Passa ai contenuti principali

Ombre su New York di Brenda Joyce


New York diffonde generosamente il suo fascino, sempre.
Anche se fa da sfondo ad un’indagine ambientata nel 1902 che vede come protagonista l’investigatrice Francesca Cahill.

“Ombre su New York” (HarlequinMondadori) è il romanzo di Brenda Joyce che mescola dolcemente insieme storia, crime fiction e il migliore romance che ha il sapore e il colore della rossa glassa alla fragola su una panna cotta candida.
Già protagonista di “Vittime del peccato” uscito ad ottobre del 2012, Francesca Cahill è una donna indipendente e fortemente motivata a conquistarsi il suo posto nel mondo. Un posto che le spetta di diritto dal momento che appartiene ad una delle più rinomate e rispettate famiglie dell’alta borghesia newyorkese e sua madre detta legge nei salotti del bel mondo.

Ma a lei non basta. Vuole qualcosa che sia solo suo, che il suo nome sia legato alla sua professione di investigatrice e non solo ad una famiglia importante. Brenda Joyce traccia un personaggio femminile molto forte a cui è impossibile non affezionarsi: Francesca è spinta da una ferrea volontà che la porta a rispondere prima di tutto alla sua coscienza.

Non poteva mancare il protagonista maschile, Calder Hart, l’affascinante fidanzato di Francesca con un passato pieno di ombre, che la bella investigatrice cerca di fugare una volta per tutte, per poter progettare un futuro insieme.
L’intrigo parte dalla prima pagina e procede con una velocità che i lettori voraci non avranno difficoltà a sostenere.

Non è difficile immaginare perché Brenda Joyce abbia venduto più di 2 milioni di copie.
Ma se proprio avete bisogno di un motivo, cercatelo in voi stessi, nella voglia che avete di sognare ancora un lieto fine e nel desiderio che avete – sì, in fondo in fondo l’avete! – di leggere qualcosa di sensuale che accenna senza mai esagerare.

Una nota sulla casa editrice: la Harlequin era la casa editrice che pubblicava i romanzi Harmony, ma ora ha creato una joint venture con la Mondadori e ha lanciato la HM "un contenitore di generi letterari diversi: si spazia dalla narrativa brillante al paranormale, dalle saghe storiche all’introspezione psicologica. Propone solo i migliori bestseller Internazionali dalle autrici di punta del panorama americano. Si rivolge a un pubblico esigente e di carattere. In una parola: femminile"
I titoli pubblicati finora sono carini, freschi, una sicura compagnia per giornate al mare o pomeriggi autunnali.

Una sicurezza per tutte le stagioni, insomma!
Ah, dimenticavo... Il prezzo è amichevole e ammiccante! ;-) 
Fateci un pensiero!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…