Passa ai contenuti principali

Tormentone o hit del momento? E se il momento è l'estate, allora...


L'estate è il momento di staccare da tutto, di prendere le vecchie abitudini e - per quanto possibile - metterle nel ripostiglio fino all'autunno (ma a volte non si riprendono più ed è meglio così).

Ma non sarebbe veramente estate se non comparisse il tormentone musicale a ricordarci di spegnere il cervello, almeno quel tanto che basta per non saltare su ogni milionesima volta che passa in radio.
Anzi. Si può dire che l'estate non inizia fin quando non vi rendete conto che state ascoltando un motivetto e che continuate a sentirlo anche quando la radio è spenta e solo allora vi accorgete che vi è entrato in testa e non riuscite a farlo uscire manco infilando le orecchie sotto la fontana!

Quest'anno il tormentone inizia con "La la la la la la la la la la la" e infatti si chiama "La La La" e il genio che l'ha creata è Naughty Boy ft. Sam Smith. Ovviamente c'è un video collegato e non ve lo dovete perdere, perciò...


Subito dopo arrivano quelle grandissime truppe da sfondamento [del timpano? dei co***ni? io credo più semplicemente del marketing commerciale...] delle Serebro che, dopo "Mama Lover" che pure non ci abbandonava un attimo, tornano con un altro titolone "Mi Mi Mi". Provate ad ascoltarla una volta sola e poi ditemi se non la sentite aleggiare nei momenti più impensabili.
Che dite, non avete tempo di cercarla? E io lo sapevo!
Per questo vi metto il video qui sotto, così non ve la potete perdere in nessuna maniera.


Ma quest'anno non siete nessuno se non imparate la coreografia di "Zalele" di Claudia & Asu, il duo rumeno che, con la versione originale della canzone, ha già totalizzato 9 milioni di visualizzazioni su Youtube e ora nella versione in spagnolo si appresta a diventare un must per tutti i balli di gruppo sulla spiaggia e dintorni. Ma c'è di più: questa canzone fa parte di un filone musicale molto prolifico che si chiama Manele, interpretato sempre da Claudia & Asu e quindi non è detto che non ci arrivino altre hit del genere.
Per esercitarvi, ecco il balletto più cool dell'estate 2013.


A casa mia, viaggiamo su due diverse ondate e cioè tormentone e hit del momento, a secondo se le canzoni in questione le ascolta, rispettivamente, mio fratello o mia sorella [che le usa anche come suonerie o - meraviglia delle meraviglie per me che condivido la stanza con lei - come sveglia!].


Che poi a me viene da chiedermi: ma i tormentoni tormentano perché li trasmettono davvero tanto, o la metà delle volte che li sento è perché stanno ossessivamente passando e ripassando nella mia testa?

Sarà il caldo...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …