Passa ai contenuti principali

Con il Diavolo in Paradiso di Mia Mesty


L’ossimoro è una figura retorica che accosta due termini opposti tra di loro o, addirittura, di senso contrario. È esattamente questo che avviene nel titolo del libro “Con il Diavolo in Paradiso (Dodo)”, l’esordio letterario di Mia Mesty, edito dalla casa editrice Carabba.

In realtà, l’ossimoro non risiede solo nel titolo, ma in tutta la storia narrata dall'autrice, che firma con uno pseudonimo quello che ha tutti gli indizi per essere un diario dell’anima.
In ogni capitolo ricorre il colore bianco, ma è un bianco diverso da come siamo abituati ad intenderlo di solito: è un bianco come il nero, come lo intendono tutte le culture orientali, dove non simboleggia la pace e la tranquillità, ma, al contrario, è un colore oscuro e mortifero, segno di infelicità e lutto.
E nella vita della protagonista, Alessia, c’è tutto questo: infelicità, dolore, oscurità e morte, mescolati in una trama da cui è difficile districarsi, così come lei non riesce a districarsi dalla sua vita, come quando si rimane impigliati nelle lenzuola al risveglio da un incubo. Ma Alessia non si risveglia dai suoi incubi, li combatte ad occhi aperti perché, nonostante tutto quel bianco accecante, nonostante tutto quel dolore, quello che vince è sempre e solo la vita.

Così, il bianco diventa anche simbolo di luce, speranza, vita.

Alessia lotta e va avanti, pur portando nel corpo e nell’anima le cicatrici delle tante battaglie, ma mai paga, mai arresa, mai sconfitta. 
E mentre leggete questo libro, vi ritroverete a lottare anche voi per le battaglie della protagonista, certo, ma anche per le vostre, quelle che si sono sedimentate in fondo al cuore, e guarderete le piccole e grandi ferite che si sono più o meno cicatrizzate e non le troverete più così orribili.

“Con il Diavolo in Paradiso (Dodo)” commuove fino alle lacrime per la tenerezza dell’incontro di due bambini, orfani entrambi e vittime della crudeltà della vita che può essere ripagata solo con l’amore più profondo, laddove l’unica presenza costante di tutto il libro è l’assenza che la protagonista riempie prendendo in sé e con sé il dolore di altri esseri che incontra lungo la strada.

Mia Mesty ci mostra prima le cicatrici e poi ci racconta i dolori che le hanno provocate e, non temete, tutte le domande che potrete immaginare, avranno una risposta, dovete solo avere la pazienza di aspettare e andare avanti.

Un esordio come questo ricorda atmosfere tipiche di Margaret Mazzantini – che, curiosamente, ha un nome tutto in M come Mia Mesty – e chissà che anche per questa enigmatica autrice non ci sia lo stesso radioso futuro all’orizzonte. Di certo, ci sono tutti i presupposti per poter parlare di un libro che, arrivati all’ultima pagina, vi lascia un bagaglio di riflessioni che difficilmente vorrete lasciare andare.


P.S.: Lascio a voi il piacere di scoprire il Dodo del titolo chi è e che ruolo ha nella storia...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …