Passa ai contenuti principali

Giornata Europea della Cultura Ebraica 2013: ebraismo e natura per la 14esima edizione


La Comunità ebraica fu fondata a Napoli subito dopo l'Unità d'Italia, ma la presenza ebraica in città risale al I sec. a. e. v., come dimostrano le numerose tracce presenti nel tessuto urbano della città e nella toponomastica.

Per questo è proprio Napoli la città capofila della 14esima Giornata Europea della Cultura Ebraica che oggi, 29 settembre, indaga il rapporto tra ebraismo e natura.
Che rapporto c’è tra ebraismo e natura? Quali sono le indicazioni e i suggerimenti della tradizione ebraica per instaurare un rapporto sano con il mondo circostante?
Io ho avuto la fortuna di visitare la Sinagoga di Napoli - in via Cappella Vecchia, a due passi da Piazza dei Martiri -, qualche anno fa, e ricordo perfettamente le sensazioni molto forti che provai entrando e parlando con la persona che mi faceva da guida.
In seguito, mi sono appassionata agli scrittori ebrei-americani e ho cercato di approfondire per quanto possibile l'argomento, ma ad oggi mi sembra di volerne sapere ancora di più.
Purtroppo non sono a Napoli, ora, ma sarebbe stata un'occasione da non perdere per tornare in quel luogo intriso di storia e di spiritualità.

La manifestazione si terrà in ventinove Paesi europei e sessantasei località in Italia, forte dei duecentomila visitatori della scorsa edizione, di cui oltre cinquantamila solo nel nostro Paese: numeri di una manifestazione in costante crescita, che testimoniano anno dopo anno un diffuso interesse per l’ebraismo.

L’appuntamento si propone di soddisfare tale interesse nella convinzione che fornire strumenti di conoscenza sia un modo straordinariamente concreto di contrastare vecchi e nuovi pregiudizi.

Quest’anno le iniziative partiranno da Napoli, città capofila, dove vive una Comunità ebraica che festeggia i 150 anni dalla sua fondazione. Ma sono centinaia le iniziative che animano la penisola, da nord a sud, da est a ovest. Tra visite guidate e spettacoli, degustazioni in salsa “Jewish” e conferenze, concerti e mostre, happening e incontri con personalità del mondo ebraico e non, un giorno di festa che nasce per parlare di una tradizione tanto antica quanto immersa nella modernità, di un ebraismo vivo e della sua apertura verso il mondo.

L'appuntamento è con la cultura, la storia e i luoghi di un popolo con radici antiche, ma decisamente e convintamente proteso verso il futuro. 

State con noi: vi verrà naturale!

Per ulteriori informazioni e per i programmi consultate il sito Ucei.
In occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica Bookrepublic ha fatto una selezione di libri di e sulla cultura ebraica: li trovate a questo link.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…