Passa ai contenuti principali

Vacanza da Tiffany di Francesca Baldacci: un ebook fresco per l'estate!


Sono tempi duri, questi. E a volte, quando si sceglie un libro, lo si fa pure per alleviare questa durezza. Non sempre, certo, ma a volte è così.

Si chiama  “Vacanza da Tiffany” ed è un ebook che da circa 50 giorni è presente nella classifica di Amazon dei 100 ebook più popolari (e venduti).
La storia racconta di Angy, una ventenne dal carattere peperino che viene mollata sull’altare dal fidanzato storico. Un cuore spezzato prende forme inaspettate e, dopo l’iniziale acidità, Angy decide di reagire e di riprendersi la propria vita: così, va a passare le vacanze dalle zie, due simpatiche sessantenni che sono rimaste ferme agli anni ’60. Del resto, gestiscono un albergo chiamato “Tiffany” proprio in onore del loro film preferito e della mitica icona Audrey Hepburn. Angy crescerà e capirà che l’amore assomiglia – oppure no – ad un film romantico degli anni ’60. 

Abbiamo parlato con Francesca Baldacci, l’autrice di “Vacanza da Tiffany”, giornalista e scrittrice che collabora da anni con riviste di narrativa e per ragazzi.

"Vacanza da Tiffany" è una commedia lieve e spensierata che si addice ai tempi in cui viviamo. Come è nata la storia? E come hai scelto il titolo, che ricalca un po’ un filone in cui Tiffany è presente in un modo o in un altro?

La storia è nata da un'idea che avevo in testa da anni. Ho amato tantissimo "Colazione da Tiffany" e questa commedia vuol essere un "leggero" omaggio al film, alla mia attrice preferita, Audrey Hepburn, come credo si arguisca dalla vicenda stessa. I romanzi su Tiffany che si trovano attualmente in commercio, invece, da quanto mi risulta, si ispirano più alla celeberrima gioielleria, piuttosto che alla pellicola. Lo stile che ho usato è frizzante, con una punteggiatura usata in maniera disinvolta, che a volte sorprende, un po' "onomatopeica", come la definisco io.

Come mai hai deciso di autopubblicare l'ebook e di renderlo disponibile ad un prezzo davvero così basso (0,99 cent)? 

L'autopubblicazione è una scelta che deriva dal mio desiderio di libertà. E il prezzo basso, ahimè, è quasi d'obbligo per il self publishing, a quanto pare!

Il libro è da 50 giorni nella classifica di Amazon. Quale credi che sia la chiave del suo successo?

La chiave del successo di Tiffany risiede, a mio avviso, proprio nella sua leggerezza. E' una storia che si "divora" e fa sorridere, fa parte di quel genere di evasione che, in momenti difficili come questo, è ciò di cui ha bisogno la gente. E anch'io, del resto. Sinceramente mi sono divertita moltissimo a scriverlo. Credo che questo si capisca...

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

I miei prossimi progetti? E' già uscito "L'amica americana", il mio terzo ebook autopubblicato: una storia giovane, fresca, ma più drammatica e scritta con uno stile molto diverso, più tradizionale. A breve invece usciranno alcuni racconti completamente estivi, da leggere sotto l'ombrellone.

Commenti

  1. Bello, bello, bello! L'ho letto, è davvero fresco e leggero, da leggere tutto d'un fiato! E non mi stupisco che stia avendo tanto successo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai ragione Emilù!
      E' un bel libro spensierato che ti fa passare dei momenti di tranquillo divertimento. L'ideale per l'estate! ;-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Sotto il sole d'agosto

L'odore dell'origano secco da setacciare. I suoni della cucina quando qualcuno si sveglia presto. La luce della controra. Quel silenzio che dura sempre pochissimo. Tutti i rituali che sono in ogni cellula del mio cuore.

La felicità.
Il blu profondo del mare. La sabbia nera e gli scogli come artigli che afferrano le onde.
Il Vesuvio giallo di ginestre, viola di tramonto e rosa di alba.


I libri letti e riletti cento volte.
Le mie carte, le agende un po' ingiallite e i biglietti che ancora mi sciolgono il cuore.
Le piccole cose col loro piccolo posto sulla scrivania.

Gli abbracci, quelli grandi e indissolubili.
I baci, quelli veri, forti, a labbra morbide.
L'amore, quello che non passerà mai, che non è mai stato in discussione e mai lo sarà.
I legami, quelli che affondano le radici nel mio cuore, nell'essere più profondo di me e non cambieranno mai.


Sentire la mancanza di tutto quello che si ha così profondamente dentro, è strano.
È come sentirsi mancare un pezzo di c…

Gli scrittori più ricchi del 2015 sono inglesi e americani. E gli italiani?

Ogni volta che si cerca di parlare di lettura si mettono le mani avanti. "Si legge poco, quasi niente". Se osate mettere la domanda in mezzo a una tavolata di amici, potrete trovare quelli che se ne usciranno che sanno cosa sono i libri ma non sentono la necessità di stare nella stessa stanza con loro. Le librerie in Italia chiudono e quando riaprono spesso lo fanno sotto il simbolo dei grandi marchi editoriali (e ben vengano, eh, purché ci siano luoghi per e con i libri).
In Italia nel 2013 il 43% degli italiani adulti dichiara di aver letto almeno un libro negli ultimi dodici mesi (nel 2014 la percentuale è scesa al 41%), mentre negli Stati Uniti nello stesso anno, lo ha fatto il 76% della popolazione. Paese che vai, lettori che trovi.
In questo quadro generale, mi è capitato di leggere la classifica degli scrittori più ricchi del 2015 secondo Forbes e, sì, c'è gente che con i libri ci campa e lo fa anche più che dignitosamente. Non a caso e forse in virtù di quel 76%…