Passa ai contenuti principali

Masterpiece sì. Masterpiece no. Masterpiece booom! Come si costruisce il futuro bestseller (mediatico)


Ieri sera è andata in onda la prima puntata del primissimo talent show per scrittori "Masterpiece".
Il fine ultimo di tale programma è la scoperta di uno scrittore che, in premio, vedrà il suo libro pubblicato dalla casa editrice Bompiani in 100mila copie.

I giudici in studio sono Giancarlo De Cataldo, Andrea De Carlo e Taiye Selasi.

Il web è letteralmente esploso già durante la diretta di ieri, dove l'hashtag di Twitter #masterpiece è schizzato in cima a tutte le classifiche dei twitter trend.
Oggi, poi, tutti ma proprio tutti hanno voluto dire qualcosa.
E io?

L'ho visto, ma ci sono stati momenti in cui i miei nervi si sono stizziti a tal punto che ho dubitato di poter mai più addormentarmi in vita mia (il programma è finito all'1 e 20!).
Da dieci, ben presto i concorrenti sono diventati quattro, che si sono disputati la puntata a suon di elaborato nato da un'esperienza dal vivo.
Massimo Coppola - coach degli scrittori, autore, storico volto di Mtv e direttore editoriale della casa editrice Isbn - ha accompagnato due concorrenti in un centro sociale e due in una balera.
Ne sarebbe dovuto nascere un elaborato in mezz'ora di scrittura sotto i riflettori.
Risultato: peggio di un temino delle scuole elementari.
E vabbe'. Sarà stata l'emozione.

Ne restano solo due che accedono all'elevator pitch con Elisabetta Sgarbi, direttore editoriale della Bompiani che, al di là del fatto che i giudici in studio la definiscano molto molto molto severa e "cattiva", dice che le piacciono tutti e due i libri. Ma no?!

Vince il concorrente che porta con sé il carico maggiore di confusione, con De Carlo che dall'inizio alla fine definisce il suo libro come già letto - la nemesi di ogni libro esordiente, no? -  e che mi ispira maggiore isterismo tanto che lancerei qualcosa contro la tv.

La nascita e la morte della nuova editoria?
Come si farà a trovare uno scrittore emergente in un talent che sembra più alla ricerca di personaggi da reality che di qualcuno in grado di scrivere un libro che riporti le folle alle librerie?

Ci sarebbero miliardi di domande che però, purtroppo, rimarranno ugualmente senza risposta, ma intanto io mi sono divertita a leggere i più diversi pareri sul web.

Ve ne riporto una selezione qui di seguito. Non me ne vorranno quelli che non cito, ma se volete segnalare altri articoli, fatelo nei commenti, eventualmente.

Più o meno la mia reazione di fronte agli scritti dei concorrenti di Masterpiece

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…