Passa ai contenuti principali

Signora, lei l'ha trovata la Verità?


“Signora, lei l’ha trovata la Verità?”.

Prendete questa frase e mettetela sulle labbra di una donna magra e alta, accompagnata da una bambina con gli occhiali e un occhio fasciato, e da una signora più anziana con i capelli arancioni.

Prendete questi tre personaggi e metteteli sul pianerottolo di un tranquillo condominio svizzero, alle 10 di sabato mattina.

A questo, aggiungete lo shock di sentire bussare al campanello in un Paese straniero dove non conoscete pressoché nessuno e addizionate con il sano sconforto di sapere che, qualora dovesse essere un vicino, non capireste un’emerita mazza di quello che dice.

Il quadro non è completo se non mettete anche il mio urlo in direzione del mio fidanzato – per ora l’unico detentore del segreto della lingua straniera – che giustamente si rifiuta di uscire dalla doccia e andare a vedere chi è. E secondo me si rifiuta confidando nel fatto che, presa dal panico, improvvisamente mi sarebbe scesa addosso una scienza linguistica tale da fronteggiare qualsiasi discorso si potesse farmi dallo zerbino.

Ecco, ora il quadro mi sembra completo. 
Ah, dimenticavo: la frase mi è stata rivolta in italiano, ma me ne sono resa conto solo in un secondo momento.
Ora capirete che il mio comprendonio era rivolto più a decifrare tutto quello che non le parole della donna.

“Signora, lei l’ha trovata la Verità?”.

La mia faccia probabilmente era troppo eloquente, perché la donna ha detto poi alla bambina di darmi un volantino su cui ho letto velocemente: “Verità. Dove potete trovarla? Come può aiutare voi e la vostra famiglia?”.
Ho iniziato a fare mente locale, quando la donna magra e alta ha insistito per leggere un versetto della Bibbia che parlava della Verità. 
Uh Gesù! È il caso di dirlo…

L’estate scorsa, a Londra, c’era una donna molto distinta che, senza dire una sola parola, dava volantini coloratissimi. Lo presi pure io. Ad una seconda occhiata quei colori erano le fiamme dell’inferno e diceva: “Lo conoscete l’Inferno?”. Al momento sarei voluta tornare indietro a fare due conti con la distinta signora, giusto per capire se stava sfottendo il prossimo, ma poi ho desistito.
Stamattina è capitata la stessa cosa ma con la verità.

“Signora, lei l’ha trovata la Verità?”.

La verità? 
Scusate, ma ditemela voi la verità: ma chi ve lo fa fare? 
Ma più che altro, con quale cuore tirate fuori dal letto sta povera creatura che chiaramente tiene una faccia di chi si vorrebbe trovare in tutt’altro posto?

Scusate, e ve la posso dire anche io la mia verità del sabato mattina?
Ma faciteme o’ piacere!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…