Passa ai contenuti principali

Con il Diavolo in Paradiso di Mia Mesty


L’ossimoro è una figura retorica che accosta due termini opposti tra di loro o, addirittura, di senso contrario. È esattamente questo che avviene nel titolo del libro “Con il Diavolo in Paradiso (Dodo)”, l’esordio letterario di Mia Mesty, edito dalla casa editrice Carabba.

In realtà, l’ossimoro non risiede solo nel titolo, ma in tutta la storia narrata dall'autrice, che firma con uno pseudonimo quello che ha tutti gli indizi per essere un diario dell’anima.
In ogni capitolo ricorre il colore bianco, ma è un bianco diverso da come siamo abituati ad intenderlo di solito: è un bianco come il nero, come lo intendono tutte le culture orientali, dove non simboleggia la pace e la tranquillità, ma, al contrario, è un colore oscuro e mortifero, segno di infelicità e lutto.
E nella vita della protagonista, Alessia, c’è tutto questo: infelicità, dolore, oscurità e morte, mescolati in una trama da cui è difficile districarsi, così come lei non riesce a districarsi dalla sua vita, come quando si rimane impigliati nelle lenzuola al risveglio da un incubo. Ma Alessia non si risveglia dai suoi incubi, li combatte ad occhi aperti perché, nonostante tutto quel bianco accecante, nonostante tutto quel dolore, quello che vince è sempre e solo la vita.

Così, il bianco diventa anche simbolo di luce, speranza, vita.

Alessia lotta e va avanti, pur portando nel corpo e nell’anima le cicatrici delle tante battaglie, ma mai paga, mai arresa, mai sconfitta. 
E mentre leggete questo libro, vi ritroverete a lottare anche voi per le battaglie della protagonista, certo, ma anche per le vostre, quelle che si sono sedimentate in fondo al cuore, e guarderete le piccole e grandi ferite che si sono più o meno cicatrizzate e non le troverete più così orribili.

“Con il Diavolo in Paradiso (Dodo)” commuove fino alle lacrime per la tenerezza dell’incontro di due bambini, orfani entrambi e vittime della crudeltà della vita che può essere ripagata solo con l’amore più profondo, laddove l’unica presenza costante di tutto il libro è l’assenza che la protagonista riempie prendendo in sé e con sé il dolore di altri esseri che incontra lungo la strada.

Mia Mesty ci mostra prima le cicatrici e poi ci racconta i dolori che le hanno provocate e, non temete, tutte le domande che potrete immaginare, avranno una risposta, dovete solo avere la pazienza di aspettare e andare avanti.

Un esordio come questo ricorda atmosfere tipiche di Margaret Mazzantini – che, curiosamente, ha un nome tutto in M come Mia Mesty – e chissà che anche per questa enigmatica autrice non ci sia lo stesso radioso futuro all’orizzonte. Di certo, ci sono tutti i presupposti per poter parlare di un libro che, arrivati all’ultima pagina, vi lascia un bagaglio di riflessioni che difficilmente vorrete lasciare andare.


P.S.: Lascio a voi il piacere di scoprire il Dodo del titolo chi è e che ruolo ha nella storia...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…