Passa ai contenuti principali

Ombre su New York di Brenda Joyce


New York diffonde generosamente il suo fascino, sempre.
Anche se fa da sfondo ad un’indagine ambientata nel 1902 che vede come protagonista l’investigatrice Francesca Cahill.

“Ombre su New York” (HarlequinMondadori) è il romanzo di Brenda Joyce che mescola dolcemente insieme storia, crime fiction e il migliore romance che ha il sapore e il colore della rossa glassa alla fragola su una panna cotta candida.
Già protagonista di “Vittime del peccato” uscito ad ottobre del 2012, Francesca Cahill è una donna indipendente e fortemente motivata a conquistarsi il suo posto nel mondo. Un posto che le spetta di diritto dal momento che appartiene ad una delle più rinomate e rispettate famiglie dell’alta borghesia newyorkese e sua madre detta legge nei salotti del bel mondo.

Ma a lei non basta. Vuole qualcosa che sia solo suo, che il suo nome sia legato alla sua professione di investigatrice e non solo ad una famiglia importante. Brenda Joyce traccia un personaggio femminile molto forte a cui è impossibile non affezionarsi: Francesca è spinta da una ferrea volontà che la porta a rispondere prima di tutto alla sua coscienza.

Non poteva mancare il protagonista maschile, Calder Hart, l’affascinante fidanzato di Francesca con un passato pieno di ombre, che la bella investigatrice cerca di fugare una volta per tutte, per poter progettare un futuro insieme.
L’intrigo parte dalla prima pagina e procede con una velocità che i lettori voraci non avranno difficoltà a sostenere.

Non è difficile immaginare perché Brenda Joyce abbia venduto più di 2 milioni di copie.
Ma se proprio avete bisogno di un motivo, cercatelo in voi stessi, nella voglia che avete di sognare ancora un lieto fine e nel desiderio che avete – sì, in fondo in fondo l’avete! – di leggere qualcosa di sensuale che accenna senza mai esagerare.

Una nota sulla casa editrice: la Harlequin era la casa editrice che pubblicava i romanzi Harmony, ma ora ha creato una joint venture con la Mondadori e ha lanciato la HM "un contenitore di generi letterari diversi: si spazia dalla narrativa brillante al paranormale, dalle saghe storiche all’introspezione psicologica. Propone solo i migliori bestseller Internazionali dalle autrici di punta del panorama americano. Si rivolge a un pubblico esigente e di carattere. In una parola: femminile"
I titoli pubblicati finora sono carini, freschi, una sicura compagnia per giornate al mare o pomeriggi autunnali.

Una sicurezza per tutte le stagioni, insomma!
Ah, dimenticavo... Il prezzo è amichevole e ammiccante! ;-) 
Fateci un pensiero!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…