Passa ai contenuti principali

Giornata Europea della Cultura Ebraica 2013: ebraismo e natura per la 14esima edizione


La Comunità ebraica fu fondata a Napoli subito dopo l'Unità d'Italia, ma la presenza ebraica in città risale al I sec. a. e. v., come dimostrano le numerose tracce presenti nel tessuto urbano della città e nella toponomastica.

Per questo è proprio Napoli la città capofila della 14esima Giornata Europea della Cultura Ebraica che oggi, 29 settembre, indaga il rapporto tra ebraismo e natura.
Che rapporto c’è tra ebraismo e natura? Quali sono le indicazioni e i suggerimenti della tradizione ebraica per instaurare un rapporto sano con il mondo circostante?
Io ho avuto la fortuna di visitare la Sinagoga di Napoli - in via Cappella Vecchia, a due passi da Piazza dei Martiri -, qualche anno fa, e ricordo perfettamente le sensazioni molto forti che provai entrando e parlando con la persona che mi faceva da guida.
In seguito, mi sono appassionata agli scrittori ebrei-americani e ho cercato di approfondire per quanto possibile l'argomento, ma ad oggi mi sembra di volerne sapere ancora di più.
Purtroppo non sono a Napoli, ora, ma sarebbe stata un'occasione da non perdere per tornare in quel luogo intriso di storia e di spiritualità.

La manifestazione si terrà in ventinove Paesi europei e sessantasei località in Italia, forte dei duecentomila visitatori della scorsa edizione, di cui oltre cinquantamila solo nel nostro Paese: numeri di una manifestazione in costante crescita, che testimoniano anno dopo anno un diffuso interesse per l’ebraismo.

L’appuntamento si propone di soddisfare tale interesse nella convinzione che fornire strumenti di conoscenza sia un modo straordinariamente concreto di contrastare vecchi e nuovi pregiudizi.

Quest’anno le iniziative partiranno da Napoli, città capofila, dove vive una Comunità ebraica che festeggia i 150 anni dalla sua fondazione. Ma sono centinaia le iniziative che animano la penisola, da nord a sud, da est a ovest. Tra visite guidate e spettacoli, degustazioni in salsa “Jewish” e conferenze, concerti e mostre, happening e incontri con personalità del mondo ebraico e non, un giorno di festa che nasce per parlare di una tradizione tanto antica quanto immersa nella modernità, di un ebraismo vivo e della sua apertura verso il mondo.

L'appuntamento è con la cultura, la storia e i luoghi di un popolo con radici antiche, ma decisamente e convintamente proteso verso il futuro. 

State con noi: vi verrà naturale!

Per ulteriori informazioni e per i programmi consultate il sito Ucei.
In occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica Bookrepublic ha fatto una selezione di libri di e sulla cultura ebraica: li trovate a questo link.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…