Passa ai contenuti principali

Tormentone o hit del momento? E se il momento è l'estate, allora...


L'estate è il momento di staccare da tutto, di prendere le vecchie abitudini e - per quanto possibile - metterle nel ripostiglio fino all'autunno (ma a volte non si riprendono più ed è meglio così).

Ma non sarebbe veramente estate se non comparisse il tormentone musicale a ricordarci di spegnere il cervello, almeno quel tanto che basta per non saltare su ogni milionesima volta che passa in radio.
Anzi. Si può dire che l'estate non inizia fin quando non vi rendete conto che state ascoltando un motivetto e che continuate a sentirlo anche quando la radio è spenta e solo allora vi accorgete che vi è entrato in testa e non riuscite a farlo uscire manco infilando le orecchie sotto la fontana!

Quest'anno il tormentone inizia con "La la la la la la la la la la la" e infatti si chiama "La La La" e il genio che l'ha creata è Naughty Boy ft. Sam Smith. Ovviamente c'è un video collegato e non ve lo dovete perdere, perciò...


Subito dopo arrivano quelle grandissime truppe da sfondamento [del timpano? dei co***ni? io credo più semplicemente del marketing commerciale...] delle Serebro che, dopo "Mama Lover" che pure non ci abbandonava un attimo, tornano con un altro titolone "Mi Mi Mi". Provate ad ascoltarla una volta sola e poi ditemi se non la sentite aleggiare nei momenti più impensabili.
Che dite, non avete tempo di cercarla? E io lo sapevo!
Per questo vi metto il video qui sotto, così non ve la potete perdere in nessuna maniera.


Ma quest'anno non siete nessuno se non imparate la coreografia di "Zalele" di Claudia & Asu, il duo rumeno che, con la versione originale della canzone, ha già totalizzato 9 milioni di visualizzazioni su Youtube e ora nella versione in spagnolo si appresta a diventare un must per tutti i balli di gruppo sulla spiaggia e dintorni. Ma c'è di più: questa canzone fa parte di un filone musicale molto prolifico che si chiama Manele, interpretato sempre da Claudia & Asu e quindi non è detto che non ci arrivino altre hit del genere.
Per esercitarvi, ecco il balletto più cool dell'estate 2013.


A casa mia, viaggiamo su due diverse ondate e cioè tormentone e hit del momento, a secondo se le canzoni in questione le ascolta, rispettivamente, mio fratello o mia sorella [che le usa anche come suonerie o - meraviglia delle meraviglie per me che condivido la stanza con lei - come sveglia!].


Che poi a me viene da chiedermi: ma i tormentoni tormentano perché li trasmettono davvero tanto, o la metà delle volte che li sento è perché stanno ossessivamente passando e ripassando nella mia testa?

Sarà il caldo...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…