Passa ai contenuti principali

EWWA, European Writing Woman Association: la prima uscita al BCM13


Oggi si sono aperti i battenti della seconda edizione di BookCity Milano.
Oltre ad essere una bella occasione per stare insieme a tanti ma tanti libri e altrettanti autori - occasione da non perdere, secondo me -, è anche un momento per scoprire delle belle novità.

Una bella novità è la neonata associazione EWWA - European Writing Women Association ospite  di BookCity domani, 22 novembre, alle 17,30 presso lo spazio Rossana Orlandi [Via Matteo Bandello 14-16]. Le socie di EWWA domani si incontreranno per la prima volta dal vivo all'incontro moderato dalla vicepresidente dell’associazione Alessandra Bazardi:  parteciperanno, inoltre, Mariangela Camocardi, Adele Vieri Castellano, Viviana Giorgi (socie fondatrici), Paola Gianinetto, Giovanna Guidoni, Paola Mammini e Edy Tassi

EWWA - European Writing Women Association - è una nuova associazione di autrici e di professioniste del mondo della comunicazione (stampa, grafica e audiovisivo), che ha come obiettivo primario la solidarietà professionale e creativa tra donne che lavorano in questo settore in Europa. Nata dall'incontro di professioniste impegnate in Italia nell'ambito della scrittura, EWWA vuole promuovere la scrittura e la creatività femminili nelle più diverse espressioni, nonché la crescita professionale delle sue iscritte. Socie fondatrici sono: Elisabetta Flumeri (Presidente), Alessandra Bazardi (Vice Presidente), Gabriella Giacometti  (Tesoriere), Maria Teresa Casella,  Adele Vieri Castellano, Mariangela Camocardi, Viviana Giorgi, Paola Renelli,  Angela Padrone.
Aderire a un’associazione è, al giorno d’oggi, una scelta che porta tanti vantaggi: associazione è partecipazione, costruzione e collettività. EWWA è giovane e dinamica e ha l’obiettivo offrire mezzi concreti per lavorare al meglio e con i migliori strumenti. L’attività associativa non può certo rappresentare la soluzione a tutte le difficoltà che si incontrano ma può servire a dotarci di mezzi più mirati, a infondere entusiasmo al proprio lavoro in una rete di contatto/scambio/collaborazione con altri professionisti del settore editoriale.
L’unione fa la forza e anche i più piccoli, all'interno di un sistema associativo, possono trovare la strada giusta. Nascono così collaborazioni funzionali tra i soci e gli associati, workshop, corsi, formazione, brain-storming, incontri. L’associazione EWWA nasce dunque per fornire alle iscritte quel valore aggiunto e quel sostegno che, fino a ora in Italia, ancora nessuno ha offerto nel campo della letteratura e scrittura.
Tra le altre cose, EWWA promuoverà seminari, work-shop, corsi di scrittura e/o di aggiornamento teorico/pratici per gli operatori dell’informazione. Alcuni servizi che verranno offerti gratuitamente, altri, come seminari e workshop, a pagamento. 

Il prossimo evento EWWA, si intitolerà "Orgoglio e pregiudizio: le ragazze di EWWA",  si terrà il 30 novembre a Roma.


Al di là del comunicato e delle informazioni di servizio, io sintetizzerei così:
  1. un'associazione giovane, che guarda al mondo della scrittura come professione in maniera simpatica ma anche seria;
  2. un assemblaggio di menti volte alla scrittura, alla lettura e al lavoro editoriale;
  3. un gruppo di donne che ha realizzato il sogno di essere scrittrici oggi.
Chissà perché, ma EWWA mi piace. E parecchio, per giunta!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…