Passa ai contenuti principali

EWWA, European Writing Woman Association: la prima uscita al BCM13


Oggi si sono aperti i battenti della seconda edizione di BookCity Milano.
Oltre ad essere una bella occasione per stare insieme a tanti ma tanti libri e altrettanti autori - occasione da non perdere, secondo me -, è anche un momento per scoprire delle belle novità.

Una bella novità è la neonata associazione EWWA - European Writing Women Association ospite  di BookCity domani, 22 novembre, alle 17,30 presso lo spazio Rossana Orlandi [Via Matteo Bandello 14-16]. Le socie di EWWA domani si incontreranno per la prima volta dal vivo all'incontro moderato dalla vicepresidente dell’associazione Alessandra Bazardi:  parteciperanno, inoltre, Mariangela Camocardi, Adele Vieri Castellano, Viviana Giorgi (socie fondatrici), Paola Gianinetto, Giovanna Guidoni, Paola Mammini e Edy Tassi

EWWA - European Writing Women Association - è una nuova associazione di autrici e di professioniste del mondo della comunicazione (stampa, grafica e audiovisivo), che ha come obiettivo primario la solidarietà professionale e creativa tra donne che lavorano in questo settore in Europa. Nata dall'incontro di professioniste impegnate in Italia nell'ambito della scrittura, EWWA vuole promuovere la scrittura e la creatività femminili nelle più diverse espressioni, nonché la crescita professionale delle sue iscritte. Socie fondatrici sono: Elisabetta Flumeri (Presidente), Alessandra Bazardi (Vice Presidente), Gabriella Giacometti  (Tesoriere), Maria Teresa Casella,  Adele Vieri Castellano, Mariangela Camocardi, Viviana Giorgi, Paola Renelli,  Angela Padrone.
Aderire a un’associazione è, al giorno d’oggi, una scelta che porta tanti vantaggi: associazione è partecipazione, costruzione e collettività. EWWA è giovane e dinamica e ha l’obiettivo offrire mezzi concreti per lavorare al meglio e con i migliori strumenti. L’attività associativa non può certo rappresentare la soluzione a tutte le difficoltà che si incontrano ma può servire a dotarci di mezzi più mirati, a infondere entusiasmo al proprio lavoro in una rete di contatto/scambio/collaborazione con altri professionisti del settore editoriale.
L’unione fa la forza e anche i più piccoli, all'interno di un sistema associativo, possono trovare la strada giusta. Nascono così collaborazioni funzionali tra i soci e gli associati, workshop, corsi, formazione, brain-storming, incontri. L’associazione EWWA nasce dunque per fornire alle iscritte quel valore aggiunto e quel sostegno che, fino a ora in Italia, ancora nessuno ha offerto nel campo della letteratura e scrittura.
Tra le altre cose, EWWA promuoverà seminari, work-shop, corsi di scrittura e/o di aggiornamento teorico/pratici per gli operatori dell’informazione. Alcuni servizi che verranno offerti gratuitamente, altri, come seminari e workshop, a pagamento. 

Il prossimo evento EWWA, si intitolerà "Orgoglio e pregiudizio: le ragazze di EWWA",  si terrà il 30 novembre a Roma.


Al di là del comunicato e delle informazioni di servizio, io sintetizzerei così:
  1. un'associazione giovane, che guarda al mondo della scrittura come professione in maniera simpatica ma anche seria;
  2. un assemblaggio di menti volte alla scrittura, alla lettura e al lavoro editoriale;
  3. un gruppo di donne che ha realizzato il sogno di essere scrittrici oggi.
Chissà perché, ma EWWA mi piace. E parecchio, per giunta!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…