Passa ai contenuti principali

Sofia si veste sempre di nero di Paolo Cognetti


Chi descrive la vita di una persona come una storia uniforme, o sta descrivendo una vita piatta, o sta mentendo.
Ogni vita è composta da tanti "capitoli" – come un libro – scritti con mano diversa, ma da uno stesso autore: una mano che è piccola, paffuta e ingenua nell'età più giovane, e pian piano si arricchisce di rughe, macchie e cicatrici, quindi i diversi capitoli non sono mai uguali tra loro, pur avendo un unico filo conduttore.
Accade così per "Sofia si veste sempre di nero" (minimum fax) di Paolo Cognetti.

Composto da 10 capitoli, il libro è in realtà formato da 10 distinti racconti che hanno come filo conduttore la vita di Sofia. Una vita che non è mai uguale, e che di capitolo in capitolo cresce, si arricchisce, viene ferita e un po’ curata, offesa e illuminata da grandi verità.
Sofia è una bambina che non piange quando viene al mondo, ma si aggrappa alla vita nel suo modo tutto particolare. Sofia è una bambina che gioca ad inventare mondi in cui perdersi in mille avventure. Sofia è un’adolescente che ha messo su mille spigoli per impedire a tutti di avvicinarsi troppo alla sua fragilità. Sofia è una donna che fuma da sola nel retro di un bar in riva al fiume dalla parte di Brooklyn con i grattacieli dall'altra sponda a fissarla.

Nell'ultimo capitolo, quello che ho più amato perché parla di New York in maniera molto simile a come ne ho scritto io nella mia tesi – cioè con le viscere e il cuore in mano -, compare l’autore in persona e poco importa che invece di Paolo si chiami Pietro: racconta la malia di Sofia su di lui, sulla sua scrittura, ed è il racconto della nascita di tutto il libro.

Non avevo letto niente di Paolo Cognetti, finora, – ma sto recuperando! – e la secchezza dei concetti, la drasticità di alcune immagini descritte con parole che non danno scampo eppure aprono infinite riflessioni, mi ha ricordato molto lo stile di certi racconti americani. Non oso fare paragoni perché certi nomi risulterebbero presuntuosi per la mia critica, ma sappiate che vanno a pennello per Cognetti, che è candidato in corsa per il Premio Strega 2013 (di cui domani verrà estratta la cinquina finale).

Ho preso questo libro dopo un lungo corteggiamento e, come succede quasi sempre per i lunghi corteggiamenti, l’ho divorato con una fame che non credevo di avere.
Che non sapevo di avere, perché in realtà è la fame di Sofia che si impossessa del lettore e lo rende schiavo. 
Fame di affetto. Fame di amore. O, più semplicemente, fame di vita.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…