Passa ai contenuti principali

La stagione delle ruggini: le storie raccontate nelle foto di Francesco Sangiovanni

Francesco Sangiovanni alla mostra "La stagione delle ruggini"
Fare fotografie è qualcosa che va ben oltre il puntare l'obiettivo automatico di una macchina digitale e cliccare sul pulsante di scatto. O meglio, quello è l'atto di fotografare, ma ci vuole qualcosa di più.

Ci vuole un pizzico di poesia nell'occhio, che non vede quello che c'è, ma quello che potrebbe esserci, e intanto compone una storia con colori e forme, invece che con le parole. Ora, capirete che non tutti possono farlo, non tutti ne sono capaci (ma non per cattiveria, eh...).

Francesco Sangiovanni, fotografo di Torre del Greco, ha quel pizzico di poesia che ci vuole per fare scatti che non sono facilmente trovabili in giro.
Nipote d'arte, Francesco è molto attivo sul territorio torrese nell'ambito di manifestazioni culturali,  e ora è a Napoli con una mostra che si intitola "La stagione delle ruggini", un itinerario temporale e geografico attraverso quei nodi della città che, ossidati dall'incuria, si sono trasformati da eccellenza e comodità, in un pericolo e un peso per la città stessa.
Non è una vera e propria mostra, è un documentario su quello che gli ossidi della noncuranza e della pigra perseveranza hanno fatto ai luoghi dove viviamo... Ruggine che corrode, piega e macchia tutti quei nodi che un tempo avevano reso la terra madre unica: Le travi scoperte, i Bunker schiacciati dal tempo e dalle colpe, i panorami soffocati e le coste sgretolate.
La ruggine - che di solito è un agente corrosivo e quindi distruttivo - diventa, negli scatti di Sangiovanni, una patina che accarezza e arricchisce le superfici dove di posa, donando sfumature, colori e significati mai immaginati.

La mostra è allestita al Priveè Beltufo - uno spazio d'eccezione in quanto teatro privato - e ospita anche le foto di Emanuela Borrelli divise in due temi, "Desperate Housewives" e "Madonna delle galline".

"Alla luce di mille soli viola" su 500px
Sulla pagina Facebook e sul profilo 500px di Francesco, ci sono altre foto e tutti gli eventi seguiti attraverso le immagini. 
Fossi in voi, un'occhiata gliela darei! ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…