Passa ai contenuti principali

Gli amici a quattro zampe dei miei amici...


Oggi ripensavo alla puntata di "Sex and the City" in cui Carrie viene invitata ad una festa per la nascita di un bambino e gli apprensivi genitori, preoccupati dei microbi che entrano in casa senza invito, chiedono agli ospiti di lasciare le scarpe all'ingresso. Carrie lascia le sue sacre Manolo Blahnik e, quando fa per andarsene, non le trova più. Chiedendo spiegazioni alla padrona di casa, l'amica fa spallucce, troppo occupata nelle superiori faccende legate alla nuova nascita. 
Come a dire: "Ma a confronto, cosa sono un paio di scarpe?!". Carrie impazzisce e... vabbè, se non sapete come va a finire, andatevi a recuperare la puntata che si chiama "Diritto alle scarpe".


Oggi ripensavo a questa cosa perché io, pur non essendo Carrie Bradshaw e pur non avendo delle Manolo, ho "subito" quello sguardo, quel dire con tutta la faccia "Sono bambini...", quel piegarsi un pò stronzo delle labbra in un sorrisetto di sufficienza che lo cancelleresti con un calcio in mezzo ai denti.

Il bello è che non mi è capitato coi bambini, ma con quei deliziosissimi animali domestici un pò idrofobi che, se sono cani, abbaiano in maniera così isterica da sentire la loro voce anche ore e ore dopo che ormai vi siete rifugiati nella tranquillità della vostra casa; se sono gatti, vi fanno gli agguati con la foga di ninja addestrati ad uccidere qualsiasi cosa si muova nel raggio di 100 metri.

Ci ho rimesso nell'ordine e nel tempo: pantaloni indiani (i miei preferiti!), una camicia di lino, la punta di un paio di ballerine, le perline su un paio di infradito di cuoio, nonché sangue, urla e... rabbia!


Sì, perché proprio come l'amica di Carrie, anche i proprietari di questi "simpaticissimi" amici a quattro zampe mi hanno risarcita con un'alzatina di spalle e un sorrisetto idiota come per dire "Sono bambini...".

Non ho figli - non ancora, almeno - ma appena mi sarò procurata un bambino, lo istruirò a dovere, non temete. E se proprio non avrà voglia di farvi la cacca sul pavimento o urlare a tutto spiano non appena entriamo dalla porta di casa vostra, come minimo lo invoglierò a toccare e ritoccare qualsiasi oggettino alla sua altezza e, se dovesse scappargli di mano, ooooops! sono bambini!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …