Passa ai contenuti principali

Ombre su New York di Brenda Joyce


New York diffonde generosamente il suo fascino, sempre.
Anche se fa da sfondo ad un’indagine ambientata nel 1902 che vede come protagonista l’investigatrice Francesca Cahill.

“Ombre su New York” (HarlequinMondadori) è il romanzo di Brenda Joyce che mescola dolcemente insieme storia, crime fiction e il migliore romance che ha il sapore e il colore della rossa glassa alla fragola su una panna cotta candida.
Già protagonista di “Vittime del peccato” uscito ad ottobre del 2012, Francesca Cahill è una donna indipendente e fortemente motivata a conquistarsi il suo posto nel mondo. Un posto che le spetta di diritto dal momento che appartiene ad una delle più rinomate e rispettate famiglie dell’alta borghesia newyorkese e sua madre detta legge nei salotti del bel mondo.

Ma a lei non basta. Vuole qualcosa che sia solo suo, che il suo nome sia legato alla sua professione di investigatrice e non solo ad una famiglia importante. Brenda Joyce traccia un personaggio femminile molto forte a cui è impossibile non affezionarsi: Francesca è spinta da una ferrea volontà che la porta a rispondere prima di tutto alla sua coscienza.

Non poteva mancare il protagonista maschile, Calder Hart, l’affascinante fidanzato di Francesca con un passato pieno di ombre, che la bella investigatrice cerca di fugare una volta per tutte, per poter progettare un futuro insieme.
L’intrigo parte dalla prima pagina e procede con una velocità che i lettori voraci non avranno difficoltà a sostenere.

Non è difficile immaginare perché Brenda Joyce abbia venduto più di 2 milioni di copie.
Ma se proprio avete bisogno di un motivo, cercatelo in voi stessi, nella voglia che avete di sognare ancora un lieto fine e nel desiderio che avete – sì, in fondo in fondo l’avete! – di leggere qualcosa di sensuale che accenna senza mai esagerare.

Una nota sulla casa editrice: la Harlequin era la casa editrice che pubblicava i romanzi Harmony, ma ora ha creato una joint venture con la Mondadori e ha lanciato la HM "un contenitore di generi letterari diversi: si spazia dalla narrativa brillante al paranormale, dalle saghe storiche all’introspezione psicologica. Propone solo i migliori bestseller Internazionali dalle autrici di punta del panorama americano. Si rivolge a un pubblico esigente e di carattere. In una parola: femminile"
I titoli pubblicati finora sono carini, freschi, una sicura compagnia per giornate al mare o pomeriggi autunnali.

Una sicurezza per tutte le stagioni, insomma!
Ah, dimenticavo... Il prezzo è amichevole e ammiccante! ;-) 
Fateci un pensiero!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…