Passa ai contenuti principali

Con il Diavolo in Paradiso di Mia Mesty


L’ossimoro è una figura retorica che accosta due termini opposti tra di loro o, addirittura, di senso contrario. È esattamente questo che avviene nel titolo del libro “Con il Diavolo in Paradiso (Dodo)”, l’esordio letterario di Mia Mesty, edito dalla casa editrice Carabba.

In realtà, l’ossimoro non risiede solo nel titolo, ma in tutta la storia narrata dall'autrice, che firma con uno pseudonimo quello che ha tutti gli indizi per essere un diario dell’anima.
In ogni capitolo ricorre il colore bianco, ma è un bianco diverso da come siamo abituati ad intenderlo di solito: è un bianco come il nero, come lo intendono tutte le culture orientali, dove non simboleggia la pace e la tranquillità, ma, al contrario, è un colore oscuro e mortifero, segno di infelicità e lutto.
E nella vita della protagonista, Alessia, c’è tutto questo: infelicità, dolore, oscurità e morte, mescolati in una trama da cui è difficile districarsi, così come lei non riesce a districarsi dalla sua vita, come quando si rimane impigliati nelle lenzuola al risveglio da un incubo. Ma Alessia non si risveglia dai suoi incubi, li combatte ad occhi aperti perché, nonostante tutto quel bianco accecante, nonostante tutto quel dolore, quello che vince è sempre e solo la vita.

Così, il bianco diventa anche simbolo di luce, speranza, vita.

Alessia lotta e va avanti, pur portando nel corpo e nell’anima le cicatrici delle tante battaglie, ma mai paga, mai arresa, mai sconfitta. 
E mentre leggete questo libro, vi ritroverete a lottare anche voi per le battaglie della protagonista, certo, ma anche per le vostre, quelle che si sono sedimentate in fondo al cuore, e guarderete le piccole e grandi ferite che si sono più o meno cicatrizzate e non le troverete più così orribili.

“Con il Diavolo in Paradiso (Dodo)” commuove fino alle lacrime per la tenerezza dell’incontro di due bambini, orfani entrambi e vittime della crudeltà della vita che può essere ripagata solo con l’amore più profondo, laddove l’unica presenza costante di tutto il libro è l’assenza che la protagonista riempie prendendo in sé e con sé il dolore di altri esseri che incontra lungo la strada.

Mia Mesty ci mostra prima le cicatrici e poi ci racconta i dolori che le hanno provocate e, non temete, tutte le domande che potrete immaginare, avranno una risposta, dovete solo avere la pazienza di aspettare e andare avanti.

Un esordio come questo ricorda atmosfere tipiche di Margaret Mazzantini – che, curiosamente, ha un nome tutto in M come Mia Mesty – e chissà che anche per questa enigmatica autrice non ci sia lo stesso radioso futuro all’orizzonte. Di certo, ci sono tutti i presupposti per poter parlare di un libro che, arrivati all’ultima pagina, vi lascia un bagaglio di riflessioni che difficilmente vorrete lasciare andare.


P.S.: Lascio a voi il piacere di scoprire il Dodo del titolo chi è e che ruolo ha nella storia...

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…