Passa ai contenuti principali

Alice Munro è il Premio Nobel per la Letteratura 2013


Alice Munro è il Premio Nobel per la Letteratura 2013.
Ha 82 anni ed è considerata la più grande scrittrice di racconti vivente.
L'Accademia Reale svedese ha motivatola vittoria dicendo che ci troviamo di fronte ad una "maestra delle storie brevi contemporanee".

La scrittrice canadese è stata raggiunta via telefono dalla notizia della vittoria e ha aggiunto "Ora spero ci sia più attenzione per gli scrittori canadesi". La Munro non è nuova a vittorie importanti: è stata per tre volte del Governor General's Award, il più importante riconoscimento letterario canadese.

Io non ho letto niente della Munro - finora, almeno - ma è probabile che rimedierò.
In Italia, le sue ultime raccolte sono "Troppa felicità" (Einaudi, 2011) e l'antologia "Racconti" (Mondadori, 2013).

Se intanto volete leggere un suo racconto, io ne ho trovato uno qui intitolato "Il vestito rosso".

Commenti

  1. Ciao,
    complimenti per il tuo blog, mi piace tantissimo…. E per questo ho deciso di donarti un premio.
    Ti aspetto su http://coccolatime.wordpress.com

    Ciao
    Coccola

    RispondiElimina
  2. ah ecco, vedi?!? non la conoscevo affatto.....! Grazie per le informazioni, sono arrivata qui attraverso il October Linky Party!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Bea!
      Grazie per la visita e... sì, ci sono chicche che bisogna scoprire, in questo mio blog! :-D
      Ricambierò volentieri la visita! a presto

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…