Passa ai contenuti principali

Sofia si veste sempre di nero di Paolo Cognetti


Chi descrive la vita di una persona come una storia uniforme, o sta descrivendo una vita piatta, o sta mentendo.
Ogni vita è composta da tanti "capitoli" – come un libro – scritti con mano diversa, ma da uno stesso autore: una mano che è piccola, paffuta e ingenua nell'età più giovane, e pian piano si arricchisce di rughe, macchie e cicatrici, quindi i diversi capitoli non sono mai uguali tra loro, pur avendo un unico filo conduttore.
Accade così per "Sofia si veste sempre di nero" (minimum fax) di Paolo Cognetti.

Composto da 10 capitoli, il libro è in realtà formato da 10 distinti racconti che hanno come filo conduttore la vita di Sofia. Una vita che non è mai uguale, e che di capitolo in capitolo cresce, si arricchisce, viene ferita e un po’ curata, offesa e illuminata da grandi verità.
Sofia è una bambina che non piange quando viene al mondo, ma si aggrappa alla vita nel suo modo tutto particolare. Sofia è una bambina che gioca ad inventare mondi in cui perdersi in mille avventure. Sofia è un’adolescente che ha messo su mille spigoli per impedire a tutti di avvicinarsi troppo alla sua fragilità. Sofia è una donna che fuma da sola nel retro di un bar in riva al fiume dalla parte di Brooklyn con i grattacieli dall'altra sponda a fissarla.

Nell'ultimo capitolo, quello che ho più amato perché parla di New York in maniera molto simile a come ne ho scritto io nella mia tesi – cioè con le viscere e il cuore in mano -, compare l’autore in persona e poco importa che invece di Paolo si chiami Pietro: racconta la malia di Sofia su di lui, sulla sua scrittura, ed è il racconto della nascita di tutto il libro.

Non avevo letto niente di Paolo Cognetti, finora, – ma sto recuperando! – e la secchezza dei concetti, la drasticità di alcune immagini descritte con parole che non danno scampo eppure aprono infinite riflessioni, mi ha ricordato molto lo stile di certi racconti americani. Non oso fare paragoni perché certi nomi risulterebbero presuntuosi per la mia critica, ma sappiate che vanno a pennello per Cognetti, che è candidato in corsa per il Premio Strega 2013 (di cui domani verrà estratta la cinquina finale).

Ho preso questo libro dopo un lungo corteggiamento e, come succede quasi sempre per i lunghi corteggiamenti, l’ho divorato con una fame che non credevo di avere.
Che non sapevo di avere, perché in realtà è la fame di Sofia che si impossessa del lettore e lo rende schiavo. 
Fame di affetto. Fame di amore. O, più semplicemente, fame di vita.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…

Leggimi Napoli, un percorso d'amore

Per l’anno nuovo, ho cercato di evitare i buoni propositi ma, evidentemente, loro non hanno evitato me. Pur non avendone le intenzioni, pian piano hanno iniziato a formarsi nei miei pensieri delle liste, degli elenchi, delle frasi a volte composte da una sola parola, che indicavano senza ombra di dubbio delle proposte di cose da fare possibilmente nei prossimi dodici mesi. Dei propositi, insomma.
Quello di cui vi sto per parlare è un percorso che si è delineato naturalmente, complice la miriade di libri che ho portato con me dalle vacanze natalizie. A ben guardare, infatti, tra i libri che ho letto e quelli che vorrei leggere, ce ne sono tanti che parlano di Napoli. Non a caso ho iniziato l’anno di questo blog proprio con la recensione di “Napoli mon amour”.

Ho notato che, da quando vivo all'estero, ho iniziato a cercare, leggere e accarezzare libri che parlano della mia terra. Non perché abbia bisogno dell'inchiostro su carta per ricordarmela, per carità, ma forse mi sembra …