Passa ai contenuti principali

Mood Indigo, il film tratto dal capolavoro di Boris Vian "La schiuma dei giorni"


Fin dalla prima volta che ho visto il trailer di "Mood Indigo - La schiuma dei giorni", ho capito che sarebbe stato uno di quei film da tenere lì, per i momenti belli e per quelli brutti.
E l'ho capito perché è la summa di tanti attori che, singolarmente, hanno già interpretato film del genere, e ora, per di più, sono diretti da Michael Gondry, il regista che ha realizzato un film senza tempo come "Eternal Sunshine of a Spotless Mind" che in italiano è diventato "Se mi lasci, ti cancello".
E poi ha quel mood francese che apprezzo particolarmente.


Lui è Romain Duris, protagonista di "L'appartamento spagnolo" e del suo seguito (che sono i film che hanno avuto maggiore eco in Italia).
Lei è Audrey Tautou, quella che ricordavo sognante e innamorata in Amélie e poco importa se dopo ha fatto altri 50 film: nel mio immaginario, è sempre quella che, con cucchiaino alla mano, provava un piacere indicibile a rompere la crosticina di zucchero sulla crème brûlée.


Altro piacere mi è sopraggiunto allo scoprire che il film è tratto da un libro di Boris Vian - "La schiuma dei giorni", appunto, edito dalla Marcos y Marcos - e che la casa editrice ha organizzato Vianeggiamenti, un omaggio allo scrittore francese attraverso letture dal libro e scene del film che, in tutta Italia e fino agli inizi di ottobre, ci guideranno nel mondo fantastico di Boris Vian.


E se non siete ancora convinti che ne valga la pena, date un'occhiata al trailer del film.

Vianeggiamo tutti insieme!


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…