Passa ai contenuti principali

Gli amici a quattro zampe dei miei amici...


Oggi ripensavo alla puntata di "Sex and the City" in cui Carrie viene invitata ad una festa per la nascita di un bambino e gli apprensivi genitori, preoccupati dei microbi che entrano in casa senza invito, chiedono agli ospiti di lasciare le scarpe all'ingresso. Carrie lascia le sue sacre Manolo Blahnik e, quando fa per andarsene, non le trova più. Chiedendo spiegazioni alla padrona di casa, l'amica fa spallucce, troppo occupata nelle superiori faccende legate alla nuova nascita. 
Come a dire: "Ma a confronto, cosa sono un paio di scarpe?!". Carrie impazzisce e... vabbè, se non sapete come va a finire, andatevi a recuperare la puntata che si chiama "Diritto alle scarpe".


Oggi ripensavo a questa cosa perché io, pur non essendo Carrie Bradshaw e pur non avendo delle Manolo, ho "subito" quello sguardo, quel dire con tutta la faccia "Sono bambini...", quel piegarsi un pò stronzo delle labbra in un sorrisetto di sufficienza che lo cancelleresti con un calcio in mezzo ai denti.

Il bello è che non mi è capitato coi bambini, ma con quei deliziosissimi animali domestici un pò idrofobi che, se sono cani, abbaiano in maniera così isterica da sentire la loro voce anche ore e ore dopo che ormai vi siete rifugiati nella tranquillità della vostra casa; se sono gatti, vi fanno gli agguati con la foga di ninja addestrati ad uccidere qualsiasi cosa si muova nel raggio di 100 metri.

Ci ho rimesso nell'ordine e nel tempo: pantaloni indiani (i miei preferiti!), una camicia di lino, la punta di un paio di ballerine, le perline su un paio di infradito di cuoio, nonché sangue, urla e... rabbia!


Sì, perché proprio come l'amica di Carrie, anche i proprietari di questi "simpaticissimi" amici a quattro zampe mi hanno risarcita con un'alzatina di spalle e un sorrisetto idiota come per dire "Sono bambini...".

Non ho figli - non ancora, almeno - ma appena mi sarò procurata un bambino, lo istruirò a dovere, non temete. E se proprio non avrà voglia di farvi la cacca sul pavimento o urlare a tutto spiano non appena entriamo dalla porta di casa vostra, come minimo lo invoglierò a toccare e ritoccare qualsiasi oggettino alla sua altezza e, se dovesse scappargli di mano, ooooops! sono bambini!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…