Passa ai contenuti principali

Giornata Europea della Cultura Ebraica 2013: ebraismo e natura per la 14esima edizione


La Comunità ebraica fu fondata a Napoli subito dopo l'Unità d'Italia, ma la presenza ebraica in città risale al I sec. a. e. v., come dimostrano le numerose tracce presenti nel tessuto urbano della città e nella toponomastica.

Per questo è proprio Napoli la città capofila della 14esima Giornata Europea della Cultura Ebraica che oggi, 29 settembre, indaga il rapporto tra ebraismo e natura.
Che rapporto c’è tra ebraismo e natura? Quali sono le indicazioni e i suggerimenti della tradizione ebraica per instaurare un rapporto sano con il mondo circostante?
Io ho avuto la fortuna di visitare la Sinagoga di Napoli - in via Cappella Vecchia, a due passi da Piazza dei Martiri -, qualche anno fa, e ricordo perfettamente le sensazioni molto forti che provai entrando e parlando con la persona che mi faceva da guida.
In seguito, mi sono appassionata agli scrittori ebrei-americani e ho cercato di approfondire per quanto possibile l'argomento, ma ad oggi mi sembra di volerne sapere ancora di più.
Purtroppo non sono a Napoli, ora, ma sarebbe stata un'occasione da non perdere per tornare in quel luogo intriso di storia e di spiritualità.

La manifestazione si terrà in ventinove Paesi europei e sessantasei località in Italia, forte dei duecentomila visitatori della scorsa edizione, di cui oltre cinquantamila solo nel nostro Paese: numeri di una manifestazione in costante crescita, che testimoniano anno dopo anno un diffuso interesse per l’ebraismo.

L’appuntamento si propone di soddisfare tale interesse nella convinzione che fornire strumenti di conoscenza sia un modo straordinariamente concreto di contrastare vecchi e nuovi pregiudizi.

Quest’anno le iniziative partiranno da Napoli, città capofila, dove vive una Comunità ebraica che festeggia i 150 anni dalla sua fondazione. Ma sono centinaia le iniziative che animano la penisola, da nord a sud, da est a ovest. Tra visite guidate e spettacoli, degustazioni in salsa “Jewish” e conferenze, concerti e mostre, happening e incontri con personalità del mondo ebraico e non, un giorno di festa che nasce per parlare di una tradizione tanto antica quanto immersa nella modernità, di un ebraismo vivo e della sua apertura verso il mondo.

L'appuntamento è con la cultura, la storia e i luoghi di un popolo con radici antiche, ma decisamente e convintamente proteso verso il futuro. 

State con noi: vi verrà naturale!

Per ulteriori informazioni e per i programmi consultate il sito Ucei.
In occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica Bookrepublic ha fatto una selezione di libri di e sulla cultura ebraica: li trovate a questo link.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…