Passa ai contenuti principali

Vacanza da Tiffany di Francesca Baldacci: un ebook fresco per l'estate!


Sono tempi duri, questi. E a volte, quando si sceglie un libro, lo si fa pure per alleviare questa durezza. Non sempre, certo, ma a volte è così.

Si chiama  “Vacanza da Tiffany” ed è un ebook che da circa 50 giorni è presente nella classifica di Amazon dei 100 ebook più popolari (e venduti).
La storia racconta di Angy, una ventenne dal carattere peperino che viene mollata sull’altare dal fidanzato storico. Un cuore spezzato prende forme inaspettate e, dopo l’iniziale acidità, Angy decide di reagire e di riprendersi la propria vita: così, va a passare le vacanze dalle zie, due simpatiche sessantenni che sono rimaste ferme agli anni ’60. Del resto, gestiscono un albergo chiamato “Tiffany” proprio in onore del loro film preferito e della mitica icona Audrey Hepburn. Angy crescerà e capirà che l’amore assomiglia – oppure no – ad un film romantico degli anni ’60. 

Abbiamo parlato con Francesca Baldacci, l’autrice di “Vacanza da Tiffany”, giornalista e scrittrice che collabora da anni con riviste di narrativa e per ragazzi.

"Vacanza da Tiffany" è una commedia lieve e spensierata che si addice ai tempi in cui viviamo. Come è nata la storia? E come hai scelto il titolo, che ricalca un po’ un filone in cui Tiffany è presente in un modo o in un altro?

La storia è nata da un'idea che avevo in testa da anni. Ho amato tantissimo "Colazione da Tiffany" e questa commedia vuol essere un "leggero" omaggio al film, alla mia attrice preferita, Audrey Hepburn, come credo si arguisca dalla vicenda stessa. I romanzi su Tiffany che si trovano attualmente in commercio, invece, da quanto mi risulta, si ispirano più alla celeberrima gioielleria, piuttosto che alla pellicola. Lo stile che ho usato è frizzante, con una punteggiatura usata in maniera disinvolta, che a volte sorprende, un po' "onomatopeica", come la definisco io.

Come mai hai deciso di autopubblicare l'ebook e di renderlo disponibile ad un prezzo davvero così basso (0,99 cent)? 

L'autopubblicazione è una scelta che deriva dal mio desiderio di libertà. E il prezzo basso, ahimè, è quasi d'obbligo per il self publishing, a quanto pare!

Il libro è da 50 giorni nella classifica di Amazon. Quale credi che sia la chiave del suo successo?

La chiave del successo di Tiffany risiede, a mio avviso, proprio nella sua leggerezza. E' una storia che si "divora" e fa sorridere, fa parte di quel genere di evasione che, in momenti difficili come questo, è ciò di cui ha bisogno la gente. E anch'io, del resto. Sinceramente mi sono divertita moltissimo a scriverlo. Credo che questo si capisca...

Quali sono i tuoi prossimi progetti?

I miei prossimi progetti? E' già uscito "L'amica americana", il mio terzo ebook autopubblicato: una storia giovane, fresca, ma più drammatica e scritta con uno stile molto diverso, più tradizionale. A breve invece usciranno alcuni racconti completamente estivi, da leggere sotto l'ombrellone.

Commenti

  1. Bello, bello, bello! L'ho letto, è davvero fresco e leggero, da leggere tutto d'un fiato! E non mi stupisco che stia avendo tanto successo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, hai ragione Emilù!
      E' un bel libro spensierato che ti fa passare dei momenti di tranquillo divertimento. L'ideale per l'estate! ;-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…