Passa ai contenuti principali

Masterpiece sì. Masterpiece no. Masterpiece booom! Come si costruisce il futuro bestseller (mediatico)


Ieri sera è andata in onda la prima puntata del primissimo talent show per scrittori "Masterpiece".
Il fine ultimo di tale programma è la scoperta di uno scrittore che, in premio, vedrà il suo libro pubblicato dalla casa editrice Bompiani in 100mila copie.

I giudici in studio sono Giancarlo De Cataldo, Andrea De Carlo e Taiye Selasi.

Il web è letteralmente esploso già durante la diretta di ieri, dove l'hashtag di Twitter #masterpiece è schizzato in cima a tutte le classifiche dei twitter trend.
Oggi, poi, tutti ma proprio tutti hanno voluto dire qualcosa.
E io?

L'ho visto, ma ci sono stati momenti in cui i miei nervi si sono stizziti a tal punto che ho dubitato di poter mai più addormentarmi in vita mia (il programma è finito all'1 e 20!).
Da dieci, ben presto i concorrenti sono diventati quattro, che si sono disputati la puntata a suon di elaborato nato da un'esperienza dal vivo.
Massimo Coppola - coach degli scrittori, autore, storico volto di Mtv e direttore editoriale della casa editrice Isbn - ha accompagnato due concorrenti in un centro sociale e due in una balera.
Ne sarebbe dovuto nascere un elaborato in mezz'ora di scrittura sotto i riflettori.
Risultato: peggio di un temino delle scuole elementari.
E vabbe'. Sarà stata l'emozione.

Ne restano solo due che accedono all'elevator pitch con Elisabetta Sgarbi, direttore editoriale della Bompiani che, al di là del fatto che i giudici in studio la definiscano molto molto molto severa e "cattiva", dice che le piacciono tutti e due i libri. Ma no?!

Vince il concorrente che porta con sé il carico maggiore di confusione, con De Carlo che dall'inizio alla fine definisce il suo libro come già letto - la nemesi di ogni libro esordiente, no? -  e che mi ispira maggiore isterismo tanto che lancerei qualcosa contro la tv.

La nascita e la morte della nuova editoria?
Come si farà a trovare uno scrittore emergente in un talent che sembra più alla ricerca di personaggi da reality che di qualcuno in grado di scrivere un libro che riporti le folle alle librerie?

Ci sarebbero miliardi di domande che però, purtroppo, rimarranno ugualmente senza risposta, ma intanto io mi sono divertita a leggere i più diversi pareri sul web.

Ve ne riporto una selezione qui di seguito. Non me ne vorranno quelli che non cito, ma se volete segnalare altri articoli, fatelo nei commenti, eventualmente.

Più o meno la mia reazione di fronte agli scritti dei concorrenti di Masterpiece

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…