate nazionali e ha pubblicato testi e racconti sulla rivista "Sud" e il webmagazine "Torno Giovedì" e per Lite Editions il racconto "Vampire".
E il risultato è una storia forte e limpida. Proprio come il vetro.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…