Passa ai contenuti principali

L'amore è un bacio di dama di Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti


Ci sono dolcezze, nella vita, che non dipendono dalla dose di zucchero contenuta in un dolce.
“L’amore è un bacio di dama” (Sperling & Kupfer) di Elisabetta Flumeri e Gabriella Giacometti, ci dimostra che, pur essendo una dolcezza diversa, quella che compone l’amore, a volte può capitare che un dolce possa essere evocativo.

E Margherita lo sa da sempre che cucinare per lei è un po’ come amare, di certo è un modo per continuare a stare vicino alla madre morta da tempo. Poi è diventato un modo per farsi apprezzare dal distratto marito, infine si trasforma nella valvola di sfogo per tutti i dolori che, di punto in bianco, le piombano addosso.
Che le disgrazie non arrivino mai da sole, è fatto conosciuto, ma Margherita si organizza presto. Prende il cane Artusi, i due gatti Ratatouille e Asparagio e il merlo indiano Valastro e torna a Roccafitta, ridente paesino della campagna toscana dove è nata e dove risiede ancora l’affascinante padre Armando. Appena mette piede nella terra natia, la invade un senso di libertà che aveva dimenticato che esistesse e prende la decisione di riappropriarsi pienamente della sua vita. Prima di tutto cucinando, poi si vedrà.

Così, quando incontra Nicola Ravelli e il suo cinismo, Margherita lo contrasta con la sua voglia di vivere a modo suo e di cucinare quello che la natura offre, non asettici surgelati. Quello che però non riesce a contrastare è l’attrazione che prova per l’uomo. Nicola è bello e tenebroso, ma capace di attimi di passione così rovente da lasciare la povera Margherita senza fiato.
Ma Margherita ha l’asso nella manica, anzi nei manicaretti che prepara per le cene nella villa di Ravelli e che lo legheranno a lei a doppio filo, non solo dell’amore, ma di tutti e cinque i sensi.

Il duo Flumeri- Giacometti non è nuovo a commedie brillanti e leggere, prova ne sia che le due autrici si sono già cimentate con grande successo nella pubblicazione di romanzi e fotoromanzi, passando poi alla radio e alla pubblicità, fino ad arrivare alla tv come sceneggiatrici di fiction quali Incantesimo, Carabinieri e Orgoglio.

“L’amore è un bacio di dama” si legge con voracità, assaporando ogni pagina, gustandosi i risvolti romantici e, alla fine, leccandosi le dita, soddisfatti.

E se vi è venuta l’acquolina in bocca, non è il caso di resistere: in fondo al libro troverete il ricettario di Margherita, con i famosi baci di dama e non solo.
Se avete un uomo che volete prendere per la gola, beh, ora non avrà più scampo!

Buon appetito… ehm, volevo dire, buona lettura!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …