Passa ai contenuti principali

L'altra faccia dell'amore: intervista a Francesca Giuliani


Da poco è uscito su Amazon il racconto "L'altra faccia dell'amore" di Francesca Giuliani, già nota come editor e blogger per il suo "Non riesco a saziarmi di libri" che ha migliaia di "like" su Facebook e altrettanti lettori appassionati. Attraverso questa intervista ho cercato di conoscere un po' meglio Francesca e di scoprire come è nato questo e-book da leggere, sicuramente.

Sei passata da un lit-blog, in cui parli di libri altrui, a scrivere un libro tutto tuo. Come è avvenuto questo passaggio?
Ho iniziato con la pubblicazione di due libri, in realtà, e solo successivamente mi sono avvicinata al web per promuovere gli autori emergenti. A 18 anni ho iniziato la collaborazione a un sito, che poi ho abbandonato per un altro di cui ero capo. All'inizio di quest’anno mi sono decisa ad aprire una struttura tutta mia e, dopo qualche vicenda editoriale non proprio facile, a pubblicare nuovamente qualcosa.

Cos'è per te la scrittura?
Una parola: vita.

Quali studi hai fatto e cosa fai?
Sono una laureanda in Lettere moderne e lavoro come editor freelance correggendo le bozze dei manoscritti dei miei colleghi.

“L’altra faccia dell’amore” è un racconto con un ritmo abbastanza serrato e con momenti di alta tensione. Come mai hai scelto di parlare di questa “altra faccia” dell’amore?
Il racconto l’ho scritto per partecipare a un concorso, che poi ho vinto; il tema era il thriller e al momento della stesura mi sono chiesta cosa potesse esserci di tenebroso nella vita di ognuno di noi. Ho pensato che, prima o poi, quasi tutti hanno avuto l’esperienza non proprio positiva del tradimento. Certo, speriamo che non finiscano per fare come i nostri protagonisti!

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Sto correggendo nuovamente il mio primo romanzo per farlo uscire a breve; continuo a scrivere e a correggere quello che ho già messo nero su bianco, insomma. Forse la cosa che mi servirebbe davvero, arrivata a questo punto, è capire cosa potrebbe piacere del mio stile ai lettori. E quale modo migliore che (ri)cominciare con un racconto a basso prezzo ma che potrebbe darmi le giuste indicazioni? Se avete letto il mio thriller, perché non mi lasciate un piccolo commento su Amazon per scrivere cosa vi è piaciuto (e, ma spero non ci sia, cosa no)? Grazie a tutti!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…