Passa ai contenuti principali

Giornata Europea della Cultura Ebraica 2013: ebraismo e natura per la 14esima edizione


La Comunità ebraica fu fondata a Napoli subito dopo l'Unità d'Italia, ma la presenza ebraica in città risale al I sec. a. e. v., come dimostrano le numerose tracce presenti nel tessuto urbano della città e nella toponomastica.

Per questo è proprio Napoli la città capofila della 14esima Giornata Europea della Cultura Ebraica che oggi, 29 settembre, indaga il rapporto tra ebraismo e natura.
Che rapporto c’è tra ebraismo e natura? Quali sono le indicazioni e i suggerimenti della tradizione ebraica per instaurare un rapporto sano con il mondo circostante?
Io ho avuto la fortuna di visitare la Sinagoga di Napoli - in via Cappella Vecchia, a due passi da Piazza dei Martiri -, qualche anno fa, e ricordo perfettamente le sensazioni molto forti che provai entrando e parlando con la persona che mi faceva da guida.
In seguito, mi sono appassionata agli scrittori ebrei-americani e ho cercato di approfondire per quanto possibile l'argomento, ma ad oggi mi sembra di volerne sapere ancora di più.
Purtroppo non sono a Napoli, ora, ma sarebbe stata un'occasione da non perdere per tornare in quel luogo intriso di storia e di spiritualità.

La manifestazione si terrà in ventinove Paesi europei e sessantasei località in Italia, forte dei duecentomila visitatori della scorsa edizione, di cui oltre cinquantamila solo nel nostro Paese: numeri di una manifestazione in costante crescita, che testimoniano anno dopo anno un diffuso interesse per l’ebraismo.

L’appuntamento si propone di soddisfare tale interesse nella convinzione che fornire strumenti di conoscenza sia un modo straordinariamente concreto di contrastare vecchi e nuovi pregiudizi.

Quest’anno le iniziative partiranno da Napoli, città capofila, dove vive una Comunità ebraica che festeggia i 150 anni dalla sua fondazione. Ma sono centinaia le iniziative che animano la penisola, da nord a sud, da est a ovest. Tra visite guidate e spettacoli, degustazioni in salsa “Jewish” e conferenze, concerti e mostre, happening e incontri con personalità del mondo ebraico e non, un giorno di festa che nasce per parlare di una tradizione tanto antica quanto immersa nella modernità, di un ebraismo vivo e della sua apertura verso il mondo.

L'appuntamento è con la cultura, la storia e i luoghi di un popolo con radici antiche, ma decisamente e convintamente proteso verso il futuro. 

State con noi: vi verrà naturale!

Per ulteriori informazioni e per i programmi consultate il sito Ucei.
In occasione della Giornata Europea della Cultura Ebraica Bookrepublic ha fatto una selezione di libri di e sulla cultura ebraica: li trovate a questo link.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…