Passa ai contenuti principali

Vacanze sì, vacanze no, vacanze...blog!




Oggi è il primo Agosto.
Ma non c'è bisogno che ve lo dico io, basta che guardate il calendario.

Ora che siamo entrati ufficialmente nel mese delle vacanze, non si sono più scuse: si DEVE andare in vacanza!
Non c'è possibilità di dire: "No, ma io non è che ho proprio voglia... Poi sai, non è che ci stanno tanti soldi... E volendola dire tutta a me basta poco per riposarmi...".
No, è il mese delle vacanze? E allora dovete andare in vacanza!

Ci sono quelli che non guardano in faccia a nessuno: loro se la meritano la vacanza perché hanno scoperto un bosone più bosone di quello di Higgs; perché hanno lavorato che manco gli schiavi neri nelle piantagioni di Via col Vento; perché hanno raggiunto più traguardi e tappe loro che Coppi e Bartali in quei Giri d'Italia senza aiutini chimici; perché al ritorno in ufficio non saprebbero di cosa parlare prima di iniziare a parlare delle future vacanze di Natale; perché loro proprio non possono rimanere in città insieme agli sfigati che restano a casa.

E non importa che magari in quello stesso periodo c'è il vostro compleanno/matrimonio/funerale: loro devono andare in vacanza, punto e basta! Voi arrangiatevi...

Poi ci sono quelli che, già da maggio, iniziano a diventare sfuggenti, non rispondono al telefono, non rispondono ai messaggi, non rispondono se gli chiedete che cosa pensano di fare per l'estate. Poi, arrivati ad agosto, vedete su Facebook le foto del loro viaggio attorno al mondo e, al ritorno, dicono che non hanno proprio avuto modo di invitarvi, perché hanno organizzato tutto all'ultimo momento.

Io sono tra quelli che non rientrano in nessuno dei due gruppi precedenti e, se pure è arrivato agosto e non hanno voglia di mettersi in coda con altre 5 mila persone per entrare su un traghetto verso una località balneare qualsiasi, o stanno ancora studiando per recuperare il "non classificato" ottenuto alla prova costume, non è un dramma.

Ed è per questo stesso motivo che ho deciso di non andare in vacanza col blog, perché non è un lavoro, perché non mi pesa, perché non sta scritto da nessuna parte che se i "grandi" blogger vanno in vacanza per dare importanza e autorità al loro operato durato tutto l'anno - manco avessero scoperto una ulteriore scissione dell'atomo!!! Ma faciteme o' piacere! -, allora devo andare in vacanza anche io.

Io sto qua, insieme al blog, ai libri che leggo, alle cose che farò e non farò durante questo mese che tutti chiamano estate e che per me, invece, ha il sapore della malinconia degli ultimi balli in spiaggia prima dei temporali che rimandano tutti a casa a forza.

Buona estate a tutti!


Commenti

  1. brava, mi piace questo accanimento a continuare a viversi agosto come se niente fosse. Io ci provo ogni anno, ma poi crollo e vado in vacanza a stressarmi...
    buon blog

    RispondiElimina
  2. Peppe, pure in vacanza leggi i miei sproloqui. E' capace che ti senti meglio! :-D oppure peggio, ma tanto vale provare, no?
    Prima o poi anche io mi abbandonerò alle vacanze ma sarà quando tutto il resto della gente è a lavoro...
    Buone vacanze a te... ma senza stress, mi raccomando!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…