Passa ai contenuti principali

Book Fight Show: scrittori da combattimento al BCM13


Prendete 6 scrittori, metteteli nello stesso posto. E fateli sfidare.
Sì, una vera e propria sfida a colpi di racconti, calembour, parole inaudite.

Questo è il Book Fight Show organizzato dalla casa editrice Lite Editions domani nell'ambito del BookCity Milano 2013 alle 19 presso l'Insana Academy [Via San Marco 50, Milano].

Uno scontro epico. La letteratura come non l'avete mai vista.

Luigi Carrozzo, Eva Clesis, Gianluca Mercadante, Milena Prisco, Fausto Rampazzo e Margherita Remotti sono i combattenti che se le suoneranno di santa ragione. 
Senza alcuna violenza, o almeno, tanto quanto possono essere violente e brutali le parole. 

A decretare il vincitore, ci saranno quattro giudici: uno del pubblico, lo scrittore Marco Drago, il giornalista Giorgio Lonardi e l’attrice e presentatrice tv Deborah Morese.

Due saranno le manche: nella prima i sei autori, divisi in tre tranche da due, sfida nella sfida, leggeranno il racconto che hanno pubblicato come voce enciclopedica all’interno del Dizionario Erotico pubblicato da Lite Editions. Avranno tre minuti a testa a disposizione. Alla fine di ciascuna tranche, gli scrittori avranno un minuto per dire ai giudici perché il racconto degli altri due autori in gara non è all’altezza del proprio. I giudici daranno poi la loro opinione sul racconto, sul come lo hanno letto, sull’impatto e l’erotismo del brano. Agli autori sarà data facoltà di ribattere ma brevemente.

La seconda manche si svolgerà al pari della prima, con incrocio tra vincenti e perdenti: il racconto che i sei autori leggeranno nella seconda manche sarà scritto ad hoc per la serata e avrà il titolo L’appuntamento.

Al termine delle votazioni si dereterà il vincitore, l’autore Lite Editions che farà da testimonial della casa editrice per tutto il 2014.


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …