Passa ai contenuti principali

E per dolce mangia un cuore di Giuseppe Pompameo


Se il cuore fosse dolce, lo si potrebbe mangiare.
Ma non lo è, allora ci sono due cose che si possono fare: prendersene cura o spezzarlo.

"E per dolce mangia un cuore" di Giuseppe Pompameo, edito da Scrittura & Scritture, è un libro composto da cinque racconti in cui il cuore assume forme differenti, a secondo se esplode, se si spezza, se viene calpestato. E la scrittura di Pompameo - già autore di "Le strane abitudini del caso" (Scrittura & Scritture) e di altri saggi - si pone come scopo principale quello di prendere anche il vostro cuore di lettore e di fargli fare qualche capitombolo. Se si schianterà o no, poi, sarà solo questione di fortuna.

"La giostra davanti al mare" è il racconto che apre la raccolta e contribuisce a farvi immergere completamente nell'atmosfera malinconica di una giostra sul lungomare di una località di villeggiatura, con i suoi ritmi e ondate di visitatori, i lunghi silenzi tristi in riva al mare. Tutto questo è filtrato attraverso gli occhi di due creature pure, entrambe prese a calci dalla vita, calpestate dagli esseri umani che si considerano più in diritto di altri di innalzarsi sull'umanità e sputarci sopra. Un bambino e un cane. Due anime gemelle, ognuno che si prende cura del cuore dell'altro come nessun altro ha saputo fare. C'è una crudeltà così sottile nella scelta delle parole di Pompameo che, tutto ad un tratto, vi troverete a rabbrividire con le lacrime agli occhi, quasi senza che ve ne rendiate conto. 
E sta anche lì, secondo me, l'arte di questo scrittore: nella scelta minuziosa delle parole adatte per evocare atmosfere che si incastonano nella testa del lettore e restano lì, sedimentate, finché un colpo di vento non le riporta in movimento e allora si mostrano di nuovo intensamente. 
Il potere della parola, ma, sopratutto, della parola scelta bene.

Ricorre anche negli altri racconti - ma non in tutti - la presenza di un cane, quasi come se l'autore identificasse in esso l'unico essere vivente in grado di capire un uomo in un momento di altissima sensibilità, quando l'anima di affaccia sull'abisso o quando su quell'abisso ci si tuffa.

"Il rumore bianco dell'inverno", oltre ad essere un racconto di questo libro, è anche il titolo di una raccolta segnalata dal Comitato di Lettura del Premio Calvino.

"E per dolce mangia un cuore" è uno di quei libri che li lasciate un pò lì, poi sentite il bisogno di riprenderli e di leggerne una pagina, magari due, perché sono tanto intensi che il cuore non sempre ce la fa a tenerli dentro tutto in una volta.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…