Passa ai contenuti principali

Sofia si veste sempre di nero di Paolo Cognetti


Chi descrive la vita di una persona come una storia uniforme, o sta descrivendo una vita piatta, o sta mentendo.
Ogni vita è composta da tanti "capitoli" – come un libro – scritti con mano diversa, ma da uno stesso autore: una mano che è piccola, paffuta e ingenua nell'età più giovane, e pian piano si arricchisce di rughe, macchie e cicatrici, quindi i diversi capitoli non sono mai uguali tra loro, pur avendo un unico filo conduttore.
Accade così per "Sofia si veste sempre di nero" (minimum fax) di Paolo Cognetti.

Composto da 10 capitoli, il libro è in realtà formato da 10 distinti racconti che hanno come filo conduttore la vita di Sofia. Una vita che non è mai uguale, e che di capitolo in capitolo cresce, si arricchisce, viene ferita e un po’ curata, offesa e illuminata da grandi verità.
Sofia è una bambina che non piange quando viene al mondo, ma si aggrappa alla vita nel suo modo tutto particolare. Sofia è una bambina che gioca ad inventare mondi in cui perdersi in mille avventure. Sofia è un’adolescente che ha messo su mille spigoli per impedire a tutti di avvicinarsi troppo alla sua fragilità. Sofia è una donna che fuma da sola nel retro di un bar in riva al fiume dalla parte di Brooklyn con i grattacieli dall'altra sponda a fissarla.

Nell'ultimo capitolo, quello che ho più amato perché parla di New York in maniera molto simile a come ne ho scritto io nella mia tesi – cioè con le viscere e il cuore in mano -, compare l’autore in persona e poco importa che invece di Paolo si chiami Pietro: racconta la malia di Sofia su di lui, sulla sua scrittura, ed è il racconto della nascita di tutto il libro.

Non avevo letto niente di Paolo Cognetti, finora, – ma sto recuperando! – e la secchezza dei concetti, la drasticità di alcune immagini descritte con parole che non danno scampo eppure aprono infinite riflessioni, mi ha ricordato molto lo stile di certi racconti americani. Non oso fare paragoni perché certi nomi risulterebbero presuntuosi per la mia critica, ma sappiate che vanno a pennello per Cognetti, che è candidato in corsa per il Premio Strega 2013 (di cui domani verrà estratta la cinquina finale).

Ho preso questo libro dopo un lungo corteggiamento e, come succede quasi sempre per i lunghi corteggiamenti, l’ho divorato con una fame che non credevo di avere.
Che non sapevo di avere, perché in realtà è la fame di Sofia che si impossessa del lettore e lo rende schiavo. 
Fame di affetto. Fame di amore. O, più semplicemente, fame di vita.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…