Passa ai contenuti principali

Io e il Versatile Blogger Award


Ho ricevuto due nomination per il Versatile Blogger Award.
E per questo devo ringraziare, in ordine di tempo, Coccola Time e My Golden Glitter Corner.

Le regole per accettare questo premio sono:
  • Mostrare il logo dell'award sul blog;
  • Ringraziare il blogger che ti ha nominato;
  • Nominare altri quindici blog;
  • Mettere il link dei tuoi nominati nel post e informarli del premio con un commento;
  • Scrivere sette cose su di te.
And so... the nominees are:

  1. Anice stellato
  2. The Pretty Wild
  3. Cronache dalla libreria
  4. A.A.ABook.Wanted 
  5. Associazione Lettori Torresi 
  6. Torre del Greco differenziata 
  7. Associazione Parole Alate 
  8. Fiabe brevi che finiscono malissimo
  9. Reading at Tiffany's
  10. Del furore di aver libri
  11. Old Friends and New Fancies
  12. Serendipity. L'officina delle idee 
  13. Laboratorio Napoletano
  14. Atelier di una lettrice compulsiva
  15. Sangue d'inchiostro

7 cose su di me:

1. Riesco a leggere in qualsiasi condizione o momento: in piedi sotto la pioggia con un ombrello nell'altra mano, in piedi sotto la pioggia senza nessun ombrello, mentre scrivo a computer e mentre scrivo a mano, mentre giro il ragù, mentre guardo un film bellissimo in tv che proprio non mi volevo perdere, mentre... ok, avete capito!

2. Mi piacciono i terrazzi e le finestre (possibilmente con una luce dietro);

3. Se entro nel mood, riesco a fotografare anche gli acari che cadono indisturbati dal divano. E poi mi riguardo la foto come se fosse un capolavoro inestimabile;

4. Osservo;

5. Riesco a vedere tutto nero nero nerissimo, per poi, un attimo dopo, illuminare tutto con una luce che chissà dove ho preso;

6. Apprezzo il disordine ordinato, mentre mi fa saltare i nervi il finto ordine che poi è disordinato;

7. Sono alla ricerca.

Commenti

  1. Risposte
    1. Prego, figurati! E' sempre un piacere leggere le cronache della tua libreria. Spero di leggere anche il tuo libro, presto. Ciao :-)

      Elimina
  2. ancora grazie :)...tua nuova follower!!

    RispondiElimina
  3. perfetto!!! adesso rilassati e goditi il tuo premio!!! e nuovi amici <3

    RispondiElimina
  4. Grazie mille, Ramona! Scusa il ritardo con cui arrivo...sono felice di "ritirare" il premio!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Fedeltà di Marco Missiroli

«Con lui aveva intuito che l'infedeltà poteva significare fedeltà verso se stessa.»

Il "prometto di esserti fedele sempre, nella gioia e nel dolore, in salute e malattia" recitato sull'altare il giorno del matrimonio pone l'accento sull'esclusività che i due sposi danno alla propria relazione, da un punto di vista emotivo e fisico. Cosa succede se questa esclusività viene a mancare?

"Fedeltà"di Marco Missiroli [Einaudi] racconta della zona grigia della fedeltà sbiadita, non del tutto mancante, ma di certo non esclusiva, se non verso se stessi e i propri desideri.

«Che parola sbagliata, amante. Che parola sbagliata, tradimento.  Rispetto a cosa avrebbe tradito?»
Carlo e Margherita hanno un matrimonio solido, un rapporto di complicità radicato, un'intesa sessuale aggressiva e continuamente stimolante. Da dove nasce il desiderio di Carlo per una sua giovane studentessa? Un malinteso che viene a crearsi prima all'università e poi a casa, con Marghe…

Recensione: Come diventai monaca di César Aira

C'è una bambina di sei anni che si trasferisce con i suoi genitori e, nella gioia del momento, suo padre  la porta a mangiare per la prima volta il gelato. Ne ha raccontato meraviglie, del freddo che si scioglie sulla lingua, dei sapori zuccherini e pieni e adesso che quella bambina ha un cono di un coloratissimo rosa fragola tra le mani, sente di stare per deludere suo padre: il gelato non le piace. Anzi, inizia a sentirsi male. La tragedia che avviene dopo è un crescendo di cui si indovina l'orrore nella sua velocità. Ma c'è qualcosa che non va.
C'è un bambino, César, che parla di sé al femminile, ha sei anni e da Coronel Pringles si trasferisce a Rosario. Il bambino ha paura del padre, un uomo passionale e ombroso, che tiene in scacco lui e la madre con un giudicante silenzio. Quel gelato alla fragola è un'occasione che César vuole cogliere per compiacere il genitore, dopo la crescente delusione di essere sotto peso, più basso della sua età, timido, troppo sens…