Passa ai contenuti principali

Gli amici a quattro zampe dei miei amici...


Oggi ripensavo alla puntata di "Sex and the City" in cui Carrie viene invitata ad una festa per la nascita di un bambino e gli apprensivi genitori, preoccupati dei microbi che entrano in casa senza invito, chiedono agli ospiti di lasciare le scarpe all'ingresso. Carrie lascia le sue sacre Manolo Blahnik e, quando fa per andarsene, non le trova più. Chiedendo spiegazioni alla padrona di casa, l'amica fa spallucce, troppo occupata nelle superiori faccende legate alla nuova nascita. 
Come a dire: "Ma a confronto, cosa sono un paio di scarpe?!". Carrie impazzisce e... vabbè, se non sapete come va a finire, andatevi a recuperare la puntata che si chiama "Diritto alle scarpe".


Oggi ripensavo a questa cosa perché io, pur non essendo Carrie Bradshaw e pur non avendo delle Manolo, ho "subito" quello sguardo, quel dire con tutta la faccia "Sono bambini...", quel piegarsi un pò stronzo delle labbra in un sorrisetto di sufficienza che lo cancelleresti con un calcio in mezzo ai denti.

Il bello è che non mi è capitato coi bambini, ma con quei deliziosissimi animali domestici un pò idrofobi che, se sono cani, abbaiano in maniera così isterica da sentire la loro voce anche ore e ore dopo che ormai vi siete rifugiati nella tranquillità della vostra casa; se sono gatti, vi fanno gli agguati con la foga di ninja addestrati ad uccidere qualsiasi cosa si muova nel raggio di 100 metri.

Ci ho rimesso nell'ordine e nel tempo: pantaloni indiani (i miei preferiti!), una camicia di lino, la punta di un paio di ballerine, le perline su un paio di infradito di cuoio, nonché sangue, urla e... rabbia!


Sì, perché proprio come l'amica di Carrie, anche i proprietari di questi "simpaticissimi" amici a quattro zampe mi hanno risarcita con un'alzatina di spalle e un sorrisetto idiota come per dire "Sono bambini...".

Non ho figli - non ancora, almeno - ma appena mi sarò procurata un bambino, lo istruirò a dovere, non temete. E se proprio non avrà voglia di farvi la cacca sul pavimento o urlare a tutto spiano non appena entriamo dalla porta di casa vostra, come minimo lo invoglierò a toccare e ritoccare qualsiasi oggettino alla sua altezza e, se dovesse scappargli di mano, ooooops! sono bambini!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…