Passa ai contenuti principali

Il Vaticano sarà il paese ospite d'onore al Salone del Libro 2014. Forse anche Papa Francesco a Torino


La notizia è di quelle che lasciano senza parole: lo Stato del Vaticano sarà il paese ospite d'onore del Salone del libro di Torino 2014.
A dare l'annuncio è stato il segretario di Stato vaticano, cardinale Tarcisio Bertone, che non ha escluso che per l'occasione anche il Papa possa andare in visita al Salone. 

Il Presidente della Fondazione del Libro, Rolando Picchioni, ha rivelato che erano in corso già da tempo trattative tra il Salone e il Vaticano e ora l'esito positivo ha riempito di gioia anche il governatore del Piemonte, Roberto Cota, e il sindaco di Torino, Piero Fassino. 
"Straordinario avere il Vaticano ospite - ha detto Cota -. Che la prima volta della Città del Vaticano al Salone coincida con il Pontificato di un Santo Padre di origini piemontesi costituisce un evento doppiamente eccezionale".
Quella che potrebbe sembrare un'anomalia - cioè il Vaticano ad una fiera del libro! - in realtà è una bella occasione "per mostrare la ricchezza e la complessità del tema religioso" ha dichiarato il capodelegazione per Torino, il cardinale Gianfranco Ravasi.

"Stiamo lavorando - ha aggiunto Don Giuseppe Costa, delegato operativo della partecipazione al Salone del Libro, e direttore della Libreria editrice vaticana - per presentare al Salone la produzione culturale complessiva della Santa Sede, quindi non solo libri, ma anche antesignani del libro, papiri, cinquecentine, fino a prodotti digitali più vicini alla sensibilità di un pubblico giovane. Inoltre studieremo iniziative con i Musei vaticani, la Biblioteca, e tutte le istituzioni culturali del Vaticano. Ovviamente se venisse il Papa - commenta don Costa pensando alle radici piemontesi di papa Bergoglio come 'pretesto' per una visita di Francesco al Salone - siamo pronti a prepararci ancora meglio".

Il Salone del Libro di Torino si terrà come sempre al Lingotto dall'8 al 12 maggio 2014.
Se per gli altri anni avete rimandato, questa volta non potrete mancare a quello che si preannuncia un grandissimo evento!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…