Passa ai contenuti principali

Arrivano gli ebook targati Scrittura & Scritture!


Può l'ebook sostituire il libro di carta e inchiostro?
La questione è annosa e di difficile discussione, soprattutto per me che ho da poco iniziato ad apprezzare i libri virtuali, ma più per questione di spazio e di trasportabilità in viaggio, che per un tradimento verso il mio primo amore. Perché la verità è che poi torno a casa e voglio sempre le mie copertine impolverate là ad attendermi sugli scaffali della libreria. E sul comodino. E sul pavimento accanto al comodino. E in un cestone sotto il letto. E... ok, avete capito il concetto!

Così, dopo aver letto "L'ombra del bosco scarno" di Massimo Rossi in versione, diciamo così, tradizionale, arriva l'ebook - di cui potete vedere qui lo spot. Stessa sorte anche per il giallo di Francesca Battistella "La stretta del lupo", il cui spot, come quello di Rossi, testimonia l'altissimo gradimento che il pubblico ha decretato alle presentazioni e nelle occasioni più varie in cui è stato possibile incontrare gli autori. 

Tutti gli ebook di Scrittura & Scritture sono in vendita su tutti i megastore online.

E ritornando al mio rapporto contrastato con lo spazio - e il peso - dei libri in viaggio, secondo me questi due ebook mi risolveranno il problema di averli lasciati a casa.

Commenti

  1. Ciao, piacere di conoscerti e di leggerti: arrivo qui dall'October Linky Party di Calendula e Camilla.

    Anch'io mi dibatto nella questione, ebook e cartaceo. Per quanto mi piacciano i digitali, io propendo ancora tanto per la carta...sono una nostalgica, in questo.
    Se ti va di passare, questo è il mio blog: http://delfurorediaverlibri.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Loredana! piacere mio! :-)
      Io conosco già il tuo blog e sono anche collegata alla tua pagina Facebook, quindi... mi fa piacere incontrarti all'October Linky Party!

      Io ho dei libri "feticcio" che mai e poi mai profanerei con il digitale e periodicamente li devo riprendere, giusto per il gusto di tenerli in mano, passeggiare tra le pagine e sentirne l'odore.
      Purtroppo, però, viaggio spesso e non mi è sempre possibile portare appresso tutti i libri che vorrei. E allora il digitale mi aiuta a non dover lesinare sulle letture. Ma ti confesso che a volte ho due copie dei libri che mi piacciono di più, una digitale e una cartacea. Lo so, questa è malattia, ma credo che mi capirai! ;-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…