Passa ai contenuti principali

Signora, lei l'ha trovata la Verità?


“Signora, lei l’ha trovata la Verità?”.

Prendete questa frase e mettetela sulle labbra di una donna magra e alta, accompagnata da una bambina con gli occhiali e un occhio fasciato, e da una signora più anziana con i capelli arancioni.

Prendete questi tre personaggi e metteteli sul pianerottolo di un tranquillo condominio svizzero, alle 10 di sabato mattina.

A questo, aggiungete lo shock di sentire bussare al campanello in un Paese straniero dove non conoscete pressoché nessuno e addizionate con il sano sconforto di sapere che, qualora dovesse essere un vicino, non capireste un’emerita mazza di quello che dice.

Il quadro non è completo se non mettete anche il mio urlo in direzione del mio fidanzato – per ora l’unico detentore del segreto della lingua straniera – che giustamente si rifiuta di uscire dalla doccia e andare a vedere chi è. E secondo me si rifiuta confidando nel fatto che, presa dal panico, improvvisamente mi sarebbe scesa addosso una scienza linguistica tale da fronteggiare qualsiasi discorso si potesse farmi dallo zerbino.

Ecco, ora il quadro mi sembra completo. 
Ah, dimenticavo: la frase mi è stata rivolta in italiano, ma me ne sono resa conto solo in un secondo momento.
Ora capirete che il mio comprendonio era rivolto più a decifrare tutto quello che non le parole della donna.

“Signora, lei l’ha trovata la Verità?”.

La mia faccia probabilmente era troppo eloquente, perché la donna ha detto poi alla bambina di darmi un volantino su cui ho letto velocemente: “Verità. Dove potete trovarla? Come può aiutare voi e la vostra famiglia?”.
Ho iniziato a fare mente locale, quando la donna magra e alta ha insistito per leggere un versetto della Bibbia che parlava della Verità. 
Uh Gesù! È il caso di dirlo…

L’estate scorsa, a Londra, c’era una donna molto distinta che, senza dire una sola parola, dava volantini coloratissimi. Lo presi pure io. Ad una seconda occhiata quei colori erano le fiamme dell’inferno e diceva: “Lo conoscete l’Inferno?”. Al momento sarei voluta tornare indietro a fare due conti con la distinta signora, giusto per capire se stava sfottendo il prossimo, ma poi ho desistito.
Stamattina è capitata la stessa cosa ma con la verità.

“Signora, lei l’ha trovata la Verità?”.

La verità? 
Scusate, ma ditemela voi la verità: ma chi ve lo fa fare? 
Ma più che altro, con quale cuore tirate fuori dal letto sta povera creatura che chiaramente tiene una faccia di chi si vorrebbe trovare in tutt’altro posto?

Scusate, e ve la posso dire anche io la mia verità del sabato mattina?
Ma faciteme o’ piacere!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…