Passa ai contenuti principali

Il Vaticano sarà il paese ospite d'onore al Salone del Libro 2014. Forse anche Papa Francesco a Torino


La notizia è di quelle che lasciano senza parole: lo Stato del Vaticano sarà il paese ospite d'onore del Salone del libro di Torino 2014.
A dare l'annuncio è stato il segretario di Stato vaticano, cardinale Tarcisio Bertone, che non ha escluso che per l'occasione anche il Papa possa andare in visita al Salone. 

Il Presidente della Fondazione del Libro, Rolando Picchioni, ha rivelato che erano in corso già da tempo trattative tra il Salone e il Vaticano e ora l'esito positivo ha riempito di gioia anche il governatore del Piemonte, Roberto Cota, e il sindaco di Torino, Piero Fassino. 
"Straordinario avere il Vaticano ospite - ha detto Cota -. Che la prima volta della Città del Vaticano al Salone coincida con il Pontificato di un Santo Padre di origini piemontesi costituisce un evento doppiamente eccezionale".
Quella che potrebbe sembrare un'anomalia - cioè il Vaticano ad una fiera del libro! - in realtà è una bella occasione "per mostrare la ricchezza e la complessità del tema religioso" ha dichiarato il capodelegazione per Torino, il cardinale Gianfranco Ravasi.

"Stiamo lavorando - ha aggiunto Don Giuseppe Costa, delegato operativo della partecipazione al Salone del Libro, e direttore della Libreria editrice vaticana - per presentare al Salone la produzione culturale complessiva della Santa Sede, quindi non solo libri, ma anche antesignani del libro, papiri, cinquecentine, fino a prodotti digitali più vicini alla sensibilità di un pubblico giovane. Inoltre studieremo iniziative con i Musei vaticani, la Biblioteca, e tutte le istituzioni culturali del Vaticano. Ovviamente se venisse il Papa - commenta don Costa pensando alle radici piemontesi di papa Bergoglio come 'pretesto' per una visita di Francesco al Salone - siamo pronti a prepararci ancora meglio".

Il Salone del Libro di Torino si terrà come sempre al Lingotto dall'8 al 12 maggio 2014.
Se per gli altri anni avete rimandato, questa volta non potrete mancare a quello che si preannuncia un grandissimo evento!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …