Passa ai contenuti principali

Giornata Europea della Cultura Ebraica 2013: ebraismo e natura per la 14esima edizione


La Comunità ebraica fu fondata a Napoli subito dopo l'Unità d'Italia, ma la presenza ebraica in città risale al I sec. a. e. v., come dimostrano le numerose tracce presenti nel tessuto urbano della città e nella toponomastica.

Per questo è proprio Napoli la città capofila della 14esima Giornata Europea della Cultura Ebraica che oggi, 29 settembre, indaga il rapporto tra ebraismo e natura.
Che rapporto c’è tra ebraismo e natura? Quali sono le indicazioni e i suggerimenti della tradizione ebraica per instaurare un rapporto sano con il mondo circostante?
Io ho avuto la fortuna di visitare la Sinagoga di Napoli - in via Cappella Vecchia, a due passi da Piazza dei Martiri -, qualche anno fa, e ricordo perfettamente le sensazioni molto forti che provai entrando e parlando con la persona che mi faceva da guida.
In seguito, mi sono appassionata agli scrittori ebrei-americani e ho cercato di approfondire per quanto possibile l'argomento, ma ad oggi mi sembra di volerne sapere ancora di più.
Purtroppo non sono a Napoli, ora, ma sarebbe stata un'occasione da non perdere per tornare in quel luogo intriso di storia e di spiritualità.

La manifestazione si terrà in ventinove Paesi europei e sessantasei località in Italia, forte dei duecentomila visitatori della scorsa edizione, di cui oltre cinquantamila solo nel nostro Paese: numeri di una manifestazione in costante crescita, che testimoniano anno dopo anno un diffuso interesse per l’ebraismo.

L’appuntamento si propone di soddisfare tale interesse nella convinzione che fornire strumenti di conoscenza sia un modo straordinariamente concreto di contrastare vecchi e nuovi pregiudizi.

Quest’anno le iniziative partiranno da Napoli, città capofila, dove vive una Comunità ebraica che festeggia i 150 anni dalla sua fondazione. Ma sono centinaia le iniziative che animano la penisola, da nord a sud, da est a ovest. Tra visite guidate e spettacoli, degustazioni in salsa “Jewish” e conferenze, concerti e mostre, happening e incontri con personalità del mondo ebraico e non, un giorno di festa che nasce per parlare di una tradizione tanto antica quanto immersa nella modernità, di un ebraismo vivo e della sua apertura verso il mondo.

L'appuntamento è con la cultura, la storia e i luoghi di un popolo con radici antiche, ma decisamente e convintamente proteso verso il futuro. 

State con noi: vi verrà naturale!

Per ulteriori informazioni e per i programmi consultate il sito Ucei.
In occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica Bookrepublic ha fatto una selezione di libri di e sulla cultura ebraica: li trovate a questo link.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…