Passa ai contenuti principali

Arrivano gli ebook targati Scrittura & Scritture!


Può l'ebook sostituire il libro di carta e inchiostro?
La questione è annosa e di difficile discussione, soprattutto per me che ho da poco iniziato ad apprezzare i libri virtuali, ma più per questione di spazio e di trasportabilità in viaggio, che per un tradimento verso il mio primo amore. Perché la verità è che poi torno a casa e voglio sempre le mie copertine impolverate là ad attendermi sugli scaffali della libreria. E sul comodino. E sul pavimento accanto al comodino. E in un cestone sotto il letto. E... ok, avete capito il concetto!

Così, dopo aver letto "L'ombra del bosco scarno" di Massimo Rossi in versione, diciamo così, tradizionale, arriva l'ebook - di cui potete vedere qui lo spot. Stessa sorte anche per il giallo di Francesca Battistella "La stretta del lupo", il cui spot, come quello di Rossi, testimonia l'altissimo gradimento che il pubblico ha decretato alle presentazioni e nelle occasioni più varie in cui è stato possibile incontrare gli autori. 

Tutti gli ebook di Scrittura & Scritture sono in vendita su tutti i megastore online.

E ritornando al mio rapporto contrastato con lo spazio - e il peso - dei libri in viaggio, secondo me questi due ebook mi risolveranno il problema di averli lasciati a casa.

Commenti

  1. Ciao, piacere di conoscerti e di leggerti: arrivo qui dall'October Linky Party di Calendula e Camilla.

    Anch'io mi dibatto nella questione, ebook e cartaceo. Per quanto mi piacciano i digitali, io propendo ancora tanto per la carta...sono una nostalgica, in questo.
    Se ti va di passare, questo è il mio blog: http://delfurorediaverlibri.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Loredana! piacere mio! :-)
      Io conosco già il tuo blog e sono anche collegata alla tua pagina Facebook, quindi... mi fa piacere incontrarti all'October Linky Party!

      Io ho dei libri "feticcio" che mai e poi mai profanerei con il digitale e periodicamente li devo riprendere, giusto per il gusto di tenerli in mano, passeggiare tra le pagine e sentirne l'odore.
      Purtroppo, però, viaggio spesso e non mi è sempre possibile portare appresso tutti i libri che vorrei. E allora il digitale mi aiuta a non dover lesinare sulle letture. Ma ti confesso che a volte ho due copie dei libri che mi piacciono di più, una digitale e una cartacea. Lo so, questa è malattia, ma credo che mi capirai! ;-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…