Passa ai contenuti principali

Le brave ragazze sognano l’abito bianco di Victoria Dahl


“Le brave ragazze sognano l’abito bianco (ma indossano la giarrettiera)” è un titolo che, già di per sé, stuzzica la fantasia e fa venir voglia di gettare alle ortiche tutti i pensieri negativi e di dedicarsi a qualcosa di frizzante e leggero.

Il romanzo di Victoria Dahl edito da Harlequin Mondadori è il secondo capitolo della trilogia dei fratelli Donovan, i proprietari della Donovan Brothers Brewery, la birreria dove si tengono gli incontri del club di lettura a cui Olivia Bishop ha deciso di partecipare per la prima volta.

Quando si rende conto che il motivo principale per cui le altre si riuniscono lì non è il libro del mese, ma Jamie Donovan, biondo , sfrontato e che serve birra in kilt, Olivia sente che è il momento di cambiare il suo modo ordinato e super programmato di vedere il mondo.
Già dal caschetto nero liscio e sempre in ordine, Olivia dà a Jamie l’impressione di essere una persona che ha bisogno di essere… scompigliata! E lui si impegna come non mai a mantenere fede all’accordo fatto con lei di insegnarle a divertirsi.

Victoria Dahl ci porta pian piano a desiderare che, oltre alle provocazioni, arrivi qualcosa di più e che poi, oltre ai brividi del corpo, possano arrivare anche i battiti furiosi del cuore.

L’estate è fatta per sognare, per sentirsi frivole e leggere e, quando non ce la facciamo con la sola nostra fantasia, questo romanzo ci aiuta a staccare da tutto per qualche piacevole oretta, sia che siate comodamente spaparanzate sotto l’ombrellone, sia che siate ancora in città perse in mille impegni.

Per l’ultimo capitolo della trilogia dei fratelli Donovan, Victoria Dahl tirerà in ballo anche il fratello maggiore, il compassato e severo Eric – confesso, sono andata a sbirciare la versione in inglese sul sito dell’autrice! - e, a questo punto, non vedo l’ora di leggere come andrà a finire!


P.S.: Qualora siate sempre state scettiche/snob nei confronti dei romanzi pubblicati dalla Harlequin, credo che la recente unione con la Mondadori abbia dato una sferzata alle collane pubblicate. Non fosse altro che adesso il genere romantico-frizzante-leggermente arrapato non è più appannaggio solo di questa casa editrice e, quindi, non vedo perché leggere altri romanzi e non pure questi… no? ;-)

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…