Passa ai contenuti principali

Signora, lei l'ha trovata la Verità?


“Signora, lei l’ha trovata la Verità?”.

Prendete questa frase e mettetela sulle labbra di una donna magra e alta, accompagnata da una bambina con gli occhiali e un occhio fasciato, e da una signora più anziana con i capelli arancioni.

Prendete questi tre personaggi e metteteli sul pianerottolo di un tranquillo condominio svizzero, alle 10 di sabato mattina.

A questo, aggiungete lo shock di sentire bussare al campanello in un Paese straniero dove non conoscete pressoché nessuno e addizionate con il sano sconforto di sapere che, qualora dovesse essere un vicino, non capireste un’emerita mazza di quello che dice.

Il quadro non è completo se non mettete anche il mio urlo in direzione del mio fidanzato – per ora l’unico detentore del segreto della lingua straniera – che giustamente si rifiuta di uscire dalla doccia e andare a vedere chi è. E secondo me si rifiuta confidando nel fatto che, presa dal panico, improvvisamente mi sarebbe scesa addosso una scienza linguistica tale da fronteggiare qualsiasi discorso si potesse farmi dallo zerbino.

Ecco, ora il quadro mi sembra completo. 
Ah, dimenticavo: la frase mi è stata rivolta in italiano, ma me ne sono resa conto solo in un secondo momento.
Ora capirete che il mio comprendonio era rivolto più a decifrare tutto quello che non le parole della donna.

“Signora, lei l’ha trovata la Verità?”.

La mia faccia probabilmente era troppo eloquente, perché la donna ha detto poi alla bambina di darmi un volantino su cui ho letto velocemente: “Verità. Dove potete trovarla? Come può aiutare voi e la vostra famiglia?”.
Ho iniziato a fare mente locale, quando la donna magra e alta ha insistito per leggere un versetto della Bibbia che parlava della Verità. 
Uh Gesù! È il caso di dirlo…

L’estate scorsa, a Londra, c’era una donna molto distinta che, senza dire una sola parola, dava volantini coloratissimi. Lo presi pure io. Ad una seconda occhiata quei colori erano le fiamme dell’inferno e diceva: “Lo conoscete l’Inferno?”. Al momento sarei voluta tornare indietro a fare due conti con la distinta signora, giusto per capire se stava sfottendo il prossimo, ma poi ho desistito.
Stamattina è capitata la stessa cosa ma con la verità.

“Signora, lei l’ha trovata la Verità?”.

La verità? 
Scusate, ma ditemela voi la verità: ma chi ve lo fa fare? 
Ma più che altro, con quale cuore tirate fuori dal letto sta povera creatura che chiaramente tiene una faccia di chi si vorrebbe trovare in tutt’altro posto?

Scusate, e ve la posso dire anche io la mia verità del sabato mattina?
Ma faciteme o’ piacere!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…