Passa ai contenuti principali

Cinquanta Sfumature di Grigio, il film: fans scontenti per Charlie Hunnam e Dakota Johnson

I tweet di E.L. James
Con questi tweet E. L. James, l'autrice della trilogia erotica più famosa degli ultimi anni, ha annunciato la scelta degli attori per i film di "Cinquanta Sfumature di Grigio".

Io ho letto la trilogia appena arrivò in libreria e ho immaginato i protagonisti in maniera un pò diversa da quelli poi scelti, e cioè Charlie Hunnam e Dakota Johnson.
Nulla da dire per la professionalità dei due attori, ma io - come tutti i milioni di fans - abbiamo preso troppo sul serio le descrizioni della James e così, quando è iniziato a circolare il trailer che vi allego qui sotto, nella testa di chi aveva letto il libro è scattato qualcosa. 


I protagonisti scelti sono Matt Bomer - star di "White Collar" - e Alexis Bledel - la storica Rory di "Una mamma per amica" -, la musica è "Midnight City" degli M83.
Ora, io non so come avete in testa voi il ritmo del primo romanzo, ma questo sound track secondo me calza a pennello.
E poi, sarà la faccia da brava ragazza della Bledel che fa immaginare nefandezze perverse a letto e su qualsiasi altra superficie aggrada a Mr Grey, ma l'accostamento tra queste immagini e la fantasia, è molto calzante.

Da quando è iniziato a circolare il nome di Matt Bomer - più o meno dall'estate scorsa - non c'è stata più pace per i fan di Fifty Shades, in continua attesa dell'annuncio ufficiale del film.
Poi è stato annunciato che il 1 agosto 2014 i cinema di tutto il mondo sarebbero esplosi di persone desiderose di scoprire se è meglio immaginare o vedere coi propri occhi le Cinquanta Sfumature della James.
E ora questo.

Dal malcontento alla petizione per far fare un passo indietro alla produzione che ha scelto Hunnam a favore del degno Mr Grey Bomer, ma non c'è stato niente da fare. Stessa storia con la Bledel e la Johnson.

Io sono sicura, comunque, che, indipendentemente dalla coppia di attori scelti, sarà difficile trasporre al cinema Cinquanta Sfumature, a meno che non sia distribuito V.M.14 - 18 - 21 e over 65 col cuore debole.

Giudicate voi il confronto tra i quattro attori.

Da sinistra, Matt Bomer e Chalie Hunnam
Da sinistra, Dakota Johnson e Alexis Bledel

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…