Passa ai contenuti principali

Mood Indigo, il film tratto dal capolavoro di Boris Vian "La schiuma dei giorni"


Fin dalla prima volta che ho visto il trailer di "Mood Indigo - La schiuma dei giorni", ho capito che sarebbe stato uno di quei film da tenere lì, per i momenti belli e per quelli brutti.
E l'ho capito perché è la summa di tanti attori che, singolarmente, hanno già interpretato film del genere, e ora, per di più, sono diretti da Michael Gondry, il regista che ha realizzato un film senza tempo come "Eternal Sunshine of a Spotless Mind" che in italiano è diventato "Se mi lasci, ti cancello".
E poi ha quel mood francese che apprezzo particolarmente.


Lui è Romain Duris, protagonista di "L'appartamento spagnolo" e del suo seguito (che sono i film che hanno avuto maggiore eco in Italia).
Lei è Audrey Tautou, quella che ricordavo sognante e innamorata in Amélie e poco importa se dopo ha fatto altri 50 film: nel mio immaginario, è sempre quella che, con cucchiaino alla mano, provava un piacere indicibile a rompere la crosticina di zucchero sulla crème brûlée.


Altro piacere mi è sopraggiunto allo scoprire che il film è tratto da un libro di Boris Vian - "La schiuma dei giorni", appunto, edito dalla Marcos y Marcos - e che la casa editrice ha organizzato Vianeggiamenti, un omaggio allo scrittore francese attraverso letture dal libro e scene del film che, in tutta Italia e fino agli inizi di ottobre, ci guideranno nel mondo fantastico di Boris Vian.


E se non siete ancora convinti che ne valga la pena, date un'occhiata al trailer del film.

Vianeggiamo tutti insieme!


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …